11 Mag 2020

Muoviamoci! Il bando che a Torino promuove l’attività fisica

Trasformare la città in una grande palestra: in risposta alle misure per il contenimento dell'emergenza da covid-19 i prossimi mesi saranno all'insegna delle attività all'aperto e tante saranno le realtà che dovranno reiventarsi per creare nuove iniziative. In questa direzione guarda il bando Muoviamoci! della Fondazione Compagnia di San Paolo, per ripensare nuovi spazi e sostenere l'attività fisica e sportiva.

Torino - La Fondazione Compagnia di San Paolo ha lanciato il bando Muoviamoci! che nasce per sostenere e diffondere nel territorio della città di Torino l’attività fisica e sportiva come strumento di prevenzione delle malattie e di promozione di corretti stili di vita, di inclusione, di educazione e di cittadinanza attiva. È stato pensato per tutta la popolazione residente nel comune di Torino, ma con priorità per la fascia tra 0 e 29 anni e over 65.

Vuole essere un’occasione per rispondere alle direttive per il contenimento del contagio e, soprattutto, per andare incontro alle nuove esigenze che questo periodo emergenziale sta creando negli enti, nelle associazioni e in tutti i soggetti interessati.

Muoviamoci1

In particolare, il bando promuove l’adeguamento degli immobili, delle aree scoperte e delle aree verdi a uso sportivo esistenti sul territorio della Città di Torino. Inoltre, si occupa di favorire il sostegno ad azioni che stimolino la connessione tra l’attività fisica e sportiva e la promozione della salute, l’inclusione, i percorsi educativi, i progetti di cittadinanza attiva/socialità.

Possono partecipare al bando:

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Possono partecipare al Bando enti pubblici, enti ecclesiastici, associazioni, fondazioni e altri enti senza finalità di lucro con sede legale o operativa sul territorio del Comune di Torino. I progetti dovranno obbligatoriamente essere realizzati da partenariati composti almeno da due organizzazioni.

Le scadenze:

La scadenza per la presentazione delle domande per il bando Muoviamoci! è fissata al 15 giugno 2020 alle ore 12,00. La data di inizio delle iniziative è libera, mentre il termine per la conclusione delle attività è prorogato al 31 dicembre 2023 mentre la procedura di selezione termina con la pubblicazione degli esiti entro il 31 dicembre 2020.

Muoviamoci

Per quanto riguarda la presentazione del progetto esecutivo, alla data della scadenza del bando (15 giugno 2020 alle ore 12:00), è sufficiente fornire un attestato di avvenuta presentazione del progetto esecutivo all’Ufficio competente per autorizzazione. In ogni caso, con un congruo anticipo rispetto al termine della valutazione, dovrà essere fornito il documento approvato.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Io R-Esisto in strada: aiutiamo i senzatetto perché la salute è un diritto di tutti
Io R-Esisto in strada: aiutiamo i senzatetto perché la salute è un diritto di tutti

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza
Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza

Un centro di medicina illuminata: cambia sede la Grande Via di Franco Berrino

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora