11 Feb 2020

Oscar 2020, l’impegno di Joaquin Phoenix per animali e ambiente non si ferma qui

In occasione degli Oscar 2020 Joaquin Phoenix ha parlato di ambiente, animali e allevamenti intensivi. Si tratta di un discorso molto importante che si inserisce in una serie di azioni concrete che l'attore e la compagna Rooney Mara stanno portando avanti in questi mesi per gettare una luce su quello che accade negli allevamenti e sul loro impatto.

Joaquin Phoenix ha dimostrato pubblicamente in ogni occasione che le sue battaglie per gli animali e per l’ambiente non sono solo parole o semplici pose. Dalle veglie per gli animali destinati al macello alla grande azione di protesta condotta con Animal Equality a Londra solo pochi giorni fa, Joaquin continua ad essere il volto internazionale delle sofferenze di animali e ambiente.

Animal Equality e tutte le organizzazioni impegnate ogni giorno nella lotta contro lo sfruttamento di animali e ambiente non possono che congratularsi con questo grande attore e uomo sensibile, che si è messo in gioco in prima persona anche in occasione del discorso di ringraziamento per gli Oscar 2020.

joaquin phoenix animal equality
Joaquin Phoenix durante l’azione di protesta condotta con Animal Equality a Londra

In occasione della vittoria come Miglior Attore per “Joker” agli Oscar 2020, Phoenix ha sottolineato: «Siamo diventati molto disconnessi dalla natura. Molti di noi sono colpevoli di una visione egocentrica del mondo e crediamo di essere il centro dell’Universo. Usiamo la natura e deprediamo le sue risorse. Ci sentiamo in diritto di inseminare artificialmente una mucca per poi portarne via il figlio, anche se le sue grida di angoscia sono inconfondibili. Quindi prendiamo il latte destinato al suo vitellino e lo mettiamo nel nostro caffè e nei nostri cereali. Gli esseri umani sono così creativi e pieni di invenzione, possiamo creare, sviluppare e implementare dei cambiamenti che siano benefici per tutti gli esseri senzienti e l’ambiente».

Sono parole che rimarranno scolpite nella storia degli Oscar, così come l’azione compiuta a ridosso dei Bafta insieme ad Animal Equality a Londra ha fatto il giro del mondo.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Domenica scorsa, Phoenix e altri attivisti hanno appeso uno striscione di 36 metri quadri sul ponte di Tower Bridge, uno dei monumenti più riconoscibili e importanti di Londra, che recitava: “Gli allevamenti intensivi distruggono il nostro pianeta. Scegli vegan”. Lo striscione e i cartelloni appesi e tenuti a mano da decine di attivisti erano un appello al pubblico perché anche i consumatori facciano scelte più consapevoli e giuste per gli animali e per il Pianeta.

Joaquin ha dichiarato: «Penso che abbiamo una responsabilità personale di agire in questo momento e un modo per mitigare i cambiamenti climatici è regolare i nostri consumi e scegliere un’alimentazione a base vegetale. Vorrei incoraggiare le persone a informarsi di più su come mangiare a base vegetale e come fare la differenza e dare un apporto positivo a questa vera e propria emergenza climatica».

Ha aggiunto: «Quando si assiste all’orrore che accade davvero dietro le porte chiuse di macelli e allevamenti in tutto il mondo, è impossibile non rimanerne colpiti e rendersi conto che dobbiamo fare qualcosa di drastico per fermare tutto questo. Quindi sto solo facendo la mia parte e provando ad amplificare la voce di questi attivisti che agiscono ogni giorno, compiendo azioni, muovendosi contro tutto questo».

Nel corso dell’azione, Joaquin e altri attivisti di Animal Equality hanno tenuto cartelli che mostrano la sofferenza degli animali negli allevamenti intensivi, nonché l’impatto devastante di questo sistema sull’ambiente e sul clima. Joaquin ha anche distribuito volantini e ha parlato con le persone che passavano per Tower Bridge, invitandole a considerare una dieta a base vegetale.

JOAQUIN PHOENIX

Solo poco tempo fa Animal Equality ha condotto anche un’investigazione anche con la compagna di vita di Joaquin Phoenix, Rooney Mara, attrice candidata al premio Oscar e grande attivista per gli animali e per l’ambiente. Rooney Mara è entrata con gli investigatori di Animal Equality in allevamenti di polli e maiali, mostrando al mondo le sofferenze terribili a cui sono costretti cuccioli e madri in gabbie strette e sudicie. 

Con la loro sensibilità, Rooney Mara e Joaquin Phoenix stanno contribuendo a gettare luce su quello che accade in questi luoghi e sull’impatto che hanno su ambiente e salute, promuovendo un cambiamento compassionevole e più giusto per il futuro del nostro Pianeta. 

Crediti foto azione Tower Bridge: 
Animal Equality / Jo-Anne McArthur 
Animal Equality / Matthew Maran

Articoli simili
Boschi liberi:“Vogliamo acquistare un bosco e renderlo di tutti”
Boschi liberi:“Vogliamo acquistare un bosco e renderlo di tutti”

Il Giardino di Torricola: un giardino urbano nel cuore di Roma per un attivismo rivoluzionario
Il Giardino di Torricola: un giardino urbano nel cuore di Roma per un attivismo rivoluzionario

Sul monte Moro si riprende a piantumare: A Thousand Trees Project cerca volontari
Sul monte Moro si riprende a piantumare: A Thousand Trees Project cerca volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare

|

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

|

“Non possiamo solo prendere”: quali passi per salvare la terra e il clima?

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico