10 Apr 2020

È possibile allenare la felicità tutti i giorni? – A tu per tu #1

Scritto da: Paolo Cignini

Sandro Formica è professore presso la Florida International University, a Miami. Da anni ha un proposito: integrare la scienza della felicità nelle aziende, università, scuole e istituzioni pubbliche, partendo da un modello di cambiamento che presuppone un lavoro individuale di partenza. Vi proponiamo una nostra video-intervista con Sandro Formica, dove abbiamo approfondito diversi punti legati alla Scienza della Felicità e alle sue caratteristiche, partendo anche dalla sua esperienza personale in rapporto a questo tema.

Sandro Formica è professore presso la Florida International University, a Miami. Da anni ha un proposito: integrare la scienza della felicità nelle aziende, università, scuole e istituzioni pubbliche, partendo da un modello di cambiamento che presuppone un lavoro individuale di partenza.

È per questo che si divide tra Italia, Stati Uniti e altri luoghi del mondo per presentare le sue ricerche su questo tema, per la quale ha ideato un modello denominato Scienza del Sé, fondata sui nove pilastri dei bisogni, valori, talenti e competenze, convinzioni, intelligenza emotiva, comunicazione empatica, proposito di vita, creatività e immaginazione, piano di vita. Tale metodo è mirato a risvegliare il potenziale interiore per raggiungere un cambiamento comportamentale permanente ed un più alto livello di Felicità, intesa come muscolo e competenza da acquisire ed allenare, a partire da pratiche dello sviluppo di Se stessi.

Grazie al lavoro di ricerca di numerosi scienziati e di studiosi come Formica, oggi sappiamo che la felicità non è solamente una moda o un’utopia frutto del caso, legata solamente a situazioni esterne, ma si può bensì imparare e allenare come un muscolo, nel caso specifico investendo il proprio tempo e la propria energia in primo luogo sull’Essere, per poi ottenere il Fare e l’Avere. Uno stato fondato sull’auto-consapevolezza – a cominciare dai propri bisogni, valori e talenti – che permette di gestire al meglio anche le emozioni più difficili.

In questa video-intervista con Sandro Formica abbiamo approfondito diversi punti legati alla Scienza della Felicità e alle sue caratteristiche, partendo anche dall’esperienza personale di Sandro, che in un passaggio della nostra interlocuzione ci ha anche confidato di non essere affatto nato felice: «Anzi, al contrario, subivo spesso la malinconia ed ero introverso. Basta vedere le mie foto da bambino».

Oltre a presentarvi il suo lavoro, abbiamo parlato del tema della felicità in rapporto ai difficili momenti dovuti alla quarantena per contenere la diffusione del Covid-19 e dell’iniziativa ideata da Formica e il suo staff; #Fortinsieme – Riparti con noi dalle tue risorse interiori.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita
Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

Atma: “Ho scritto un libro per spiegare che cos’è davvero il tantra”
Atma: “Ho scritto un libro per spiegare che cos’è davvero il tantra”

Felicità Civica: come si misura la felicità di una città?
Felicità Civica: come si misura la felicità di una città?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

I Borghi più belli d’Italia: alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta

|

Legambiente: “La linea Alta Velocità Torino-Lione è fuori tempo massimo”

|

“Cosa mi sarei persa”. Federica Ooyen racconta come rifiorire dalla depressione

|

Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate

|

La storia di Vincenzo Deluci, la passione per la musica e la battaglia per una disabilità inclusiva