21 Set 2020

L’erboristeria intuitiva, un approccio che coniuga le erbe con la scoperta di sé

Scritto da: Valentina D'Amora

Come si può coniugare il mondo delle erbe all’unicità della persona che vi si avvicina? È a partire da questa domanda che Marco Fossati ha dato vita alla sua "erboristeria intuitiva", un approccio che si basa sull'ascolto della propria interiorità e sull'estrazione dei principi attivi delle erbe nel loro fitocomplesso.

Genova - Marco Fossati è un esperto di piante e un amante del mondo vegetale in ogni sua declinazione, ma anche un buon ascoltatore di persone, oltre che prode camminatore. E queste ultime due doti, apparentemente slegate, sono state il trampolino di lancio per dare vita al suo metodo di “erboristeria intuitiva”.

Con alle spalle una laurea in scienze erboristiche conseguita a Pisa (con una tesi sulla nutraceutica del “prebuggiun” ligure, miscela di piante per la salute, oltre che a uso alimentare), oggi Marco porta avanti la sua “erboristeria intuitiva” nel suo studio nel centro di Genova, organizza incontri individuali e di gruppo e collabora con diversi giornali e magazine, curando rubriche a tema.

Dopo anni di sperimentazione e di ricerca della salute grazie alle erbe, il suo approccio nasce da una semplice intuizione: come si può coniugare il mondo delle erbe all’unicità della persona che vi si avvicina?  Nel tempo Marco si rende conto che, oltre alle “ricette”, sono fondamentali il luogo, la relazione che si crea tra l’erborista e la persona e, naturalmente, le peculiarità della persona stessa. La dimensione di profondo ascolto della propria interiorità s’è rivelata essenziale per raggiungere la consapevolezza di quanto sia importante tutto ciò che va oltre ai nostri sensi, anche a quelli che siamo abituati a considerare tali.

Questa personalizzazione rende il suo lavoro costantemente in divenire, perché prende sempre nuove forme e dimensioni. Decido di approfondire con lui questi aspetti che rendono il suo metodo così innovativo.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Marco Fossati

Cos’è la tua “erboristeria intuitiva”?

Si tratta di un approccio costruito su tre basi: teoria, pratica e consapevolezza. La teoria si basa su criteri sia moderni che di medicina tradizionale mediterranea e sapere popolare, in un mix di nuovo e antico che si integrano a vicenda. La parte pratica riguarda l’aspetto manipolativo delle piante, cioè il saper estrarre i principi attivi delle erbe nel loro fitocomplesso. La consapevolezza, invece, tocca la dimensione dell’unicità della persona, dell’ascolto di sé e dell’interiorità, stimolando anche una coscienza di tipo ambientale. “Noi siamo natura”, sia come esseri umani che come individui, e questo è un aspetto prioritario che sottolineo sempre, durante tutti i miei incontri.

In che modo la pratichi per te e come la porti avanti per e con gli altri?

Nella mia quotidianità, pratico questo metodo in base al mio sentire personale, scegliendo le piante più adatte a me e sperimentando molto l’aspetto intuitivo.

Marco Fossati erboristeria intuitiva 1

Negli altri, la attuo associando una parte di conoscenza teorica e una parte di ascolto di sé. Mi baso molto sulla reazione durante “l’esperienza della pianta”, sia raccolta in un bosco che essiccata. Mi fermo e faccio riflettere la persona analizzando vari aspetti: “Cosa accende dentro di me questa pianta? Può essere nutriente per me in questo momento?”. A quel punto valuto cosa emerge, senza giudizio. In ogni caso, oltre alla conoscenza teorica, trovo sia essenziale tornare a dare spazio alla propria interiorità e reinserire se stessi all’interno dell’equazione della salute, cosa che invece, spesso, escludiamo. 

L’approccio di Marco, quindi, insegna alle persone a vivere in salute. “Chi è in buona salute è ricco senza saperlo”, insegna un vecchio proverbio francese.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17
AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

Le abitudini che salvano la vita, anche (soprattutto) su un letto d’ospedale
Le abitudini che salvano la vita, anche (soprattutto) su un letto d’ospedale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo