28 Feb 2020

ExpArt Studio&Gallery: l’arte contemporanea nel cuore del Casentino

Offrire al territorio qualcosa di bello che prima non c’era, generando interesse intorno all’arte e creando nuove opportunità anche professionali per le persone della valle. Con quest’obiettivo è nata a Bibbiena la ExpArt Studio&Gallery, galleria e spazio espositivo dedicato all'arte contemporanea. A distanza di qualche anno, abbiamo risentito la fondatrice, Silvia Rossi, per un aggiornamento sulle attività legate a questo progetto.

«Quando la redazione di Italia che Cambia mi ha intervistato per la prima volta mio figlio aveva 13 mesi… esattamente l’età che ha ora il mio secondo bambino!». Una coincidenza che fa sorridere me e Silvia Rossi, che abbiamo richiamato per un aggiornamento sulla sua ExpArt Studio&Gallery, di cui ci aveva parlato ben cinque anni fa. Da allora, oltre ad aver allargato la sua famiglia, Silvia ha infatti portato avanti la sua galleria e spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea a Bibbiena.

silvia rossi expart
Silvia Rossi nella sua ExpArt Studio&Gallery

Fondata nel 2010, ExpArt Studio&Gallery è nata con l’idea di creare uno spazio per la divulgazione dell’Arte Contemporanea in Casentino, un territorio con un grande retaggio storico e artistico. Per questo motivo la galleria espone principalmente opere di giovani artisti emergenti creando così una vetrina sul mondo dell’Arte Contemporanea e offrendo ai visitatori un’ampia visuale di quello che rappresenti oggi il “fare arte”, attraverso la continua ricerca tra giovani talenti e artisti affermati.

Nella video intervista qui sotto, girata qualche anno fa, Silvia spiega cosa differenzia la sua attività da una galleria d’arte tradizionale ed il desiderio che l’ha portata ad intraprendere questo progetto: offrire al territorio qualcosa di bello che prima non c’era, creando intorno all’arte nuove opportunità anche professionali per le persone della valle.

Cosa è successo da allora e come si è evoluto il progetto? «Negli ultimi anni, da quando ci siamo sentiti, fortunatamente l’attività della galleria è andata crescendo – mi racconta Silvia – Non solo in termini meramente economici, ma soprattutto in qualità sia degli eventi che degli artisti rappresentati! Continua ad essere un settore estremamente difficile certo, ma speriamo di proseguire lungo questa strada!».

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Chiedo quindi a Silvia di spiegarmi meglio quali sono le principali difficoltà che ha incontrato in questi anni e, più in generale, le criticità che si trova ad affrontare chi lavora nel mondo dell’arte. «Le difficoltà sono di tipo economico e culturale e riguardano principalmente la volontà delle persone di spendere e investire nel settore delle arti applicate. Per questo credo sia importante trasmettere il valore aggiunto del “comprare arte”: non significa solo aggiungere un oggetto di design in casa ma appoggiare e comprendere un “mondo” che vive di ricerca, di pensiero, di sentimento e di “artigianalità”. Il mestiere dell’artista, e di conseguenza tutti i mestieri legati alle arti, faticano ad essere riconosciuti come ambiti professionali e sempre più vengono associati al mondo dell’hobbistica. E a volte la responsabilità è degli operatori stessi».

Malgrado le difficoltà le proposte della ExpArt Studio&Gallery riscuotono interesse sul territorio. «Le persone che frequentano la galleria e le sue attività collaterali (mostre, corsi, etc) sono le più disparate: si va dalla classica figura del collezionista, alla persona che compra occasionalmente, a chi frequenta l’ambiente per il gusto di parlare di arte e a chi vuole mettersi in gioco, imparando le tecniche pittoriche. Non ci sono ceti sociali, solo persone: bambini, insegnanti, pensionati, professionisti… Quello che accomuna i miei “clienti” è la passione per l’arte, o a volte anche solo la curiosità! Ma è proprio dalla curiosità che nasce tutto!».

expart

Dopo le ultime due fiere di Torino e Milano, è ora in preparazione uno degli eventi più importanti della galleria: una grande mostra dedicata all’arte italiana emergente in Austria – La grande bellezza – giunta alla sua quinta edizione. «Ripartirà inoltre la programmazione degli eventi a Poppi, presso la ex-chiesa di San Lorenzo e per il prossimo autunno prevedo anche di ripartire con i corsi, che erano stati sospesi per un anno dato l’arrivo di un piccolo “aiutante”. Ci saranno comunque molte altre novità, di cui non svelo ancora i dettagli, ma invito tutti a seguirci sui nostri canali social Facebook e Instagram o tramite la nostra newsletter!».

Articoli simili
Volontariato nelle zone del sisma e della neve
Volontariato nelle zone del sisma e della neve

Appuntamenti d’Autunno al Teatro Dovizi
Appuntamenti d’Autunno al Teatro Dovizi

Chiude la cultura: le voci dei lavoratori dello spettacolo, tra sipari calati, sforzi vani e incertezze
Chiude la cultura: le voci dei lavoratori dello spettacolo, tra sipari calati, sforzi vani e incertezze

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti