Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
24 Mar 2021

Basta con la scuola-fabbrica, i bambini vanno educati alla meraviglia

Ex-ducere vuol dire "trarre fuori", in-segnare significa "lasciare un segno dentro": e se le origini semantiche di questi termini ci indicassero la strada da seguire per reinventare la scuola? In questo secondo approfondimento curato da Spiritualità del Creato, Luisita Fattori condivide con noi alcune riflessioni sul mondo dell'educazione.

Ci sono due tipi di intelligenza: una acquisita,
come lo scolaro memorizza fatti e concetti
dai libri e da quel che il maestro dice,
accumulando informazioni dalle scienze tradizionali,
come da quelle nuove.

Con questa intelligenza emergi nel mondo,
ti collochi davanti o dietro gli altri
in base alla tua competenza nel memorizzare l’informazione,
con questa intelligenza te ne vai a zonzo
per i campi della conoscenza segnando sempre più
cose sul tuo quaderno d’appunti.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

C’è un altro tipo di quadernetto,
uno già completo e custodito dentro di te,
una sorgente che straripa dal suo alveo.
Una frescura al centro del petto.
Quest’altra intelligenza
non ingiallisce e non ristagna. È fluida,
e il suo movimento non è da fuori a dentro
attraverso le condutture di un sapere idraulico.
Questo sapere è una fonte che da dentro di te va verso l’esterno.
Rumi

Questa frescura al centro del petto l’abbiamo tutti, i mistici lo chiamano cuore o luogo tenero e soffice. L’abbiamo tutti, ma può essere lì per anni inascoltata o sommersa o soffocata e occorre un percorso per ritrovare questa fonte originaria, per riconoscerla, per non averne paura, per lasciarla sgorgare con coraggio. Da lì proviene la parola viva ed è forse la sala parto delle parole. In famiglia e a scuola noi impariamo a parlare attraverso il “bagno di lingua”.

Come sarebbe bello che i bambini potessero crescere in scuole in cui la consapevolezza alla fonte sia presente assieme a fine ascolto, delicata attenzione, sguardo regale e rispettoso, amore per l’imparare, empatia, calda fiducia, saggezza del cuore, gioia e umorismo, diritto all’errore… Ci sono tanti modi di imparare, qualcuno dice forse uno per ogni bambino/a. Ci siamo presi il compito, fin dai nostri albori come specie, di in-segnare (di lasciare un segno dentro) alla nostra discendenza, il come lo pratichiamo ha un grande impatto sul processo di crescita dell’uomo e dalla donna del domani. È una responsabilità, ossia un essere abili a rispondere alle domande del presente e a creare visioni per un futuro che abbia senso.

Matthew Fox, il teologo che ha riscoperto e fatto conoscere la spiritualità del creato, vive a scuola da quando aveva 5 anni (ora ne ha 80), prima come alunno, poi come insegnante e dirigente; dopo questa lunga esperienza dedica un intero libro, un inno a una scuola viva, creativa, gioiosa, a misura di bambino e quindi a misura d’Universo. Un’educazione consapevole si occupa di ciò che Tommaso d’Aquino chiamava “l’atto umano più nobile”, cioè la gioia. La gioia e l’educazione vanno a braccetto. Tommaso diceva che la possibilità di espansione dell’essere umano è grandiosa, sosteneva che l’essere umano è capax universi (capace dell’universo). Fox lancia un urlo pedagogico molto forte e appassionato in: Educare alla meraviglia. Reinventare la scuola, reinventare l’umano (ed. Meridiana, Molfetta, 2017). Egli sostiene che l’educazione è talmente essenziale per noi esseri umani che una maniera fondamentale per reinventare la specie in un momento cruciale come quello che stiamo vivendo è reinventare l’educazione.

Il significato etimologico di educare deriva dal verbo latino ex ducere, trarre/condurre fuori. Ossia portare alla luce le capacità, i talenti davvero unici di ciascuno/a: le nostre capacità di gioia e di meraviglia, di stupore e condivisione, il nostro amore per la vita, la giustizia e la compassione, la nostra autenticità e interezza, la nostra immensa capacità creativa e le tante qualità di vita che ci abitano potenzialmente. Un sistema educativo consapevole favorisce inoltre la nostra capacità di ascolto, di sostare e nutrirci di silenzio e contemplazione. “L’epoca moderna, che ci ha dato la civiltà industriale, ha praticamente ridotto l’educazione a una fabbrica di conoscenza piuttosto conservatrice”, scrive Fox e la conoscenza senza saggezza diventa pericolosa. La rivoluzione educativa per Fox può avvenire attraverso la risignificazione delle 10 C: cosmologia, contemplazione, creatività, caos, compassione, coraggio, coscienza critica, comunità, celebrazione, carattere.

Concludo con questo episodio. Il mio amico Mattia, quando aveva 7 anni, un giorno arrivò a casa da scuola stanco e con il mal di testa, sua mamma gli chiese se avesse male per aver usato molto la testa: “No mamma la testa a scuola non la usi proprio per niente, basta solo che ripeti alla maestra ciò che si vuole sentire dire”. Rimasi basita dalla chiarezza con cui aveva fotografato la situazione. Mattia lo conosco fin da piccolo, quando con le costruzioni faceva gli ascensori per salire sul Sole… con tanta creatività e voglia di conoscere, ricordo i suoi occhietti vispi e luminosi. Talvolta alcuni tipi di scuola tradizionale purtroppo demotivano e “demeravigliano” dei piccoli splendidi esseri. Da molti bambini arriva una chiara e urgente richiesta di essere adulti alla loro altezza.

Clicca qui per leggere gli altri articoli di Spiritualità del Creato.

La Fisica degli Angeli

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Francia vieterà alcuni voli interni? – Io Non Mi Rassegno #346

|

A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

|

Il “mio” Brasile, così diverso da quello di Bolsonaro

|

La salute pubblica deve diventare un bene comune!

|

CO+: la sottile linea rossa che divide rigenerazione e gentrificazione

|

Il suolo è vita: ecco come rigenerarlo e coltivare cibo sano e nutriente

|

La sfida di EBC: tutela per i corrieri e riduzione dell’impatto ambientale

|

Nuove forme di relazioni, amore e sesso. È ora di riconoscerle! – Amore Che Cambia #1