15 Feb 2019

I funghi: futuri protagonisti delle bonifiche ambientali

Scritto da: Annalisa Jannone

Life Biorest è un progetto europeo dell’Università di Torino e promuove lo studio dei ceppi fungini come strumento di riqualificazione ambientale. Già progetti pilota ne documentano l’efficacia, la sostenibilità economica ed ambientale rispetto ai metodi convenzionali di bonifica.

Salva nei preferiti

Torino - Life Biorest è un progetto italo-franco-spagnolo a cui partecipa il Dipartimento di Scienze della Vita e della Biologia dei Sistemi dell’Università di Torino.
Il progetto vuole proporre un metodo biologico per bonificare in situ i terreni inquinati da idrocarburi attraverso la Mycoremediation ambientale cioè attraverso l’uso di funghi.

All’interno dell’Orto Botanico uno staff di una ventina di persone, coordinato dalla professoressa Giovanna Cristina Varese, lavora nella Micoteca, una delle più importanti banche di biodiversità fungina in Italia.

Quelli che noi conosciamo come funghi e che mangiamo, sono il corpo fruttifero, cioè l’organo sessuale, mentre il fungo nella fase vegetativa è detta ifa ed è come una “lanuggine” fatta di sottili e ramificate fibre nel terreno.
Le ife costituiscono una vasta rete di comunicazione e trasporto di cibo per le piante, tanto che sono usati come bioindicatori dello stato di salute di terreni e boschi.
I funghi hanno la capacità di “digerire” e trasformare composti complessi, rifiuti industriali, inquinanti dell’agro-industria, farmaci e plastiche. Sono in grado di degradare, scindere il materiale morto, ad esempio la lignina degli alberi e trasformarlo in materiale più semplice e vivo per nutrire piante e animali. Hanno una grandissima capacità di trasformazione grazie all’alta quantità di enzimi e sostanze chelanti che digeriscono anche plastiche, metalli pesanti e farmaci.

i funghi possibili protagonisti delle bonifiche ambientali 1550217784

I ceppi fungini sono sempre più studiati e utilizzati nelle bonifiche di acque reflue industriali e urbane, così come dei terreni.
Il loro uso garantisce il pieno rispetto dell’ambiente e degli ecosistemi ma anche un minor uso di energia che diminuisce notevolmente i costi rispetto ai metodi classici.

La collezione fungina di Torino ha una particolare rilevanza da un punto di vista ecologico e applicativo. Infatti, molti ceppi isolati della MUT – Mycotheca Universitatis Taurinensis sono stati caratterizzati per le loro proprietà ecologiche e fisiologiche e comprendono, ad esempio, ceppi micorrizici, agenti di biocontrollo e biondicatori, così come ceppi produttori di antibiotici o di enzimi che possono essere utilizzati in campo industriale e per applicazioni di biorisanamento.

Quasi due anni fa a Fidenza è partito un progetto pilota per Life Biorest su siti in cui c’era stata una produzione industriale di esplosivi durante la guerra, poi quella petrolifera e di fertilizzanti. Il comune ha acquisito i terreni dalle aziende e ha scelto di investire in una bonifica naturale rispetto alle tecniche convenzionali (chimico-fisiche) poiché più efficace e meno distruttiva della biodiversità del terreno. L’obiettivo infatti è un risanamento completo del terreno affinché si possa ripristinare qualsiasi utilizzo, anche quello agricolo.

i funghi possibili protagonisti delle bonifiche ambientali 1550217813

Nella Micoteca si studiano, preservano e catalogano microrganismi che possono avere diversi impieghi.
L’uso della natura per sanare e rivitalizzare la natura stessa permette non solo una maggiore efficienza energetica del processo con costi inferiori ma anche una capacità di bonifica complessiva, un ripristino delle intere dinamiche naturali e aumento di biodiversità.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere

Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria
Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria

Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani
Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(8) "piemonte"