Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
5 Dic 2019

Circolo Wood: il ristorante solidale che crea comunità – Io faccio così #271

Scritto da: Lorena Di Maria
Intervista di: Lorena di Maria e Paolo Cignini
Video realizzato da: Paolo Cignini

Un ristorante solidale che offre pasti caldi alle persone in difficoltà ma anche una fucina di idee e creatività. Un bosco dove immergersi nella natura ma anche uno spazio di gioco per le famiglie. Ad Arona, il Circolo Wood è un luogo che si trasforma ogni volta plasmandosi intorno alle necessità delle persone che lo vivono e accogliendo la comunità che qui sa di poter trovare sempre una seconda casa.

Avete mai offerto un pasto caldo a un senzatetto? Vi siete mai fermati a scambiare due parole o gli avete mai donato un sorriso sincero? Nelle nostre giornate che scorrono così veloci, di ritorno da una lunga giornata fatta di impegni e di lavoro, come un appuntamento fisso finiamo per trovarlo sempre lì, dimenticando che quel pasto o quel semplice sorriso sono una ricchezza che può fare la differenza.

Ad Arona, sulla cornice dello splendido Lago Maggiore, c’è chi sta valorizzando questa ricchezza trasformandola in una missione collettiva, costruendo giorno dopo giorno un modello di inclusione e lotta alla povertà che funziona e che sta lentamente coinvolgendo l’intera comunità.

Quella che vi raccontiamo oggi è la storia del Circolo Wood, progetto che si sviluppa intorno al tema della solidarietà e di una comunità che tutti i giorni si stringe intorno ai più bisognosi della città. Ci raccontano questo progetto Barbara Mastria e Federico Medda, soci della Cooperativa Vedogiovane, il cui sogno quotidiano è generare cambiamenti positivi sul territorio e trovare nuove soluzioni per migliorare la vita della collettività.

«Wood è luogo di incontri, spesso inusuali, è un luogo del fare, è un luogo dello “stare” o meglio, dello “stare con”». Il circolo, dalla forte vocazione popolare, nasce all’interno della Casa del Popolo di Arona, sin dal passato luogo di aggregazione e socialità per eccellenza. La struttura ritrova nuova vita dallo sforzo collettivo delle associazioni della città che un giorno hanno deciso di unirsi e di reagire positivamente al divieto di accattonaggio deciso dal Sindaco, scegliendo di sostenere e supportare quelli che, agli occhi dei più, sono visti come gli ultimi e gli esclusi.

Ma si dice che gli ultimi saranno i primi e così le associazioni locali decidono di fondare, proprio dove sorgeva la Casa del Popolo, il Circolo Wood, il cui cuore pulsante è il Ristorante Solidale che vuole valorizzare l’umanità accogliendo a braccia aperta coloro che si trovano in una situazione di difficoltà, offrendo un pasto caldo e un tetto sopra la testa a chi non se li può permettere.

Il ristorante ha una mensa solidale aperta a tutti sulla base delle proprie possibilità: chi è in situazione di difficoltà può usufruire di un pasto, chi ha la possibilità di pagare lascia una quota che serve a coprire i costi del proprio pranzo e di quello di un’altra persona.

A mezzogiorno, chi arriva sa che ad aspettarlo ci sarà un pasto caldo, “riscaldato” dall’accoglienza dei volontari che qui decidono di impegnare il loro tempo. «La nostra tavola non è mai per uno solo» cita la “Rete Nondisolopane” di cui Vedogiovane fa parte insieme a numerose altre associazioni, gruppi, enti e cooperative che ogni giorno donano pranzi gratuiti promuovendo la cultura della solidarietà.

Il circolo Wood, proprio come racconta il suo nome, rievoca la vita del sottobosco: un ambiente che rappresenta un rifugio per alcuni e un luogo di passaggio per altri, ma sempre e comunque un habitat ideale per coloro che in esso trovano riparo e da esso traggono nutrimento.

«La parte del ristorante solidale non è altro che “una scusa” per coinvolgere le persone all’interno della comunità» raccontano Barbara e Federico. «Questo è un posto aperto dove le persone arrivano e sanno che qualcuno li accoglierà. In passato abbiamo ospitato una comunità di migranti ma anche persone senza fissa dimora o famiglie rimaste senza una casa».

Non solo pane e pasti caldi, il Circolo Wood sforna tantissime iniziative che nutrono la cittadinanza di Arona, attraverso momenti culturali e artistici rivolti a tutti, nessuno escluso. «Quello che abbiamo sempre tentato di fare come cooperativa Vedogiovane è coinvolgere tutte le fasce di età della popolazione per stimolare le persone a riabituarsi a stare insieme e tornare alla semplicità» ci raccontano.

Ciò che Wood rappresenta, per tutta la comunità, è una seconda casa che serve nei momenti di necessità, come la volta in cui la biblioteca comunale ha chiuso per ristrutturazione e il circolo ha accolto i giovani per studiare o come testimoniato dal centro estivo che si svolge durante l’estate e che nasce da una sperimentazione di alcuni colleghi e colleghe di lavoro che, avendo bisogno di organizzare il tempo libero dei propri figli, hanno trovato in questo luogo lo spazio ideale. Il circolo, poi, offre ospitalità alle diverse associazioni che, pur avendo la propria sede, preferiscono riunirsi qui poiché fucina di idee e nuove contaminazioni.

La struttura offre tantissimi spazi trasformandosi di volta in volta: c’è l’accoglienza offerta dal bar e dal ristorante, c’è il Family Cafè dedicato alle famiglie dove i genitori hanno la possibilità di giocare liberamente e trascorrere il tempo coi propri figli oppure c’è la grande sala dedicata ai più giovani, dove la scuola di musica “Jungle” organizza concerti con gli artisti e i suoi allievi, che in quest’occasione hanno la possibilità di esprimersi e mettere in gioco i propri talenti.

Proprio come in un bosco, lo spazio esterno del circolo permette di immergersi totalmente nella natura. È un luogo di cultura underground, testimoniata dall’adiacente ferrovia, luogo di scambio e di passaggio e da una grande tettoia sotto la quale librerie, tavoli e divani permettono di leggere in solitudine o studiare in compagnia, il tutto realizzato in autocostruzione e fai da te.

Recentemente il circolo Wood ha avviato il progetto di “Residenze artistiche”. Come ci raccontano Federico e Barbara «si tratta di un progetto partito l’anno scorso e pensato per far arrivare fin qui degli artisti da tutta l’Italia per condividere la loro arte con la comunità locale attraverso una settimana di workshop e laboratori».

Infine, il Circolo fa parte di una rete connessa al progetto “Family Like” che contribuisce alla dimensione educativa dei più piccoli, riprendendo l’antico detto: “per crescere un bambino serve tutto un villaggio”.

Un villaggio, una rete, una comunità. Il Circolo Wood rappresenta per la città un sistema vivente, un organismo che cresce grazie alla partecipazione, alle idee e all’impegno di tutti gli abitanti. È il contributo di chi è di passaggio e qui decide di fermarsi, di chi si è perso e qui si ritrova. Perché Wood è Bosco, ci raccontano, e la bellezza di un bosco è fatta da tutti gli alberi che lo compongono.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Europa approva il diritto alla riparabilità! – Io Non Mi Rassegno #267

|

Cinquecento psicologi per aiutare le persone in difficoltà a causa della pandemia

|

La bibliofficina di quartiere: promuovere la socialità tra letture e riparazioni

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza