Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Mag 2019

Perché abbiamo avuto un maggio così freddo?

Scritto da: Greenpeace

Il freddo di queste ultime settimane ha delle solide spiegazioni scientifiche e così come gli altri eventi metereologici estremi cui sempre più spesso assistiamo – alluvioni, siccità, grandine e neve fuori stagione – è proprio conseguenza dei cambiamenti climatici. Un concetto molto semplice che però, commenta Greenpeace, sembra non essere molto chiaro ad importanti esponenti del governo.

Secondo un noto proverbio, una rondine non fa primavera. Ecco, traslando questo concetto al clima poco primaverile vissuto in questi giorni, potremmo dire che nemmeno un maggio così freddo fa inverno: un singolo episodio, in questo caso un periodo insolitamente freddo, non può certo smentire una situazione generale che invece va in una direzione ben diversa.

 

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

ATTIVATI

Al contrario, il freddo di questi giorni, così come la siccità, le tempeste di vento, le alluvioni degli scorsi mesi, il grande caldo che probabilmente avremo in estate sono proprio conseguenza dei cambiamenti climatici.

 

Il recente freddo ha ovviamente delle solide spiegazioni scientifiche: innanzitutto, quando si parla di cambiamenti climatici non si intende che percepiremo più caldo durante l’anno, o che farà meno freddo. Ma si intende, appunto, che il clima sta cambiando. Eventi meteorologici estremi – alluvioni, siccità, grandine e neve fuori stagione – sono e saranno sempre più frequenti e sempre più intensi.

In Val Visdende, la zona devastata lo scorso autunno da una tempesta che ha sradicato milioni di alberi, otto attivisti hanno srotolato uno striscione con la scritta “Governo del cambiamento climatico” e le facce di Conte, Salvini e Di Maio per denunciare i limiti della bozza di Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) presentata dal Governo. Foto credits: Tommaso Galli / Greenpeace

In Val Visdende, la zona devastata lo scorso autunno da una tempesta che ha sradicato milioni di alberi, otto attivisti hanno srotolato uno striscione con la scritta “Governo del cambiamento climatico” e le facce di Conte, Salvini e Di Maio per denunciare i limiti della bozza di Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) presentata dal Governo. Foto credits: Tommaso Galli / Greenpeace

Precisato questo, veniamo al freddo di questo strano mese di maggio. Ecco una semplice spiegazione in 4 passaggi:

 

1. l’Artico si sta scaldando più rapidamente del resto del Pianeta. Ciò probabilmente è dovuto al fatto che, una volta spariti i ghiacci che riflettono i raggi solari, a restare è l’acqua, che invece assorbe i raggi e il calore che essi portano;
2. questo destabilizza il vortice circumpolare artico: una sorta di “cintura di venti” che tiene ferma sull’Artico una cupola di alta pressione di aria freddissima;
3. la forza di questi venti dipende dalla differenza di temperatura tra area artica e aree temperate: se l’Artico si scalda di più delle zone temperate, la differenza di temperatura diminuisce e il vortice non riesce più a “contenere” l’alta pressione;
4. a quel punto, la cupola di alta pressione si frammenta in più “lobi” che possono “migrare” verso latitudini temperate, portando con sé l’aria gelida.

 

Un concetto semplice, spiegato dagli scienziati già decenni fa, che i ragazzi di tutto il mondo hanno compreso perfettamente, facendo propria questa battaglia e scendendo in piazza ogni venerdì in tutto il mondo, per chiedere alla politica di agire per contrastare i cambiamenti climatici, un grave pericolo per il presente e il futuro di ognuno di noi. Un concetto semplice, che però sembra non essere molto chiaro ad importanti esponenti del governo in carica come il vicepresidente del Consiglio Salvini il quale, nei giorni scorsi, ha addirittura “invocato il riscaldamento globale” per cercare di alleviare il freddo di questo maggio insolito.

rain-2811639_960_720

La situazione è seria: la politica si svegli e segua le indicazioni della scienza, abbandonando rapidamente carbone, gas e petrolio, fermando la deforestazione e diminuendo la produzione ed il consumo di carne. Tutti fattori che stanno facendo cambiare il nostro clima.

 

Abbiamo le tecnologie per vincere questa sfida enorme. Quello che manca è la volontà politica. Anche del governo italiano capeggiato da Movimento 5 Stelle e Lega, che sta agendo in maniera assolutamente insufficiente e in piena continuità con i precedenti governi. L’emergenza climatica è una sfida ambientale globale, ma è anche una questione di sicurezza nazionale: solo negli ultimi mesi, ha provocato, in Italia, decine di vittime e danni per centinaia di milioni di euro. Vedremo se il vicepremier Salvini ripeterà queste parole, ad esempio, alla prossima siccità che metterà in ginocchio, a livello ambientale ed economico, intere aree del nostro Paese.

 

Articolo di Luca Iacoboni

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”