14 Gen 2020

Parte il viaggio nella scuola che cambia!

È appena partito il viaggio nella scuola che cambia, per creare un nuovo immaginario ed un futuro diverso: un progetto collaborativo nato dall'incontro tra Italia che Cambia, Scuole Naturali e Ashoka Italia volto a raccontare le esperienze che rendono migliore la scuola italiana. A Udine la prima delle 12 tappe al momento in programma.

Udine, Venezia - È ufficialmente iniziato il viaggio nella scuola che cambia per conoscere e documentare le esperienze di chi sta contribuendo a costruire un nuovo immaginario.

preside scuola che cambia udine
L’intervista al dirigente scolastico dell’Istituto Malignani di Udine

Saliti a bordo del nostro ormai mitico camper, i nostri Daniel Tarozzi e Paolo Cignini sono partiti con l’educatore Danilo Casertano, ideatore di Scuole Naturali, per dare il via a questo progetto sostenuto da Ashoka Italia. Il nuovo viaggio alla scoperta delle scuole in cui si semina il futuro ha preso le mosse dal Friuli Venezia Giulia, precisamente da una delle Scuole Changemaker di Ashoka Italia.

«L’istituto Malignani di Udine dove ci troviamo è un posto straordinario – afferma Danilo Casertano – molto noto per l’aeronautica ma anche per una serie di altre innovazioni che porta avanti grazie a persone che qui vi lavorano molto bene unendo competenze didattiche, pedagogiche ed organizzative».

«Quella di Udine – aggiunge Daniel Tarozzi – è la prima di 12 tappe che abbiamo organizzato da qui al mese di marzo. Un lungo viaggio per raccontare le scuole che cambiano. Sarà banale dirlo, ma se vogliamo cambiare l’Italia non possiamo che partire dalla scuola».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

viaggio scuola che cambia
Una delle docenti dell’Istituto Malignani di Udine

«Questo viaggio nella scuola che cambia è un progetto collaborativo che vede protagonista la scuola italiana – spiega Luca Solesin di Ashoka Italia – Molti changemaker (studenti, famiglie, docenti, dirigenti scolastici e tutta la comunità scolastica) ogni giorno con la loro fantasia, passione ed impegno, rendono migliore la scuola italiana. Loro sono i pionieri dell’innovazione didattica, le Scuole Changemaker e i loro Change Leader sono l’esempio di un modello nuovo di fare scuola. Perchè cambiare la scuola italiana è possibile e necessario e dobbiamo raccontare questo cambiamento in atto per creare un nuovo immaginario».

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Spegni il cellulare, accendi il cuore”: il corto degli studenti contro il bullismo

Maria De Biase e Daniela Ducato: premiate due protagoniste dell'Italia che Cambia

Cyberbullismo ed educazione dei social network
Cyberbullismo ed educazione dei social network

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti