Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Lug 2019

CityAround: l’app per visitare Torino a piedi e in bicicletta

Dai percorsi lungo il fiume alle viste panoramiche, dalle passeggiate tra le vie del centro agli angoli più suggestivi: CityAround è la nuova guida digitale che a Torino permette di scoprire la città promuovendo i circuiti e gli itinerari a piedi e in bicicletta, all’insegna di un turismo responsabile e sostenibile in totale libertà.

Una guida turistica digitale dei più bei tour cittadini a piedi e in bici a Torino. È stata presentata ufficialmente qualche giorno fa presso il Circolo dei Lettori di Torino l’app CityAround, pensata per far conoscere la città in modo sostenibile, passo dopo passo o una pedalata alla volta.

Il lancio di quest’applicazione, realizzata da Panorami Elettrici, è il frutto della collaborazione tra diversi soggetti – enti, istituzioni, aziende – che hanno preso parte alla conferenza stampa di presentazione del progetto, avvenuta il 4 luglio nel capoluogo piemontese.

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

ATTIVATI

https://www.youtube.com/watch?v=rRG5Uz4vKQU

“Partiamo con quattro circuiti ma cercheremo di arricchire nel tempo le proposte – ha spiegato Alberto Volpe, Amministratore delegato di Panorami Elettronici – Il sito di CityAround presenta anche una serie di informazioni che possono essere utili a chi vuole visitare Torino: informazioni sulla città, su come raggiungerla, dove pernottare e come visitarla. L’app include diverse opzioni per personalizzare la propria esperienza in città”.

Alla conferenza stampa è intervenuto anche Riccardo Recalchi, amministratore delegato di Synesthesia, azienda che si è occupata della progettazione e sviluppo dell’app.“Abbiamo sposato questo progetto in tutti i suoi aspetti, con il piacere di lavorare insieme ad altri soggetti come noi interessati alla valorizzazione della città. Desidero infatti sottolineare che questa applicazione nasce da una collaborazione con le aziende del territorio – afferma Recalchi – L’app ha diversi contenuti interessanti e noi vorremmo ampliare una serie di funzionalità che verranno man mano rese disponibili ai nostri utenti. Vorremmo anche rendere fruibile questa app alle persone diversamente abili”.

“Questo progetto – afferma nel suo intervento Luca Alberigo, amministratore delegato di GBS – Global Business Solution – da una parte vuole incentivare il turismo di prossimità, ovvero stimolare le persone vicine ad approfondire la conoscenza della città utilizzando questo servizio, e dall’altra è rivolto ai turisti stranieri in visita qui ai quali dobbiamo far sapere che c’è la possibilità di essere guidati alla scoperta di Torino attraverso questo sistema innovativo”.

Digitalizzazione e turismo esperienziale sono due aspetti fondamentali di CityAround. “È molto importante dare ai turisti italiani e stranieri la possibilità di avere a disposizione uno strumento agile per conoscere dei percorsi a piedi ed in bicicletta – ha sottolineato Alberto Sacco, Assessore al Commercio e Turismo della Città di Torino – Promuoviamo un turismo fortemente esperienziale e diamo una grande attenzione alla digitalizzazione della nostra offerta turistica perché offre nuovi importanti opportunità. La promozione passa sempre più attraverso l’innovazione digitale e la nostra città si sta ponendo in un panorama internazionale sempre più come una città all’avanguardia”.

Un concetto ripreso anche da Daniela Broglio direttrice di Turismo Torino e Provincia. “Questa città sempre più si presenta come una città smart, facile da vivere e visitare e quindi è importante che sia al passo con le facilitazioni tecnologiche. Questa app va assolutamente in tal senso ma, al contempo, mantiene l’autenticità e la dimensione locale: vogliamo proporre il territorio in modo avanzato e tecnologico ma mantenendo fortemente la tradizione e la sostanza”. Tradizione e innovazione, ancora una volta, si confermano un binomio vincente.

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.