29 Gen 2021

Bike Therapy: “Vivere in bicicletta promuove benessere e consapevolezza”

Promuovere la cultura della bicicletta, come strumento di benessere individuale e mezzo per entrare in contatto e in empatia con l'ambiente che ci circonda. Con quest'obiettivo Elena Giardina, giornalista ed economista ambientale, ha fondato “Bike Therapy” e lanciato una serie di iniziative legate alla bici, tra cui la campagna #PedalaxlaTerra, che sfida i ciclisti e non solo a raccogliere i rifiuti abbandonati a terra.

Che pedalare faccia bene alla salute, nostra e della Terra, non è certo una novità. Ma la bicicletta, così antica e allo stesso tempo simbolo di innovazione e di futuro, può talvolta diventare anche un preziosissimo strumento di conoscenza di sé, comunicazione di valori e, perché no, anche una terapia. Lo sa bene la giovane messinese Elena Giardina, economista ambientale, giornalista ed istruttrice di mountain bike, che circa quattro anni fa ha fondato Bike Therapy.

bike therapy 3

«Mi sono laureata in Economia del Turismo e dell’Ambiente, per poi trasferirmi a Torino e svolgere vari lavori in ambito ambientale per vari enti e aziende e poi ho lavorato molto come accompagnatrice cicloturistiche e il mio ultimo incarico è stato project manager nel campo dei rifiuti, del riciclo e della comunicazione ambientale», ha raccontato Elena.

«Bike Therapy è stato un modo per mettere insieme tutte queste esperienze e competenze e promuovere attraverso la bicicletta una filosofia del benessere individuale, mente e corpo, in empatia con l’ambiente, innescando così un cambiamenti di consapevolezza».

E se già negli anni torinesi Elena era solita abbinare ai giri ciclistici proposti delle tematiche di riflessione – dalla letteratura fino all’educazione ambientale – nel tempo l’abitudine a sperimentare abbinamenti ed esperienze provenienti da ambiti diversi si è radicata sempre di più.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Bike Therapy, infatti, si propone di costruire ed intrecciare un metodo del benessere legato a pratiche varie e multiformi – contatto con la natura, forest bathing, ecologia, ecosofia, manualità nel riparare la propria bicicletta e nel riciclo delle sue parti.

«A Messina, mia città natale, ho disegnato assieme ad un agronomo un percorso in città volto a far conoscere gli alberi monumentali e la natura presente in città, così da stimolare una maggior cura verso quella natura prossima che talvolta rischiamo di non notare e fornire delle piccole ancore di salvezza quotidiana, capaci di riportare la nostra attenzione alla bellezza.

bike therapy 2

A settembre di quest’anno, invece, mi sono accordata con Vincenzo Citto, un maestro di yoga, e insieme abbiamo proposto un giro cittadino che mettesse assieme la pedalata all’attenzione verso il respiro. Nelle varie tappe realizzate proponevo la descrizione dei luoghi e la riflessione su di sé e il contesto che ci circondava, Vincenzo nel frattempo indicava esercizi respiratori e allungamenti, che abbiamo svolto osservando il mare e la città con occhi diversi, ed il giro si è concluso con l’arrivo ad un parchetto cittadino ed una pratica di yoga con i piedi a terra.

È stata una bella esperienza. Spesso quando si tratta di pedalare scatta un po’ l’idea della performance. La bicicletta, però, non è solo sport, ma anche uno sfogo attraverso il quale ognuno di noi, con il proprio passo, con la propria lentezza, con la propria velocità, con il proprio respiro, può rigenerarsi», ha riportato Elena.

«In passato, con varie associazioni torinesi ho proposto un laboratorio che ho ideato per le scuole, “Naturalmente in Bicicletta”, che si sviluppava in varie direzioni. Facevamo conoscere la mobilità sostenibile, proponevamo piccole esperienze di ciclomeccanica e di riciclo creativo – con i copertoni e le camere d’aria delle biciclette, per esempio, si possono realizzare cinture, collane e bracciali, che assieme all’artista ICS già propongo con il marchio di e-Tires. C’è quindi un elemento di economia circolare. E ovviamente, laddove è possibile, ci sono i giri in bicicletta, nei quali educo anche alla sicurezza stradale e alla lettura dei segnali.

119435792 3000851843534222 2065348301268574914 n

Con Bike Therapy, nei prossimi mesi, vorrei portare avanti questi laboratori in collaborazione con l’associazione GreenTo, continuando a proporli nelle scuole, e affinare la mia proposta anche per le comunità di recupero e per le persone in stato di fragilità, offrendo così loro uno strumento in più per riacquistare fiducia», ha spiegato Elena.

È invece già attiva la campagna #PedalaxlaTerra, che sfida i ciclisti e non solo a raccogliere i rifiuti abbandonati a terra – mozziconi di sigarette, imballaggi di plastica, mascherine e quant’altro – postando una foto sui social con l’hashtag #pedalaxlaterra e gettando poi quanto trovato negli appositi contenitori. Plastic Free Sicilia e il Parco Ciclistico dell’Etna, ad oggi hanno già sposato la campagna. E voi cosa farete? Passaparola e #pedalaxlaterra!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile