Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
31 Lug 2019

A Torino apre il “Viet Caffè”, un luogo di incontro tra la cultura italiana e vietnamita

Scritto da: Lorena Di Maria

Viet Caffè nasce a Torino con un obiettivo preciso: innescare processi di conoscenza, scambio e coesione tra la cultura italiana e vietnamita. E lo fa attraverso il format del caffè letterario, offrendo un luogo di incontro per far parlare Paesi lontani e promuovere l’incontro e la divulgazione della tradizione vietnamita.

Uno spazio suggestivo che rimanda a luoghi lontani, accompagnato da una cornice verde e da un giardino di bambù, dove intraprendere un viaggio all’insegna della storia e della cultura del Vietnam, ed immergendosi in un’ambientazione affascinante ed esotica.

A Torino, nel quartiere di San Salvario, ha aperto proprio in questi giorni il Viet Caffè, un angolo di Indocina dove la cultura vietnamita e la cultura italiana possono incontrarsi e conoscersi.
E’ un progetto dell’ AIVG – Associazione Italia Vietnam Giovani, realtà impegnata nella promozione sociale e culturale e affiliata al Comitato Arci Torino con lo scopo di avvicinare la comunità vietnamita a quella locale, favorendo forme di coesione ed integrazione sociale.

«Tutto nasce da un’iniziativa degli studenti vietnamiti residenti a Torino, fieri di far conoscere il proprio paese» spiega Simone Campion, presidente dell’Associazione Italia Vietnam Giovani.
Un vero e proprio ponte fra Italia e Vietnam, animato dai giovani ragazze e ragazzi asiatici che sono giunti a Torino per perfezionare i propri studi, oltre che da laureati e laureandi italiani che hanno approfondito nella loro carriera universitaria la conoscenza del Vietnam.

Lo spazio si trova all’interno del circolo Arci nella sede del Polo scientifico-culturale Italia-Vietnam, in via Federico Campana 24. Un progetto nuovo ed aperto tutti i weekend, dalle 10 alle 22, con l’ambizione di coniugare relax, armonia e cultura, oltre che di offrire uno spazio di conoscenza e scambio.

Presentazioni di libri, concerti, laboratori: Il Viet Caffè nasce in primis come caffè letterario. «La scelta del nome è un richiamo ai caffè artistici e letterari parigini dove, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, le persone si incontravano per parlare di filosofia, di letteratura e dove gli artisti mostravano le loro opere». Ogni settimana avranno luogo eventi culturali per far conoscere e interagire conoscenze e tradizioni diverse. Lo spazio è inoltre collegato alla Centro di Studi Vietnamiti della Biblioteca Enrica Collotti Pischel di Torino, che, dagli anni Ottanta, rappresenta l’unico archivio italiano espressamente rivolto al Vietnam.
«Perché leggere, in Vietnam, è un atto considerato in una dimensione quasi sacrale».

Il Viet Caffè è inoltre un luogo di informazione e apprendimento: Accoglie le persone avvicinandole alla conoscenza del Vietnam sotto vari aspetti, tra i quali la cultura, l’arte e la cucina, con i suoi simboli e i suoi linguaggi.

«Vogliamo provare a dare il nostro contributo, lavorando fianco a fianco, nell’abbattimento della cortina di pregiudizi, semplificazioni e stereotipi che si è creata nel corso dei decenni, grazie all’unico strumento a nostra disposizione: la condivisione. Condivisione di studi e testimonianze autorevoli; condivisione di uno spazio, nel pieno centro di Torino, dove ragazzi, cittadini e tutti coloro che lo desiderano possano incontrarsi e stare insieme sotto il cappello della cultura vietnamita» si legge dal comunicato stampa.
Il Viet Caffè è nel complesso un progetto di cultura e bellezza che dà uno sguardo su mondi vicini e lontani“.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap