10 Set 2020

Arriva la visita ginecologica “sospesa” per la salute di tutte le donne

Scritto da: Valentina D'Amora

Durante l’emergenza sanitaria, il servizio ligure per prenotare le prestazioni sanitarie è stato chiuso, provocando ritardi e slittamenti di visite a date da destinarsi. L'iniziativa lanciata da NonUnaDiMeno di La Spezia ha già sostenuto diverse donne di tutte le età che hanno usufruito della “visita solidale”.

Salva nei preferiti

La Spezia - «Costruire una piccola rete di donne che “prendono per mano” donne che non si conoscono e che hanno bisogno di aiuto è l’idea che ci ha spinto a mettere in moto questa campagna», racconta Silvia.

Durante il lockdown, per oltre tre mesi, a La Spezia, non è stato possibile prenotare visite ginecologiche e screening presso il consultorio pubblico, rimasto chiuso, e, ora che il servizio è ripreso, sono molte le donne che resteranno fuori dalle lunghissime liste d’attesa. In questi mesi, tante hanno dovuto rinunciare ai controlli oppure si sono rivolte a studi medici privati, affrontando una spesa che si aggira attorno ai 100/140€.

NonUnaDiMeno LaSpezia

«Come Non Una di Meno La Spezia, abbiamo creato una “cassa mutua”, dove chi può dà il proprio contributo, donando una visita, e chi invece ha bisogno, ci contatta e richiede una prestazione». Con l’intento di non lasciare indietro chi oggi si trova costretta a scegliere tra fare la spesa, pagare le bollette o dedicarsi alla propria salute, questa iniziativa diventa uno strumento concreto per sopperire all’assenza di un servizio pubblico che dovrebbe essere sempre garantito, nonostante la situazione emergenziale. «Ora che ci troviamo ad affrontare il recente picco di contagi da Covid in area spezzina, il servizio CUP risulta nuovamente “ingolfato”, per questo la nostra raccolta fondi resta aperta».

Non Una di Meno La Spezia

L’iniziativa è sostenuta e promossa in collaborazione con il consultorio AIED (Associazione italiana Educazione Demografica) di La Spezia, che fornisce le prestazioni sanitarie e che da oltre quarant’anni accoglie tutte le problematiche relative alla procreazione libera e responsabile, divulgando la cultura della maternità̀, della paternità̀ e della nascita, e promuovendo il contrasto alla discriminazione tra uomo e donna.

«Questo crowdfunding vuole essere un primo strumento di emancipazione e consapevolezza: vogliamo ripartire da noi stesse e dai nostri bisogni, mettendo in comune l’energia per lottare insieme e non lasciare indietro nessuna!».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio
DIALECT, il progetto che costruisce comunità inclusive sul campo di calcio

Jail Career Day: torna il matching tra aziende e persone in esecuzione di pena
Jail Career Day: torna il matching tra aziende e persone in esecuzione di pena

Sartoria Sociale Al Revés, dove il riciclo del tessile è sinonimo di riscatto
Sartoria Sociale Al Revés, dove il riciclo del tessile è sinonimo di riscatto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Julian Assange è libero! Il fondatore di Wikileaks patteggia ed è e già rientrato in Australia – #955

|

A Palermo si festeggiano i primi 25 anni di Banca Etica

|

Oltre il mito della longevità, la Blue Zone è un modello da preservare

|

Laboratorio Prodor: 90 anni fra fermenti vegetali e formaggi vegani

|

Pachacanta, il festival di musica medicina per riconnettersi con natura e spiritualità

|

I parchi italiani e la difficile convivenza fra residenti, amministrazioni locali ed enti di gestione

|

È-Vento di Saccargia, il nostro racconto della mobilitazione sarda contro la speculazione energetica

|

Anema: mangiare insieme e autoprodurre sono atti politici

string(7) "liguria"