4 Nov 2020

Al via i Laboratori di Comunità per costruire nuovi modi di vivere

Scritto da: Lorenzo Olivieri

Dopo il Giro degli Ecovillaggi d'Italia prendono il via i laboratori per portare le buone pratiche apprese dalla vita in comunità nella natura e in viaggio, anche nella vita di tutti i giorni.

Il Giro degli Ecovillaggi d’Italia partito il 15 luglio scorso, si è trasformato in una comunità di individui che stanno dando vita a dei veri e propri Laboratori di Comunità in presenza o a distanza. Insieme al gruppo di persone che hanno vissuto in Ecovillaggi Italiani per tutta l’estate, abbiamo scritto un manifesto con dieci principi che sono le linee guida di questo cammino che stiamo vivendo insieme:

  1. Seguiamo quattro principi: riduci, riusa, ricicla e coopera, viviamo la vita ispirandoci alla carta della terra.
  2. Aspiriamo a vivere in piccole comunità in natura dove le persone cooperano, ispirando azioni più sostenibili anche a chi vive in città.
  3. Ci confrontiamo liberamente e democraticamente in cerchio seguendo i valori del rispetto e dell’ascolto dell’altro.
  4. Promuoviamo una modalità di vita che sviluppa appieno le qualità personali e spirituali degli esseri umani.
  5. Consideriamo gli elementi essenziali alla vita umana (aria,acqua,cibo) risorse indispensabili e disponibili per ogni essere umano.
  6. Ci ispiriamo alla saggezza delle culture native/popolari, e al principio della reciprocità.
  7. Crediamo che l’insieme di piú individui sia molto di piú della somma algebrica dei singoli elementi.
  8. Consideriamo l’esercizio e la diffusione libera delle arti come valore di crescita ed evoluzione per l’umanità.
  9. Le comunità si creano con il principio di risonanza attraendo persone dalla consapevolezza simile, creando un rapporto rispettoso e amorevole con le altre forme di vita e la natura.
  10. Costruiamo percorsi e progetti che uniscono gli esploratori e avventurieri della vita, con ogni mezzo di comunicazione, in presenza o a distanza.
DSC09146

Perché stanno nascendo queste comunità? Molto spesso nelle nostre case, siamo molto più inquieti di quello che dovremmo essere, appesantiti dalla sensazione che qualcosa di grande ci manca nelle nostre vite.

Ciò che cerchiamo è il senso di comunità. Per lungo tempo l’essere umano è stato una creatura tribale ed ora non lo siamo più. Viviamo in comunità virtuali, ma in pochi cercano di ripensare ad un modo nuovo in cui le persone possono vivere insieme realmente. Allora se lo fanno in pochi, immaginiamo noi per un momento cosa significa vivere in una comunità ideale!

Per scoprirlo vivremo in un gruppo di eleganti edifici ecologici in campagna o in città, nella giungla o sulle Ande. Ognuno con la sua casetta, 20 o 30 in tutto, circondata da una serie di spazi comuni. Colazione, pranzo e cena  si consumeranno in compagnia seduti davanti a  grandi tavole. 

Ciò che ricerchiamo profondamente dentro di noi sono Nuove Comunità di Affinità Elettive. Ad esempio, quello che stiamo realizzando con la nostra Compagnia sono dei Laboratori di Comunità a Distanza, cioè la pre-formazione online di Lifeventure Academy, il cammino formativo che ci permette di creare delle comunità di esseri umani, che cooperano tra di loro, dando vita ad una Nuova Umanità. Invitiamo ad unirti ora da questo link.

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La questione del bacio non consensuale a Biancaneve – Io Non Mi Rassegno #363

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5

|

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

|

Tassare l’economia del distanziamento, per un mondo d’incontri

|

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

|

Santa Rosalia: a Palermo un festino alternativo per animare le periferie