4 Mar 2021

Imprenditori Sovversivi: l’errore più grande è lavorare troppo – Io faccio così #321

Intervista di: FRANCESCO BEVILACQUA e PAOLO CIGNINI
Video realizzato da: PAOLO CIGNINI

Fabrizio Cotza è formatore e fondatore di Imprenditori Sovversivi, una rete di consulenza e formazione per i piccoli e medi imprenditori che, come dice il nome, sovverte i principi su cui è tradizionalmente fondata la gestione di un'azienda, mettendo al centro la qualità del lavoro e il benessere delle persone.

Molti consulenti promettono alle imprese che grazie alle loro dritte potranno aumentare i fatturati, ampliare la clientela, ottimizzare la produzione o allargare la loro fetta di mercato. Fabrizio Cotza parla invece di migliorare la qualità della vita. È proprio per questo che ha deciso di chiamare la propria rete Imprenditori Sovversivi: sovverte, ribalta, rivoluziona completamente gli assunti che da decine di anni vengono ripetuti come dei mantra dai piccoli e medi imprenditori italiani.

«I valori che abbiamo messo in discussione – ci spiega Fabrizio mentre chiacchieriamo in una sala convegni che il giorno successivo ospiterà un incontro della rete – erano molto legati a come veniva interpretato il lavoro, in primis il duro lavoro: se ci tieni alla tua azienda devi passarci 16 ore al giorno, devi lavorare il sabato e la domenica. Anch’io facevo così». Già, perché Imprenditori Sovversivi nasce prima di tutto da una storia personale, quella dello stesso Fabrizio.

Da diversi anni sta sperimentando sulla sua pelle gli insegnamenti che trasmette alle persone che richiedono la sua consulenza. Alcuni dei principi a cui si ispirano il suo stile di vita e il suo approccio professionale sono quasi delle bestemmie per l’imprenditore classico: fermarsi, rallentare, imparare a dire no.

«Abbiamo elaborato sette passi che compongono il cammino per diventare Imprenditori Sovversivi», spiega Fabrizio approfondendo questi concetti. I primi due sono pianificare e delegare; il terzo è un pugno nello stomaco per chi ha una visione convenzionale della gestione d’impresa: «Ho chiesto a un centinaio di imprenditori che hanno avuto delle idee eccezionali quando le hanno concepite e quasi tutti hanno risposto: “Mentre mi annoiavo”». Da qui l’intuizione di fermarsi, per favorire l’insorgere di una condizione di “relax creativo”.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il quarto passaggio è altrettanto rivoluzionario e mette in discussione le fondamenta stesse del modello economico attuale, ovvero la crescita come obiettivo necessario e imprescindibile: «Cosa fa solitamente un imprenditore quando viene sommerso di domande? Allarga l’azienda, assume personale e ripiomba nel meccanismo iniziale. Io invece anche qua suggerisco uno stop: bisogna imparare a dire di no, a selezionare».

imprenditori sovversivi 1

L’ultimo step è quello della realizzazione e trasforma l’azienda non più in un luogo di lavoro ma in una palestra di crescita personale: «Puoi lavorare ad esempio sulla tua permalosità o sulla tua irascibilità. Questo perché hai sistemato tutto a livello organizzativo e finalmente ti puoi dedicare all’essere umano». Questa visione, coerente con un nuovo modello economico che si rifà all’etimologia del termine e al concetto di “economia al servizio delle persone” e non viceversa, si espone al rischio di essere bollata come “perdente”, improduttiva, inefficace.

Eppure i numeri danno ragione al metodo sovversivo, che anche dal punto di vista del ritorno garantisce abbondanti frutti: «Il 95% dei nostri imprenditori – sottolinea Fabrizio – dichiara di aver aumentato gli utili. Ma chiedo sempre anche un’altra cosa: quegli utili ti sono stati davvero utili, ovvero hanno permesso un miglioramento della tua vita e di quella delle persone che ti stanno accanto? O semplicemente hanno rimpolpato il tuo conto in banca?». Anche a questa seconda domanda la risposta è positiva: «Il 97,5% degli interpellati mi ha risposto che la propria qualità di vita è migliorata. E la bellezza di un approccio di questo tipo è proprio questa: che si adatta all’essere umano».

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
CirculART, moda etica e filiera tessile alla Fashion Revolution Week
CirculART, moda etica e filiera tessile alla Fashion Revolution Week

Samarcanda: il taxi solidale, etico e sostenibile

Cento masserie, torri e castelli gratis per i giovani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”