18 Mag 2020

Danzare con la Tempesta: sette incontri online per seminare consapevolezza

Scritto da: Alberto Fragasso

Sette incontri online per seminare consapevolezza e riflettere su una concezione più ampia del significato di curare. Ideato e curato dall'antropologo Alberto Fragasso, torna da giovedì 21 maggio Danzare con la Tempesta, un nuovo ciclo di incontri online su arte, scienza, fisica, ecologia, antropologia.

Salva nei preferiti

Dopo qualche settimana dalla prima rassegna di conferenze online, eccoci per una seconda edizione di Danzare con la Tempesta che nasce da un bisogno attuale di porre nuove riflessioni sui temi che ci stanno a cuore della medicina, della sua visione e dei suoi paradigmi.

Quanto la consapevolezza del proprio corpo, dei suoi sistemi e della nostra mente può influenzare la nostra salute? Quanto l’ambiente che ci circonda e le relazioni ad esso correlate possono influire sul nostro stato di benessere?

Un nuovo ciclo di incontri che vedrà lo stesso titolo della prima edizione, Danzare con la Tempesta, equilibrio, calma e rinforzare il sistema immunitario dall’interno, per un approccio integrato tra corpo, mente e spirito, avrà lo scopo di condurre le persone a una più ampia visione della medicina, ma soprattutto della cura, vista come un più ampio ventaglio di possibilità che si cuciono in maniera profonda all’individuo a cui essa si sottopone. Arte, scienza, fisica, ecologia, antropologia unite per una concezione più ampia del significato di curare insieme a professionisti ed esperti del campo.

Grafica Facebook DANZARE

Questo ciclo di incontri prevederà la presenza di diversi esponenti nell’ambito della medicina umanistica che si occuperanno di accompagnarci a seminare una consapevolezza nuova e allo stesso tempo antica come il mondo dei tempi che stiamo vivendo, con lo scopo non tanto di rispondere a una serie di domande, quanto più di invogliare lo spirito di discernimento di chi avrà il piacere di seguire i relatori, e a risvegliare la fiducia nel proprio corpo e in quelle che sono le facoltà della mente, che molto spesso viene sottovalutata nei processi di guarigione da patologie, malattie e disturbi, per riportare a sintonizzarci su più ampie frequenze di ciò che solitamente viene taciuto, omesso o addirittura che è stato dimenticato, ma che risulta assolutamente importante recuperare responsabilmente per la salute di ogni singolo individuo, dell’ambiente e della Terra.

La salute quindi non appartiene solo all’essere umano, ma a tutti gli esseri che abitano il nostro pianeta, e se impariamo a riconoscere tutto questo allora riusciremo a trasformare anche l’atteggiamento e l’approccio nei confronti di una Terra dalla quale ci siamo distaccati, allontanati e disconnessi. Questa come tante è una delle cause portatrice di malattia e disagio, insieme all’isolamento vissuto in questo lockdown che ha generato molti moti di rabbia, rancore e stati depressivi, i quali molto spesso conducono a un indebolimento del sistema immunitario e del benessere psicofisico delle persone.

Il numero dei relatori di questo nuovo ciclo è di sette. Ognuno ha una sua specifica area di competenza e i loro interventi saranno un completamento di quelli precedenti nonché un ulteriore arricchimento.

Danzare con la Tempesta, godrà della partecipazione di esperti di astrofisica come Giuliana Conforto, autrice del libro Il gioco cosmico dell’uomo, Anne Givaudan, ricercatrice spirituale francese che da molti anni si occupa di temi che riguardano la salute e le antiche disclipline del passato per il ristabilimento del benessere; Carlo Ventura, cardiologo e professore ordinario di biologia molecolare presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna, che ci svelerà le sue scoperte sul suono e come esso possa influenzare il funzionamento delle cellule; Tania Re, psicologa clinica, antropologa ed esperta in fitoterapia ed etnomedicine, da sempre attratta dal mondo delle erbe e dalla ricerca dei processi di cura naturali; Marie Noelle Urech, counselor, formatrice del metodo CCMS (Connessioni Corpo Mente e Spirito), e direttrice attuale del centro Viriditas; Mauro Scardovelli, psicologo e musicoterapeuta noto autore di diversi manuali di cui uno in uscita a breve per Rizzoli, e infine Raffaele Fiore, medico, omeopata e analista junghiano, autore del libro La creatività medica, l’atto poetico in terapia.

Anche questo giro la rassegna si avvarrà della partnership della Rete Euromediterranea per l’Umanizzazione della Medicina HUMMED e del sostegno della casa editrice Amrita Edizioni insieme a Italia Che Cambia che ospiterà nei suoi canali youtube e facebook gli incontri singoli nel seguente calendario:

21 maggio Mauro Scardovelli (introduce Rossana Becarelli)
22 maggio Anne Givaudan
28 maggio Marie Noelle Urech
29 maggio Giuliana Conforto
4 giugno Carlo Ventura
11 giugno Tania Re
18 giugno Raffaele Fiore

Ogni incontro sarà previsto in un orario dalle 17.30 alle 18.30/19.00 Siamo pronti quindi per danzare un’altra volta con la tempesta e lasciarci trasportare dalla forza del tuono? Vi aspettiamo numerosi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Felice Accumulo, cambiare vita grazie all’arte, alla natura e alla religione
Felice Accumulo, cambiare vita grazie all’arte, alla natura e alla religione

Beatrice Pacchioni: il femminile cosciente è un bene comune
Beatrice Pacchioni: il femminile cosciente è un bene comune

Silvia Amorosino: “Se per assurdo mi ricrescessero i capelli non mi sentirei più io”
Silvia Amorosino: “Se per assurdo mi ricrescessero i capelli non mi sentirei più io”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sole, mare e G7. In Puglia si parla di armi all’Ucraina, asset russi congelati e polemiche sull’aborto – #949

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

|

Archingreen: bioedilizia e materiali naturali per case a misura di persona e di Pianeta – Dove eravamo rimasti #32

string(9) "nazionale"