22 Apr 2020

Si può facilitare il cambiamento? – Matrix è dentro di noi #2

Scritto da: Daniel Tarozzi

In questa seconda puntata Daniel Tarozzi si confronta con Melania Bigi e Ilaria Magagna di Tara Facilitazione. Parleremo di come facilitare il cambiamento, di cosa sia la facilitazione, ma anche di cosa significhi ripensare il lavoro in questo momento storico. E molto altro ancora.

Eccoci giunti alla seconda puntata di questo nuovo format. Sono passato da nessun ospite (a parte il mio alter ego) a due ospiti e che ospiti! Oggi, infatti, ho intervistato Melania Bigi e Ilaria Magagna, due amiche prima che due facilitatrici, ma soprattutto due donne che stimo immensamente e per cui provo tanta gratitudine.

In questi anni, infatti, Melania e Ilaria mi hanno insegnato cos’è la facilitazione. Grazie ad essa siamo riusciti a far dialogare oltre 100 attori del cambiamento nei nostri tavoli tematici e grazie ad essa riusciamo a lavorare in modo coordinato ed efficiente nel nostro gruppo. Non solo. Sempre grazie alla facilitazione sempre più aziende riescono a ottimizzare i propri processi lavorativi e le proprie dinamiche interne.

Ecco perché ho deciso di intervistarle. Abbiamo conversato su tutto: dai giorni difficili del covid-19, ai processi interni ed esterni che frenano il cambiamento, per arrivare ad approfondire la facilitazione e l’organizzazione che loro hanno creato, Tara.

Cosa c’entra con il tema di questo format? Tutto! Matrix è dentro di noi quando ci convinciamo di non potere cambiare le cose ma è dentro di noi anche quando pretendiamo di farlo senza formarci, senza acquisire strumenti, senza metterci in discussione in prima persona. Ma ora basta spoiler e buona visione!

Articoli simili
FabLab Imperia: la tecnologia apre le porte alla condivisione dei saperi
FabLab Imperia: la tecnologia apre le porte alla condivisione dei saperi

Naturalmente Molise: una mano per capire la tua strada
Naturalmente Molise: una mano per capire la tua strada

L’Albero delle Identità: quando l’arte diventa espressione di cittadinanza attiva
L’Albero delle Identità: quando l’arte diventa espressione di cittadinanza attiva

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk