20 Ott 2020

Il Visual Garden di Ilaria: “Cambio vita e lancio un progetto per valorizzare il centro storico di Genova”

Scritto da: Valentina D'Amora

Non più soddisfatta del suo ruolo da project manager in un cantiere navale, Ilaria Paderi ha deciso di lasciare il lavoro e mettersi in gioco come fotografa, per esprimere la sua creatività. Da poco ha dato vita a Genova, nell'area intorno a piazza Truogoli di Santa Brigida, al suo Visual Garden, uno studio fotografico che propone corsi e sperimentazioni pratiche nel centro storico, per scoprire scorci sconosciuti e valorizzare le bellezze genovesi.

Genova - Ad accoglierti una carta da parati tropicale, alcune fotografie in bianco e nero e un grande sorriso. Quello di chi, dopo tanti cambiamenti e difficoltà, finalmente ce l’ha fatta. Per anni Ilaria ha lavorato nell’ambito navale, ma stanca di un contesto lavorativo poco stimolante, ha sentito il bisogno di cambiare vita: «Ero project manager in un cantiere nautico, gestivo a livello sia economico che tecnico e organizzativo le lavorazioni di riparazione, manutenzione o modifica a bordo di megayachts. Dopo qualche tempo, però, quell’ambiente iniziava a starmi stretto, perché estremamente competitivo e dai ritmi poco umani: passavano le settimane e sentivo che mi stavo ingrigendo, perché non riuscivo a esprimere la mia creatività. Il mio amore per la fotografia è cominciato in quel periodo, semplicemente come un hobby, ma nel 2013 ho aperto la partita IVA e nel weekend, anziché riposarmi, ho iniziato a fotografare matrimoni».

ritratto Ilaria Paderi
Ilaria Paderi, nel suo studio

Nel frattempo Ilaria è cresciuta professionalmente e la fotografia è diventato il suo lavoro: in questi anni ha immortalato centinaia di sposi, bambini, famiglie, ma anche volti noti come Max Gazzè, Paolo Kessisoglu e Ivano Fossati.

LA SVOLTA: IL BANDO DEL COMUNE DI GENOVA
«Nel 2019 ho deciso di partecipare al bando del Comune di Genova che metteva a disposizione, in comodato gratuito di un anno, alcuni locali di questo sestiere per attività commerciali. Ho visto questo e ne sono rimasta incantata. Il mio progetto è stato selezionato e, dopo i tanti ritardi dovuti all’emergenza sanitaria, eccomi, nel mio Visual Garden». Come lei ad aver vinto il bando, una giovane editrice che sta per aprire una libreria con caffetteria, un ceramista, un liutaio e una sarta creativa.

Alzare nuove saracinesche è l’unica strategia per combattere il degrado e dare vita a un’atmosfera serena e sicura nella zona di Prè. «Di pomeriggio qui vengono i bambini a giocare, è una piazzetta pedonale amabile, dove è piacevole passare il tempo, per questo me ne sono innamorata subito».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

foto corso Ilaria

I CORSI
A ottobre è iniziato il primo corso pratico di fotografia per adulti: «L’obiettivo è imparare subito a destreggiarsi con la macchina fotografica, scoprirne le funzioni e metterle immediatamente in pratica. Per questo, durante ogni lezione, sono previste sedute teoriche e sperimentazioni itineranti nel centro storico. Per imparare a fotografare sì, ma anche per scoprire scorci sconosciuti di Genova».

Dopo un’esperienza di lavoro in Inghilterra, Ilaria si rende conto di quanto sia bella la sua città, ma ancora poco valorizzata. «Genova è un incanto e il mio desiderio è farla conoscere ai ragazzi che partecipano, per diffonderne insieme la bellezza». La chicca di questi corsi, oltre all’impostazione pratica che consente agli allievi di scattare in modalità manuale a partire dalla prima lezione, è la “rivista del corso”: ogni partecipante, sin dall’inizio, potrà scegliere un tema e impostare il suo progetto fotografico che sfocerà nella “rivista” del corso, come ricordo del lavoro svolto insieme.
Sono previsti anche corsi di postproduzione, corsi per ragazzi e workshop specifici, come foto in notturna.

I RITRATTI
«Amo i ritratti e in questi anni ho scoperto quanto mi piace fotografare anche i cani. Per Natale, infatti, proporrò scatti di famiglia con il proprio cane: saranno sessioni, naturalmente su appuntamento, in stretta sinergia con un educatore cinofilo».

Ritratti cane Ilaria Paderi

Un mare di idee per la riqualificazione del quartiere e tanto entusiasmo, per questo, nonostante la mascherina, i suoi occhi sorridono e la soddisfazione è talmente grande che si respira in ogni angolo dello studio.

Articoli simili
Maledetta Zappa: la storia di Cecilia e Filippo, dal cinema alla campagna
Maledetta Zappa: la storia di Cecilia e Filippo, dal cinema alla campagna

La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra
La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra

Elisa Toniolo racconta a I(n)spira-Azioni la sua nuova vita da agricoltrice – #7
Elisa Toniolo racconta a I(n)spira-Azioni la sua nuova vita da agricoltrice – #7

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne