15 Apr 2020

Poniamo fine al commercio mondiale di specie selvatiche

Scritto da: Greenpeace

Greenpeace chiede all'Unione Europea di mettere fino al  commercio mondiale di specie selvatiche per tutelare gli ecosistemi, la biodiversità e la salute pubblica, considerato il rischio concreto del moltiplicarsi della diffusione di patologie come il Covid-19.

Poniamo fine immediatamente al commercio mondiale di specie selvatiche e pensiamo a potenziare gli sforzi europei per preservare gli ecosistemi, in modo da proteggere la salute pubblica e la biodiversità di tutto il mondo: sono queste le richieste di Greenpeace al vicepresidente della Commissione Europea Timmermans e al Commissario per l’ambiente Sinkievicius perché facciano sentire la propria voce alla Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica (CBD).

Ricerche e studi dimostrano che la distruzione degli habitat e della biodiversità può contribuire all’insorgenza e alla diffusione di patologie, e il Covid-19 non fa eccezione: il commercio di animali selvatici può aumentare il fenomeno dello spillover, e cioè il rischio di trasmissione da una specie all’altra, dagli animali all’uomo. La segretaria ad interim della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, Elisabeth Maruma Mrema, ha già chiesto il divieto di “mercati umidi” per evitare qualsiasi sviluppo di ulteriori pandemie e questo tipo di mercati sono stati temporaneamente vietati – al momento – in Cina e Vietnam.

china 344818 1920

L’UE chieda il divieto di commercio di fauna selvatica
«È ora che i leader europei si facciano sentire per mettere la parola fine al commercio mondiale di specie selvatiche e, con il sostegno anche della Commissione europea, facciano questa richiesta ufficialmente nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità (CBD). Gli Stati dovrebbero adottare tutte le misure necessarie per proteggere gli habitat all’interno dei propri confini, ma anche a livello globale, ad esempio ricorrendo ad una normativa europea che impedisca ai prodotti che causano deforestazione di essere immessi nel mercato comune», afferma Greenpeace.

«Anche se siamo contenti che i vertici della Convenzione delle Nazioni Unite sulla biodiversità si siano espressi per il divieto di mercati umidi, sappiamo che non è abbastanza: abbiamo bisogno di un divieto internazionale sul commercio di specie selvatiche. Il momento di proteggere le aree naturali che ospitano migliaia di animali selvatici è adesso, sia per il bene degli animali che per il nostro, visto il rischio concreto del moltiplicarsi delle zoonosi».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Articoli simili
“Questa è una vecchia amicizia”: uniti per l'adozione di cani e gatti adulti

Paolo Rossi, il fotografo dei lupi: “Vi racconto il mio nuovo cortometraggio”
Paolo Rossi, il fotografo dei lupi: “Vi racconto il mio nuovo cortometraggio”

Nuova Zelanda: “gli animali sono esseri senzienti”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’asse anti cinese di Joe Biden – #527

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”

|

Pnrr: nominati i commissari grandi opere, ma alcuni sono sotto processo

|

23 maggio: trent’anni dopo la strage di Capaci è ora di vedere di nuovo la gente incazzata

|

Cosa sta succedendo al procuratore anti ‘ndrangheta Gratteri, in Calabria

|

Chiusa di Pesio: il Comune dove i muli si prendono cura del verde pubblico

|

Abitare insieme: dal buon vicinato alla comunità solidale, impariamo a vivere con altre persone