Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Ott 2020

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare

Scritto da: Chiara Gnocchi

Tre artisti si esibiscono in tre diversi ambienti naturali per sottolineare il nostro legame con la natura e promuovere, soprattutto tra i giovani, i principi dell'economia circolare. Questo il senso di “Naturae”, progetto musicale lanciato dal consorzio Rilegno in collaborazione con Rockit.

Come comunicare e attrarre l’attenzione dei giovani sull’importanza dell’economia circolare? Con un esperimento che coinvolge la musica. Il Consorzio Rilegno – importante realtà che si occupa di raccolta, recupero e riciclo degli imballaggi di legno – in collaborazione con Rockit ha lanciato il progetto musicale Naturae. Tre cantautori della nuova scena musicale italiana reinterpretano un brano del proprio repertorio in un ambiente naturale fondendo note e suoni della Natura.

Ad inaugurare il progetto il video vol.1 di Maria Antonietta cantautrice dalla scrittura trasparente priva di strategie poetiche, chitarra e voce canta un brano del 2014, “Galassie”, seduta su una pietra in riva al fiume Sentino all’interno del Parco Regionale Gola della Rossa e Frasassi nelle Marche.

Alla base dell’idea vi è l’obiettivo di rendere evidente il legame esistente tra musica, natura e uomo. L’importanza del rispetto dell’ambiente, dell’uomo e dei principi di sostenibilità sono infatti i principi su cui si fonda l’impegno quotidiano di Rilegno, esempio virtuoso riconosciuto a livello europeo. «Da oltre 23 anni ci occupiamo di economia circolare del legno. Ora se ne parla tantissimo, fino a poco tempo fa questa economia era qualcosa di sconosciuto», ci spiega Elena Lippi responsabile comunicazione e sostenibilità.

«Ogni anno in Italia vengono riciclati due milioni di tonnellate di legno e questo è possibile grazie alla collaborazione tra realtà molto diverse, come possono essere i consorziati che producono imballaggi, le aziende che fanno riciclo, milioni di cittadini e oltre 4 mila Comuni in Italia. L’economia circolare è sistemica. Da una recente ricerca condotta dal Politecnico di Milano emerge che grazie a questa economia ogni anno vengono risparmiate 2 milioni di CO2 e 10 mila famiglie vivono del lavoro di questa economia nuova. Sono numeri da raccontare e soprattutto da copiare.

Questo mese lanciamo Walden, la community sostenibile di Rilegno. Noi mettiamo a disposizione le risorse che abbiamo perché le persone possano avere un luogo dove trovarsi e scambiarsi idee e progetti. Ai giovani mancano delle ‘piattaforme di lancio’, pensiamo sia la fascia che ha bisogno di supporto, in questo momento più che mai».

E proprio ai giovani si rivolge il progetto Naturae. «Il progetto nasce soprattutto per raccontare ad un pubblico giovane quelli che sono i valori in cui Rilegno crede e per cui lavora ogni giorno. Quello che dobbiamo far arrivare sono i valori universali che la musica può comunicare, ad esempio ad un giovane. I suoni della natura entrano nel pezzo dell’artista, come nelle nostre vite. Questo legame è il senso di questo progetto. Siamo piacevolmente stupiti di quanto stia andando bene la prima uscita, questo video ha raggiunto un pubblico che va dai 25 ai 44 anni, quelle fasce a cui noi interessava parlare.

I cantautori sono stati selezionati insieme a Rockit, sulla base della loro attenzione verso i valori di Rilegno. «Questi artisti si sono dimostrati oltre le nostre attese, nel senso che ci credono quanto noi!».

L’uscita del prossimo video è prevista a novembre, lo stesso giorno del primo (12 ottobre), mentre il terzo uscirà a dicembre. «Se va bene è il primo passo di un lungo percorso, se invece i giovani ci dimostreranno che non è questo il modo per parlare con loro il progetto che avrà un tempo limitato».

Per non rovinare l’effetto sorpresa non ci è stato rivelato il nome del prossimo artista, ma solo un’anticipazione del luogo: questa volta un bosco in Piemonte. Come si dice in questi casi, stay tuned!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Natale col Covid – Io Non Mi Rassegno #266

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Boscopiano: un gruppo di giovani realizza il sogno di far rivivere la propria valle

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura