14 Nov 2019

Acqua alta a Venezia: “La catastrofe climatica è qui e ora”

Scritto da: Redazione

C'è un’urgenza immediata di agire e di tutelare il nostro pianeta di cui Venezia, oggi in ginocchio per una marea straordinaria, è un fragile simbolo premonitore. Ad affermarlo sono i giovani attivisti del gruppo locale di Fridays For Future che, commentando quanto accaduto nelle ultime ore nel capoluogo veneto, tornano a chiedere azioni concrete per contrastare la crisi climatica.

Venezia, Veneto - 12 novembre 2019, sono passati 53 anni dall’ultima volta che Venezia ha rischiato di rimanere completamente sommersa. Era il 1966.

“Ieri (12 novembre, ndr) il Centro Maree aveva diffuso la previsione di un picco di +150 cm alle 22.30 circa. Dalle 21:00 in poi, invece, le sirene hanno dato notizia di uno scenario ben più tragico, con la marea che spinta dal vento di scirocco ha raggiunto quota +187 cm. Sono morte due persone, ci sono feriti, abitazioni completamente rovinate, vaporetti sommersi e barche alla deriva.

Tutto questo era evitabile. E invece, visto come questi territori vengono gestiti, una tragedia come quella di ieri sera sembra destinata a diventare la normalità per questa città, e difatti questa mattina Venezia è stata nuovamente coperta da +160 cm di marea.

venezia fridays
Gli attivisti di Fridays for Future a Venezia

Quello che è accaduto, e che continuerà a succedere, aprirà nuovamente discussioni che da troppo tempo non vengono affrontate e su cui sarà necessario intervenire, prendere parola e fare emergere il punto di vista di chi ha davvero a cuore le sorti di Venezia.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

A differenza di quello che dichiara Brugnaro, non abbiamo bisogno di un’altra grande opera per risolvere la situazione! Noi ci metteremo a disposizione di chiunque abbia bisogno di aiuto in questo momento e nei prossimi giorni, ma più di ogni altra cosa noi siamo qui per denunciare chi vede in Venezia nient’altro che un pozzo da cui attingere profitto, chi pensa – e agisce – devastando la natura e poi incolpando la stessa per i mali causati.

Questa non è una catastrofe naturale, questa è la natura che impazzisce dal dolore e ci manda segnali. La catastrofe climatica non è un orizzonte lontano nel tempo e nello spazio: è qui e ora, e non possiamo perdere tempo, bisogna agire subito.

Il 29 novembre, data del quarto sciopero globale, servirà anche a questo, a chiedere che si cominci subito a lavorare per la salvezza del pianeta, perché non abbiamo più tempo!”.

venezia fridays for future 2

“Il 29 novembre – aggiungono i giovani attivisti – torneremo in piazza, durante il quarto sciopero globale, per chiedere azioni concrete per contrastare la crisi climatica, ma saremo in piazza anche per difendere Venezia, la sua laguna, un ecosistema unico al mondo e, anche per questo, termometro dei cambiamenti che stanno scuotendo il pianeta.

A poco servono gli appelli al MOSE e ad una sua veloce realizzazione, il cambiamento climatico è qui e irrompe nelle nostre vite, con un aumento delle maree straordinarie e un’imprevedibilità sempre maggiore. I canali profondi delle bocche di porto, scavati per far passare le grandi navi e per realizzare il MOSE, fanno affluire migliaia di metri cubi d’acqua nella laguna consegnando Venezia a una marea di una violenza inaudita.

Non c’è più il tempo per aspettare mirabolanti soluzioni ingegneristiche, che sappiamo già essere obsolete ed inefficaci. C’è un’urgenza immediata di agire e di tutelare il nostro pianeta, di cui Venezia è un fragile simbolo premonitore. Se l’anno scorso la marea era arrivata a 157cm e la laguna è rimasta bloccata tre giorni, ci si può sorprendere davanti ai 185cm di ieri? Ci sorprenderemo ancora quando le onde arriveranno a toccare i tetti di palazzo ducale?

Sappiamo che questa situazione non migliorerà nei prossimi giorni, durante i quali sono previsti altri picchi altissimi di marea. Siamo vicini a tutte le persone colpite da questo fenomeno e siamo pronti, per quanto possibile, ad aiutare”.

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Energia: stop al carbone dal 2025

La Grande Cecità: perché non vediamo il cambiamento climatico?

Cambiamenti climatici e comunicazione: gli errori degli ambientalisti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita