Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Set 2020

L’erboristeria intuitiva, un approccio che coniuga le erbe con la scoperta di sé

Scritto da: Valentina D'Amora

Come si può coniugare il mondo delle erbe all’unicità della persona che vi si avvicina? È a partire da questa domanda che Marco Fossati ha dato vita alla sua "erboristeria intuitiva", un approccio che si basa sull'ascolto della propria interiorità e sull'estrazione dei principi attivi delle erbe nel loro fitocomplesso.

Marco Fossati è un esperto di piante e un amante del mondo vegetale in ogni sua declinazione, ma anche un buon ascoltatore di persone, oltre che prode camminatore. E queste ultime due doti, apparentemente slegate, sono state il trampolino di lancio per dare vita al suo metodo di “erboristeria intuitiva”.

Con alle spalle una laurea in scienze erboristiche conseguita a Pisa (con una tesi sulla nutraceutica del “prebuggiun” ligure, miscela di piante per la salute, oltre che a uso alimentare), oggi Marco porta avanti la sua “erboristeria intuitiva” nel suo studio nel centro di Genova, organizza incontri individuali e di gruppo e collabora con diversi giornali e magazine, curando rubriche a tema.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

Dopo anni di sperimentazione e di ricerca della salute grazie alle erbe, il suo approccio nasce da una semplice intuizione: come si può coniugare il mondo delle erbe all’unicità della persona che vi si avvicina?  Nel tempo Marco si rende conto che, oltre alle “ricette”, sono fondamentali il luogo, la relazione che si crea tra l’erborista e la persona e, naturalmente, le peculiarità della persona stessa. La dimensione di profondo ascolto della propria interiorità s’è rivelata essenziale per raggiungere la consapevolezza di quanto sia importante tutto ciò che va oltre ai nostri sensi, anche a quelli che siamo abituati a considerare tali.

Questa personalizzazione rende il suo lavoro costantemente in divenire, perché prende sempre nuove forme e dimensioni. Decido di approfondire con lui questi aspetti che rendono il suo metodo così innovativo.

Cos’è la tua “erboristeria intuitiva”?

Si tratta di un approccio costruito su tre basi: teoria, pratica e consapevolezza. La teoria si basa su criteri sia moderni che di medicina tradizionale mediterranea e sapere popolare, in un mix di nuovo e antico che si integrano a vicenda. La parte pratica riguarda l’aspetto manipolativo delle piante, cioè il saper estrarre i principi attivi delle erbe nel loro fitocomplesso. La consapevolezza, invece, tocca la dimensione dell’unicità della persona, dell’ascolto di sé e dell’interiorità, stimolando anche una coscienza di tipo ambientale. “Noi siamo natura”, sia come esseri umani che come individui, e questo è un aspetto prioritario che sottolineo sempre, durante tutti i miei incontri.

In che modo la pratichi per te e come la porti avanti per e con gli altri?

Nella mia quotidianità, pratico questo metodo in base al mio sentire personale, scegliendo le piante più adatte a me e sperimentando molto l’aspetto intuitivo.

Negli altri, la attuo associando una parte di conoscenza teorica e una parte di ascolto di sé. Mi baso molto sulla reazione durante “l’esperienza della pianta”, sia raccolta in un bosco che essiccata. Mi fermo e faccio riflettere la persona analizzando vari aspetti: “Cosa accende dentro di me questa pianta? Può essere nutriente per me in questo momento?”. A quel punto valuto cosa emerge, senza giudizio. In ogni caso, oltre alla conoscenza teorica, trovo sia essenziale tornare a dare spazio alla propria interiorità e reinserire se stessi all’interno dell’equazione della salute, cosa che invece, spesso, escludiamo. 

L’approccio di Marco, quindi, insegna alle persone a vivere in salute. “Chi è in buona salute è ricco senza saperlo”, insegna un vecchio proverbio francese.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I tanti perché dell’attentato di Nizza – Io Non Mi Rassegno #242

|

Castagnatura ai tempi del Covid: la Festa del borgo di Raggiolo si sposta sul web

|

Chiude la cultura: le voci dei lavoratori dello spettacolo, tra sipari calati, sforzi vani e incertezze

|

L’appello di Laura, sorda dalla nascita: “Usate le mascherine trasparenti!”

|

La buona politica esiste! Marco Boschini e la rete dei Comuni Virtuosi

|

Gelso, la sartoria sociale che fa moda etica creando nuove opportunità di lavoro

|

Cittadini sostenibili: “Diffondiamo in città azioni e soluzioni concrete per vivere consapevolmente” – Io faccio così #305

|

Caccia: milioni di uccelli morti ogni anno per avvelenamento da piombo