Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Gen 2019

Ricette #22 – Zuppa thai alla crema di cocco

Scritto da: Giulia Napolitano

Ricordando un viaggio in Cambogia ed in particolare il cibo gustato in questo Paese, la dottoressa Giulia Napolitano ci propone oggi un piatto dal gusto tropicale: ecco come preparare una deliziosa zuppa thai alla crema di cocco.

Diversi anni fa ho visitato un paese meraviglioso: la Cambogia. Non è una meta così rinomata come la Thailandia, ma non ha davvero nulla da invidiarle. È un paese molto particolare, ad un passo dal Vietnam e dalla Cina, punto d’incontro di diverse religioni, usanze e tradizioni culinarie. Molto ricca di fitte vegetazioni, presenta una varietà di alimenti davvero ricca. Il clima è tropicale e quindi possiamo facilmente trovare i vegetali tipici della zona equatoriale: cocco, pomeli, pitaia, manghi, jackfruits, manghi, banane… insomma il paradiso dei fruttariani!

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

Dal punto di vista umano la Cambogia è pienissima di persone di diverse nazionalità: moltissimi americani e cinesi, ma anche un nutrito gruppo di italiani. In particolare ho conosciuto due personaggi molto particolari, cuochi entrambi, che avevano deciso di importare le tradizioni culinarie italiane adeguandole alle verdure cambogiane: ho quindi potuto gustare un superbo pesto di basilico cambogiano (che sa quasi di menta, molto strano!) fatto da un genovese doc e un incredibile piatto di pasta napoletana con pomodoro e olive mentre ero su un’isola che non aveva nemmeno una strada. Per il resto ho sempre scelto cibo e cuochi locali, mangiando davvero di gusto!

fruit-2456187_1920

Come potete intuire, ogni volta che penso a quel viaggio, la mia mente riesce a spazzare via tutto il resto e selezionare un’unica cosa: il cibo! In Cambogia ho mangiato benissimo. Una delle cose che più mi ha travolto è stato l’uso della crema di cocco nelle zuppe (niente di nuovo per chi da anni si è convertito alla cucina fusion o internazionale, ma al tempo mi sembrò una novità assoluta).

 

Tornando in Italia ho subito provato a ripetere le buonissime zuppe e ho scoperto che basta aggiungere della crema di cocco e della crema di arachidi per rendere qualsiasi zuppa una fenomenale zuppa Thai.

 

Nella zuppa che vi propongo oggi ho usato diverse verdure di stagione, porri, patate (molto poche, altrimenti diventa troppo cremoso) e carote cui ho poi aggiunto una manciata di fagiolini che avevo saggiamente surgelato quest’estate, quando l’orto era in super produzione. Ho aggiunto anche un po’ di soba (spaghetti giapponesi di grano saraceno) e un po’ di fagioli edamame. Questi ultimi sono una recente scoperta per me e li trovo davvero gustosi: sono fagioli di soia acerbi e cotti. Il gusto è molto dolce e ricorda un po’ la castagna.

 

Ho inoltre aggiunto a fine cottura un meraviglioso succo di zenzero – in mancanza di questo si può utilizzare la radice grattugiata – e del buonissimo coriandolo fresco, di cui mi sono innamorata nei miei viaggi tropicali. Viene utilizzato molto anche nella cucina messicana ed ha un gusto molto particolare e deciso: vi dico che viene detto anche “erba cimice”, quindi è difficile che piaccia a tutti!

zuppa-thai-

Ingredienti
una piccola patata
due carote
un porro
aglio
fagiolini
edamame in scatola
olio evo
crema di cocco
crema di arachidi
coriandolo fresco
succo di zenzero
soba di grano saraceno

 

Preparazione
Il procedimento è molto semplice: tagliate tutto a pezzetti e mettete in una pentola con abbondante acqua. A fine cottura aggiungete i soba, gli edamame, la crema di cocco e un cucchiaio di crema di arachidi. Quando i soba sono cotti, spegnete, aggiustate di sale, unite il succo di zenzero e il coriandolo fresco. Servite bollenti e, ovviamente, con bacchette.
Buon appetito!

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune