1 Set 2020

Cerotti per sensibilizzare e “guarire” la cultura

Scritto da: Valentina D'Amora

Un cerotto e l'hashtag #CURAlaCULTURA: un’idea di alcuni giovani cogoletesi per valorizzare la cultura, in tutte le sue forme, materiali e immateriali. Nata come un semplice attacco d’arte, in pochi giorni s'è trasformata in una spinta collettiva per promuovere i valori del territorio.

Genova - «Qualsiasi cosa per noi rappresenti, la CULTURA merita attenzione. Non è un lusso, è una necessità».

Tantissimi cerotti attaccati qua e là, sparsi in luoghi (non casuali) di Cogoleto (GE), come simbolici inviti a curare la cultura, e la Fornace Bianchi, luogo antico e unico in Liguria, come location del primo incontro, lo scorso 27 agosto.

«La voglia di esserci, di fare la propria parte per difendere la cultura, il nostro bene comune, ci ha dato l’input a creare tutto questo», racconta Luca Nanni, presidente dell’associazione Fornace Bianchi Cogoleto, nata nove anni fa. Lo scopo primario dell’associazione è la gestione della Fornace, la più antica testimonianza arrivata a noi del perduto “saper fare” cogoletese: da secoli, Cogoleto è ricordata per la presenza dell’industria della calce, ricavata dalla cottura della pietra calcarea, estratta dalle colline retrostanti e cotta nelle numerose fornaci un tempo presenti nel centro storico. Far conoscere e rivivere questo luogo, promuovendo la cultura, è l’obiettivo primario dell’associazione.

curalacultura 1

«Ci siamo resi conto che era il momento di dare un segnale, così siamo partiti dalla nostra Cogoleto, dove la Fornace è chiusa da oltre un anno, posizionando in luoghi chiave del paese alcuni cerotti, che rendono molto l’idea del senso di malattia di questo momento storico». La risposta della cittadinanza è stata da subito molto corale: in tanti hanno manifestato il proprio sostegno a questa iniziativa, gli stessi che hanno partecipato alla serata del 27 agosto. E questo sottolinea che la cultura è un bene universale.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Cura la cultura cogoleto

«Durante questo primo incontro abbiamo raccontato la storia e le tradizioni di un territorio “operoso”, quello cogoletese, che riconosce nelle antiche pietre della Fornace un prezioso lascito per le nuove generazioni».

I progetti per il futuro sono ancora in progress, ma i ragazzi stanno lavorando a una serie di “pacchetti” con strategie di comunicazione culturale, per valorizzare beni culturali anche fuori dal territorio ligure.

Così, un semplice attacco d’arte diventa un progetto più articolato, in grado di espandersi a macchia d’olio anche in altre città italiane. E un piccolo cerotto su attrazioni culturali “ferite” può dare un segnale forte alle istituzioni ed «esprimere quel senso di abbandono e di vuoto che versa intorno al settore della culture in questo momento storico».

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza