22 Gen 2019

L'Arte della Demopraxia al primo Rebirth Forum Roma

Scritto da: Redazione

Il 24, 25 e 26 gennaio 2019 si terrà il primo Rebirth Forum Roma presso, e con, il MACRO - Museo d’Arte Contemporanea. All'iniziativa prenderanno parte cento organizzazioni che lavoreranno per individuare pratiche e progetti responsabili e sostenibili per le realtà attive sul territorio della capitale secondo i criteri dell'Arte della Demopraxia.

Il 24, 25 e 26 gennaio 2019 si terrà il primo Rebirth Forum Roma presso, e con, il MACRO ASILO, 100 organizzazioni sedute a i tavoli del Terzo Paradiso attraverso 100 loro referenti, con formale incarico a partecipare, per individuare pratiche e progetti responsabili e sostenibili per le organizzazioni attive sul territorio della Città di Roma, secondo i criteri dell’Arte della Demopraxia enunciati da Michelangelo Pistoletto e Paolo Naldini, direttore di Cittadellarte-Fondazione Pistoletto. Due giorni di sessioni di lavoro cui seguirà la presentazione degli obiettivi da conseguire, alla presenza dell’artista Michelangelo Pistoletto e alla presenza di rappresentanti delle Istituzioni e del mondo accademico.

i tavoli del Terzo Paradiso 2-

L’Arte della Demopraxia (dove il termine pratica – in greco praxis – sostituisce il termine cratòs, potere) si fonda sul riconoscimento che le persone, riunite nelle diverse organizzazioni che compongono la società (associazioni, fondazioni, imprese, enti pubblici e privati, profit e no profit, consorzi, comitati, circoli, gruppi di lavoro e ogni altra forma di collaborazione organizzata) esercitano quotidianamente un effettivo potere politico. In esse, infatti, si trascorrono ore, giornate e anni, e ogni giorno si compiono scelte, si assumono decisioni che concretamente impattano sulla nostra vita di lavoratori, di imprenditori, di fornitori, di clienti, di associati, di aderenti e di membri di una famiglia. Ogni organizzazione è dunque di per sé un micro-governo o un micro-parlamento, distribuiti nel tessuto sociale. Le pratiche che in essa si compiono costituiscono di fatto politica pubblica e privata insieme.

 

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il compito della Demopraxia è rendere visibili e consapevoli queste organizzazioni e le loro pratiche, connettendole per formare sistemi di gestione realmente a partecipazione attiva. Questi sistemi, se estesi all’intera società, rendono attuabile il sogno antico della democrazia, il governo del popolo. La Demopraxia è una pratica necessaria all’equilibrio della convivenza civile, dove ognuno, dalle piccole occupazioni del quotidiano, saprà estenderla alle grandi relazioni sociopolitiche della vita comune.

i tavoli del Terzo Paradiso -2

Il modello del Rebirth Forum, propone e attiva una dinamica di impegno alla quale ciascuno è chiamato a partecipare in prima persona con la consapevolezza che tutti noi siamo investiti di responsabilità sociali nelle organizzazioni a cui partecipiamo e apparteniamo.

 

Il Metodo Demopratico adotta come riferimento primario i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile Agenda 2030 dell’ONU per definire i principali campi d’azione in connessione con le esigenze territoriali. Si sviluppa come strumento conoscitivo, progettuale, partecipativo e performativo. Si articola in 3 fasi operative: Mappatura, Forum, Cantieri (VIDEO). Sono in atto Cantieri demopratici a L’Avana, Alghero, Melbourne, Bali e ne stanno nascendo in altri luoghi, portando l’Arte della Demopraxia (link) in contesti culturali ed economico-sociali profondamente diversi.

 

“I tavoli del Terzo Paradiso”, un’opera realizzata da Michelangelo Pistoletto in collaborazione con Francesco Saverio Teruzzi, è un’opera di partecipazione che, attraverso il dono delle sedie, rigorosamente usate, da parte delle organizzazioni partecipanti al Rebirth Forum Roma, diverrà un’opera collettiva.

 

Per il programma completo clicca qui

 

 

 

Articoli simili
Il Terzo Paradiso sulle montagne della Sila

Italia che Cambia aderisce al Terzo Paradiso

2° Forum Rebirth – La Mela Reintegrata: Milano diventa un cantiere per l'innovazione sostenibile

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani