8 Ott 2020

Il Librificio del Borgo: caffè e letture tra convivialità, lentezza e silenzio

Scritto da: Valentina D'Amora

Il librificio del borgo è una caffetteria-libreria indipendente poco distante dal centro di Genova, destinata a diventare un luogo d’incontro per studenti, lettori incalliti o semplici amanti delle buone merende fatte in casa.

Genova - Siamo a Borgo Incrociati, area pedonale dietro la stazione Genova Brignole, dove tra negozi di antiquariato e trattorie storiche, proprio sotto l’insegna dell’antica osteria Pacetti, Carolina e Francesco, tre settimane fa, hanno alzato per la prima volta la serranda del loro Librificio del Borgo.

Appena entrati, l’atmosfera che si respira è rilassata, complici anche i toni del verde e del rosa con cui ogni dettaglio è stato pensato.

Librificio del borgo

La libreria, oltre a essere arricchita dall’angolo caffè (e acqua in brocca illimitata, anche per le borracce!), è rigorosamente organizzata per aree tematiche: si passa dai viaggi, per uno sguardo sul mondo, ai libri su Genova, passando dai saggi alla zona bimbi, con tantissimi titoli dedicati ai piccoli lettori, fino all’area cartoleria.

Osservando i libri, l’occhio cade su tre orologi dove campeggiano le scritte: “In libreria – il tempo – non esiste”. Abbinare la lettura con il concetto di bar è funzionale, sia alla zona che al momento storico. «In un mondo in cui domina la fretta – mi spiega Carolina – noi qui abbiamo voluto ritagliarci un’oasi di pace in città, dove il tempo rallenta: le persone che vengono qui sanno che possono sfogliare un libro e godersi un momento di calma con una merenda fatta in casa».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Librificio GE

Per questo, i due amanti di saggistica, narrativa, cibo, vino e cose belle (come le felpe a tema libri, in vendita in un armadio dedicato) hanno deciso di cambiare vita per creare un luogo così particolare: «Volevamo riappropriarci delle tradizioni, ma soprattutto del dialogo. Come libreria offriremo il meglio delle grandi case editrici e, allo stesso tempo, faremo conoscere tante piccole realtà editoriali che non godono della fama che meriterebbero. Come locale, invece, vogliamo che diventi un punto di incontro di fronte a un caffè caldo o un bicchiere di vino… e dove sentirsi a casa».

Aperto dalla colazione fino all’aperitivo, il librificio è un luogo adatto alla convivialità ma anche al silenzio, dove si possono fare due chiacchiere con gli amici o studiare in una sala appositamente defilata rispetto alle altre, usufruendo della Wi-Fi a disposizione.

Librificio

«Tutto ciò che è sul menu è preparato da noi, ci teniamo a servire piatti realizzati con ingredienti genovesi o del tortonese, zona in cui sono nata: formaggi, vini e birre artigianali sono molto apprezzati nel tagliere dell’aperitivo».

In programma numerosi incontri, presentazioni con scrittori liguri, per dar loro la possibilità di presentarsi e farsi conoscere, ma non solo: il prossimo è “Il caffè che ti ascolta”, uno spazio gratuito di confronto e di riflessione in compagnia di un counselor. «Nella vita di tutti i giorni non si ha quasi mai il tempo per ascoltare i propri desideri, i propri bisogni. Così, affrontare un problema o prendere una decisione diventano imprese difficili. Eppure basta poco per riscoprire il piacere di essere ascoltati per davvero».

Un luogo sfaccettato dalle numerose potenzialità, per il territorio e la città.

Articoli simili
Davide, il “contadino jazz” che porta la musica in campagna
Davide, il “contadino jazz” che porta la musica in campagna

Io faccio così #38 – Michele Dotti: “Sbagliando non si impara, è grazie ai successi che cambia il mondo”

“E ora si cambia” riceve un importante riconoscimento
“E ora si cambia” riceve un importante riconoscimento

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita