11 Set 2019

Una Piccola Farmacia Letteraria per curarsi con i libri

Ritrovare se stessi, superare un amore finito, nutrire l'audacia. La Piccola Farmacia Letteraria gestita a Firenze da Elena Molini insieme a due psicologhe propone libri scelti e catalogati in base a stati d'animo, atteggiamenti e sentimenti. L'obiettivo? Creare un'empatia tra il personaggio ed il lettore aiutando quest'ultimo ad immedesimarsi nel racconto trovando nuove chiavi di letture e soluzioni ai suoi problemi.

“Ospedale dell’anima”. È la scritta che Plotina aveva fatto apporre sulla soglia della biblioteca nel libro Memorie di Adriano, ad indicare che la letteratura non è solo un piacere, ma anche una cura. A questa idea antica Elena Molini ha saputo dare nuovo vigore aprendo a Firenze la libreria indipendente Piccola Farmacia Letteraria, un luogo in cui i libri sono scelti e catalogati in base agli stati d’animo ed esistenziali che raccontano.

 

«Una bella sfida in un momento in cui le librerie chiudono, c’è il dominio di Amazon e si dice che le persone non leggono più. Invece le persone leggono ancora, però bisogna offrire qualcosa in più», racconta Elena. Quel qualcosa in più della Piccola Farmacia Letteraria è dato proprio dall’incontro fra le sue competenze letterarie e quelle psicologiche di Ester Molini e di Deborah Sergiampietri.

Elena Molini, ideatrice della Piccola Farmacia Letteraria di Firenze

Elena Molini, ideatrice della Piccola Farmacia Letteraria di Firenze (Foto di Mattia Marasco)

I volumi disponibili vengono prima scremati da Elena, per poi finire fra le mani di Ester e Deborah, le quali valutano gli aspetti psicologici e decidono se e come inserire i volumi nella Piccola Farmacia Letteraria. L’intero catalogo della Piccola Farmacia Letteraria raccoglie libri che coprono ben novanta categorie tra stati d’animo, atteggiamenti e sentimenti.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

 

Per consentire una maggiore autonomia nella scelta ai lettori della Farmacia, i testi vengono accompagnati da un bugiardino contenente indicazioni, effetti collaterali e posologia. Ci sono libri per chi si sente malinconico e libri per chi si sente audace. Libri per ritrovare se stessi e quelli per superare un amore finito. 

 

«Ad oggi abbiamo catalogato principalmente narrativa contemporanea. Questo perché i classici già si conoscono, non c’è bisogno della Farmacia Letteraria per sapere che Anna Karenina o Madame Bovary parlano di tradimento. C’è anche qualche saggio, ma abbiamo privilegiato la letteratura perché consente di creare un’empatia fra chi legge ed il personaggio. Nella narrativa ti immedesimi e puoi trovare nuove soluzioni ai tuoi problemi, trovare nuovi chiavi di lettura, è uno stimolo per trovare un nuovo approccio».

 

Accompagnati dalla storia e dalle vicissitudini del protagonista, avviene una vera e propria catarsi dalla quale il lettore ne esce via via ripulito e con nuove chiavi di lettura, intuizioni e possibilità.

piccolafarmacialetteraria- mattia-marasco-9391

Il riscontro è stato positivo, sia per l’attenzione dei media che per le collaborazioni che ne sono nate. Ma soprattutto per l’entusiasmo dei lettori e delle lettrici che visitano la Farmacia Letteraria per rispondere ad una loro sete interiore o per fare un regalo. «Più lettrici che lettori”- sottolinea Elena – soprattutto giovani donne: cosa che nelle altre librerie in cui ho lavorato non era così frequente».

 

Guardando all’orizzonte si affacciano nuove collaborazioni e la richiesta – da parte dei lettori e delle lettrici – di espandersi nelle altre città.

 

 

Articoli simili
Covid: ecco come fare per difendersi in maniera naturale
Covid: ecco come fare per difendersi in maniera naturale

I Mitilanti: “Consegniamo poesie a domicilio al posto della pizza”
I Mitilanti: “Consegniamo poesie a domicilio al posto della pizza”

Spalavera, la libreria ad alta quota che promuove la restanza
Spalavera, la libreria ad alta quota che promuove la restanza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri