17 Lug 2019

Dare vita a un’ecologia delle relazioni in un borgo rigenerato

Scritto da: Redazione

A Frattura di Scanno, paese sospeso tra le montagne dell'Abruzzo, è previsto quest'estate un ricco programma culturale che vedrà come protagonisti degli eventi molti ospiti ma anche gli abitanti di questo borgo che negli ultimi anni ha conosciuto un'importante rinascita con una rigenerazione degli spazi portata avanti da una comunità emergente e competente.

Abruzzo - Dare vita a un’ecologia delle relazioni. È questo lo spirito con cui nasce il programma estivo di Frattura di Scanno (AQ). “Estate a Frattura” si svolgerà per tutto il mese di agosto e vedrà come protagonisti degli eventi sia gli abitanti di Frattura – attraverso laboratori creativi, presentazioni di libri, dibattiti e incontri – ma anche ospiti come lo spettacolo di Gabriele di Camillo “Il Risveglio di Bruno”, Tabula Fati Edizioni, l’orchestra di percussioni Bandao, la presentazione dell’ultimo libro della scrittrice Valentina di Cesare “L’anno che Bartolo decise di morire” edito da Arkadia Editore e il racconto “Le strane combinazioni che fa il tempo” edito da Urban Apnea Edizioni.

La Pupazza, Frattura (foto di Claudio-Mammucari)

La Pupazza, Frattura (foto di Claudio-Mammucari)


Sono poi previsti un evento dedicato al paese realizzato dal gruppo FAI Sulmona – Tre Valli (“Una giornata a Frattura, un borgo sospeso tra le montagne, orti, cultura e tradizione”) e la prima residenza d’artista realizzata da Valentina Colella AIR*M FRATTURA Artist in “Residency * Mountain Frattura”, con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

 

Il programma “Estate a Frattura 2019” è realizzato dall’Associazione Culturale “Rolando Martorella”, con il supporto del “Comitato Feste Frattura” e in collaborazione con la missione antropologica “Fluturnum, Archeologia e Antropologia nell’Alta Valle del Sagittario”. Si ringraziano le case editrici: Tabula Fati, Arkadia Editore, Urban Apnea Edizioni, l’orchestra di percussioni “Bandao” e il FAI Sulmona – Tre Valli.

 

La comunità locale di Frattura ha saputo, in questi anni, erogare valore attraverso il recupero degli spazi vissuti e rigenerati trasformandoli in luoghi narrativi. L’ex scuola, l’ex asilo, il lavatoio e il forno saranno gli spazi che ospiteranno la maggior parte degli eventi. È un’esperienza innovativa di progettualità e di cooperazione che mette al centro la comunità emergente di Frattura e i luoghi della trasmissione, quindi i luoghi narrativi, ma anche luoghi di socialità e di produzione.

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Bussana Vecchia: il “villaggio degli artisti” rischia lo sfratto
Bussana Vecchia: il “villaggio degli artisti” rischia lo sfratto

Guarda che luna: la storia di Giovanni e del suo ritorno al Sud
Guarda che luna: la storia di Giovanni e del suo ritorno al Sud

Ippolito Negro, il “custode del territorio” che è tornato a vivere nel borgo natio
Ippolito Negro, il “custode del territorio” che è tornato a vivere nel borgo natio

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ancora sulle elezioni in Sardegna: l’analisi – #887

|

La Tuscia si mobilita per dire “no” al deposito nazionale di scorie radioattive

|

Un parco eolico nel Supramonte: in Sardegna un’overdose di energia destinata ad andare altrove

|

Paola Gianotti: da Helsinki a Parigi in bici per raccontare la ciclabilità

|

Se lo conosci non lo eviti: ecco come mi sono preparata a una settimana di digiuno

|

Martina, Emma e la sindrome di down: a volte “lasciar andare” è un atto d’amore

|

Cosingius: le scarpe tradizionali sarde che si ispirano all’economia circolare – Io Faccio Così #400

|

Riduzione dei rifiuti, riuso e riutilizzo: a Reggio Calabria c’è Fare eco, per un mondo più pulito

string(9) "nazionale"