24 Ago 2020

Alla riscoperta del “pane d’albero”, lungo la strada del castagno

Scritto da: Valentina D'Amora

Per secoli le castagne sono state una risorsa preziosa per i contadini, perché riuscivano, nei momenti difficili, a risolvere il problema dei pasti giornalieri e li rendevano più saporiti e sostanziosi. Un itinerario che valorizza l’entroterra genovese, offrendo una “visita guidata” attraverso otto valli per riscoprire il dimenticato mondo del castagno, la sua cultura e le eccellenze locali.

Genova - Valle Stura, Val Polcevera, Valle Scrivia, Val Trebbia, Val Fontanabuona, Valli Aveto, Graveglia, Sturla e Val Petronio sono le otto valli coinvolte, mentre la castagna è protagonista indiscussa di questa “strada di prodotto” Circa duecento, invece, sono i soci, tra aziende agricole, agriturismi, strutture ricettive, ristoranti, parchi naturali (dell’Antola, dell’Aveto e del Beigua), diversi comuni de territorio, aziende artigiane, cooperative, consorzi, associazioni e l’Agenzia di Sviluppo Gal Genovese che, dal 2005 fanno parte dell’associazione da cui tutto è partito.

«Riscoprire le nostre radici, rivalutare la cultura contadina e ricominciare a coltivare, lavorare e cucinare la castagna è uno dei principali obiettivi di questo progetto», spiega Marisa Bacigalupo, presidente dell’Associazione Strada del Castagno.

Gli itinerari si rivolgono a differenti target di viaggiatori: un percorso che interseca itinerari naturalistici, percorsi a piedi o in bicicletta, e si snoda in 11 tappe. Le mappe dei percorsi, valle per valle, sono sulla pagina Facebook della Strada.

L’obiettivo è proporre l’esplorazione di luoghi poco noti, valorizzando il lavoro che aziende agricole, artigiane e strutture ricettive portano avanti, rendendo attrattive le aree rurali, molto apprezzate in questa estate di “turismo di prossimità”. Il percorso è identificato dalla segnaletica installata nel 2017, che rende ben visibili i due accessi: uno a ponente, salendo lungo la Val Polcevera, e l’altro a levante, percorrendo la Val Fontanabuona.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

«Le figure di spicco della Strada sono le persone, che hanno scelto di non abbandonare l’entroterra, ma soprattutto i territori, i Parchi Naturali dell’Antola, dell’Aveto e del Beigua, picchi d’eccellenza dell’ambiente naturale genovese».

Il percorso, infine, ha una vetrina a Sestri Levante, presso l’ex convento dell’Abbazia della Annunziata, dove i prodotti della strada del castagno si commercializzano e si degustano. «Al ristorante Il tapullo, invece, tutti i piatti vengono preparati con gli ingredienti locali della strada», sottolinea la Bacigalupo.

«Tra i progetti futuri – conclude – c’è quello di lanciare un sito e, soprattutto, una piattaforma che metta in rete tutti i produttori, per diffondere anche online le eccellenze gastronomiche locali». E far assaggiare un po’ di genovesato anche a chi vive fuori da questo territorio da scoprire.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La Foresteria dell’Oasi, da ex fienile a struttura ricettiva nella riserva naturale
La Foresteria dell’Oasi, da ex fienile a struttura ricettiva nella riserva naturale

L'impatto del turismo sul clima. Perché è importante viaggiare sostenibile

Cyclolenti in Italia: Casa Netural, un incubatore di sogni nel cuore di Matera

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone