12 Mar 2021

Facilitare le riunioni online: non solo è possibile, è addirittura conveniente!

Scritto da: Alessia Rotolo

TARA Facilitazione e Coaching Mediterraneo propongono un percorso di quattro incontri per scoprire il tema, più che mai attuale, della facilitazione nelle riunioni online. L'obiettivo? Dimostrare che quella che spesso viene vissuta come una forzatura dettata dalle attuali contingenze in realtà possa essere una risorsa importante da mantenere e valorizzare anche in futuro.

Alzi la mano chi non ha fatto almeno dieci riunioni online da quando è iniziata la pandemia. Da un anno a questa parte le nostre relazioni sono cambiate e anche le modalità di incontro e di discussione hanno traslocato sulla rete, sicuramente abbiamo perso il contatto fisico e il linguaggio non verbale, ma oltre al “MI sentite?!” c’è di più. Già, perché a parte lo scoglio delle resistenze iniziali, dell’angoscia e dell’ansia, riunione dopo riunione abbiamo scoperto quante opportunità ci sono e in molti abbiamo cominciato ad apprezzare questa modalità di lavoro.

Da queste premesse nasce l’idea del percorso formativo “Trasformare le riunioni online, libera la forza del gruppo”, nato dalla collaborazione fra Coaching Mediterraneo e TARA, per imparare a fare riunioni efficaci e felici. Questo significherebbe avere un impatto su tutto il sistema: pensate a quante opportunità ci possono essere nel trasformare e rendere efficaci le riunioni online, un aiuto a superare con maggiore slancio la crisi che stiamo affrontando. Il corso è formato da tre incontri da tre ore ciascuno, dove si apprenderanno tecniche di facilitazione e si sperimenteranno strumenti pratici per delle migliori comprensione e attivazione dei partecipanti a un gruppo di lavoro online. Questi incontri saranno introdotti da una diretta che sarà ospitata sulla nostra pagina facebook martedì 16 marzo alle 18.30.

tara facilitazione
Ilaria Magagna (a sinistra) e Melania Bigi, facilitatrici di TARA

La facilitazione di una riunione online si basa sugli stessi principi e tecniche utilizzate in presenza aggiungendo l’uso di strumenti digitali particolarmente efficaci in ambienti virtuali. Le riunioni sono specchio della cultura dell’organizzazione di cui facciamo parte: la trasparenza delle informazioni, come comunichiamo e quanto spazio prendiamo sono il riflesso dei processi più ampi che instauriamo.

Riflettiamo un attimo sulle opportunità delle riunioni online. A marzo del 2020, quando la nostra vita si è trasformata radicalmente e il lavoro è diventato “smart”, abbiamo pensato di rischiare l’esaurimento nervoso e frustrazione e insofferenza si sono impadroniti spesso di noi. Perché all’inizio quando c’era da fare una riunione online – fra connessioni instabili, microfoni gracchianti e lunghe discussioni fatalmente distanti dal raggiungere qualsivoglia obiettivo – chi non ha pensato di buttare il PC dal balcone dove campeggiava la scritta “Va tutto bene” con tanto di arcobaleno?

Col tempo però, riunione dopo riunione, abbiamo capito che c’era del potenziale. Sarebbe bene mettere a fuoco gli aspetti positivi di uno strumento di cui, volenti o nolenti, abbiamo appreso i meccanismi tecnici di base, per prendere quanto di buono ci ha insegnato questa nuova modalità di lavoro in gruppo. Anche perché alcuni di questi aspetti positivi potrebbero convincere molte organizzazioni a mantenere online una parte delle loro riunioni anche dopo che le misure di distanziamento saranno ritirate.

facilitazione online

Tra gli aspetti positivi ci sono sicuramente minori costi economici e ambientali legati agli spostamenti dei partecipanti alla riunione, ma anche l’ottimizzazione del tempo e la migliore circolazione di comunicazioni in background: abbiamo acquisito canali secondari come la chat, le reazioni, i sondaggi e altro ancora in grado di aprire un dialogo di secondo livello molto utile. La massima condivisione di risorse e materiali multimediali che possono pure sincronizzarsi su tutti i dispositivi. Semplicità nella gestione di lavori in piccoli gruppi separati fra loro. Flessibilità nella struttura dell’incontro. Un incontro ben pianificato permette la partecipazione di un numero illimitato di persone che possono sia lavorare tutte insieme in plenaria che in piccoli gruppi per discussioni nel dettaglio.

E se invece andiamo a vedere quali sono le difficoltà che si incontrano durante le riunioni online, al di là di quelle meramente tecniche risolvibili con la condivisione di conoscenze, scopriamo che una buona parte esisteva già anche in presenza. Così ci rendiamo conto anche che la soluzione a quelle difficoltà esiste già e prende il nome di Facilitazione.

Dunque se siete interessati a saperne di più vi invitiamo a cliccare su questo link per consultare il programma del corso “Trasformare le riunioni online, libera la forza del gruppo”, scoprirne tutti i dettagli e iscrivervi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista
Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista

Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi
Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi

La storia di PeaceLink, dal giornalismo partecipativo alla prima rete telematica per la pace in Italia – Io Faccio Così #352
La storia di PeaceLink, dal giornalismo partecipativo alla prima rete telematica per la pace in Italia – Io Faccio Così #352

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Myanmar, le responsabilità dell’occidente a due anni dal golpe – #663

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova

|

Il messaggio di nonviolenza di Ghandi settantacinque anni dopo

|

Monte San Primo: i cittadini si mobilitano per salvare la montagna dal business del turismo

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli