14 Dic 2018

Scuola diffusa della Terra: aperte le iscrizioni

Scritto da: Redazione

Sono aperte fino al 21 dicembre le iscrizioni per la Scuola diffusa della Terra Emilio Sereni, un programma di formazione proposto dall'associazione Terra! e rivolto ai giovani in cerca di occupazione. L'obiettivo è quello di fornire conoscenze e competenze pratiche nel settore dell'agricoltura ecologica offrendo nuove possibilità d'impiego.

Aprire le porte dell’agroecologia ai giovani, contribuendo al ricambio generazionale nel settore primario con uno sguardo attento alla sostenibilità. È questa la missione della Scuola diffusa della Terra Emilio Sereni, un progetto ideato da Terra! insieme alla Nando and Elsa Peretti Foundation giunto quest’anno al suo terzo ciclo.

scuola-diffusa-terra

Le iscrizioni al percorso di formazione teorico-pratica sono aperte fino al 21 dicembre: per candidarsi è necessario compilare il form sul sito della scuola (www.scuolaemiliosereni.it). La Scuola Emilio Sereni si rivolge a giovani fino a 40 anni, disoccupati o inoccupati, interessati a intraprendere un percorso che unisce teoria, pratica e tirocinio retribuito in azienda, con l’obiettivo di formare gli agricoltori di domani. Da quest’anno, Terra! aumenta da 15 a 20 il numero dei partecipanti e da 3 a 4 le borse lavoro, che consentiranno ad altrettanti giovani selezionati di proseguire il percorso con un tirocinio di 5 mesi per 800 euro lordi mensili nelle aziende partner del progetto.

Le lezioni teoriche si terranno a Firenze dal 14 al 25 gennaio, presso il Centro Polivalente Avventista del 7° giorno (via del Pergolino 1). La pratica sarà svolta nelle aziende partner dal 28 gennaio all’8 febbraio, dividendo i partecipanti in gruppi (leggi il programma della formazione). Al termine del ciclo formativo, con un processo partecipato saranno scelti i 4 tirocinanti che proseguiranno il percorso nelle aziende partner a partire dal 18 febbraio.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

 

Il bando 2019 (scaricabile dal sito della Scuola) è stato presentato oggi in una conferenza stampa alla Regione Toscana, tra i patrocinatori del progetto. All’incontro sono intervenuti Fabio Ciconte, direttore di Terra!, Daniel Monetti, responsabile della Scuola Emilio Sereni, Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale, Leonardo Marras, consigliere regionale, Luca Lischi, capo di gabinetto dell’Assessorato regionale all’Istruzione e Giovanna De Cola, titolare dell’azienda partner della Scuola “Il Felcetone”.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”
La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”
Antonio: “Lascio tutto e vado a vivere in un borgo abbandonato”

Agriexperience, scoprire l’Italia rurale in modo lento e sincero
Agriexperience, scoprire l’Italia rurale in modo lento e sincero

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici