Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Mar 2021

Utopia: il fotografo che immortala chi sogna (e realizza) l’impossibile

Un atlante delle “utopie possibili”, luoghi e scelte di vita che molti non immaginano neanche possano esistere ma che invece ci sono e rivestono il fondamentale ruolo di ispirare chi sogna un mondo diverso. Carlo Bevilacqua ha viaggiato in giro per il mondo per conoscerle e documentarle, per poi poter accompagnare anche noi a scoprirle attraverso le pagine del suo ultimo lavoro: “Utopia, dreaming the impossible”.

«A partire dall’opera di Platone La Repubblica, risalente al IV secolo a.C., la speculazione filosofica, la fantasia narrativa e tentativi più o meno riusciti di mettere in pratica principi atti a garantire “una vita migliore” accompagnano il destino umano», scrive Carlo Bevilacqua, fotografo palermitano, a introduzione del suo ultimo progetto fotografico.

«Ma che cos’è l’Utopia oggi? Esistono nel mondo realtà che hanno saputo tradurre in esperienza le astrazioni intellettuali e che, basandosi sulle qualità dell’Uomo, hanno davvero dato vita ad alternative praticabili?».

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

È con questi interrogativi che nel 2013 Carlo Bevilacqua è partito alla ricerca di quelle realtà che sperimentano sulla propria pelle utopie ecologiche, relazionali e sociali. «Mi sono messo in viaggio senza pretese, senza tesi da dimostrare, ma con la voglia di documentare ciò che trovavo», ci ha raccontato.

Un percorso lento e diluito nel tempo il suo, che ha toccato note realtà comunitarie come l’indiana Auroville, l’americana The Farm, le italiane Damanhur e la Valle degli Elfi, ma anche coppie creative come i canadesi Wayne e Catherine, che a partire da una ex struttura di itticoltura hanno dato vita a una casa galleggiante con tanto di serre, cisterne, pannelli solari e generatori, o ancora singoli coraggiosi come Mulai, che da solo ha piantumato una foresta tropicale di 1500 ettari su un banco di sabbia, nel cuore del fiume Brahmaputra, in India.

Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Olanda, Francia, Spagna, Italia, Danimarca, Lituania e India sono stati i luoghi in cui Carlo, armato di curiosità e di macchina fotografica, ha incontrato presenti paralleli, catturandone le immagini. «Si trattava di una ricerca, la mia, che potenzialmente sarebbe potuta non finire mai», ci ha spiegato. «Allo stesso tempo, dopo quattro anni dalle prime foto, mi sono accorto che proseguendo avrei trovato perlopiù repliche o realtà che erano già state documentate».

L’essenza, insomma, era stata colta. Così nel 2017 Carlo pubblica il suo “Utopia – Dreaming the Impossible”, un atlante parziale ma ricco di immagini di alcuni dei più significativi tentativi utopici dei nostri anni edito da Crowdbooks e distribuito dall’agenzia Parallelozero. «Ciò che mi ha colpito – ci ha raccontato – è che le istanze portate avanti da queste realtà, alcune delle quali esistono da decenni, sono le stesse che oggi stanno acquisendo sempre più importanza. Mi riferisco alla sostenibilità ambientale, oggi una parola d’ordine anche nel mondo dell’imprenditoria. Ma anche alla voglia sempre più diffusa di ridisegnare i rapporti fra uomo e uomo, fra uomo e natura».

«Per me è una conferma del fatto che questi laboratori di vita alternativa sono stati capaci di guardare avanti, anticipare i tempi», conclude l’autore. «Oggi, fra l’altro, tante persone stanno andando a vivere in campagna, si uniscono o danno vita a comunità, portando così avanti la ricerca di una vita più in sintonia con loro stessi e con il mondo».

D’altronde, nell’utopia c’è sempre implicita un’idea di futuro – un futuro privo degli errori commessi fino ad allora –, di uno slancio, di una tendenza che pur generando spazi di vita migliori non cessa mai di cercare un po’ più in là, di costruire un domani migliore.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Cina-Usa, è svolta sul clima? – Io Non Mi Rassegno #350

|

“Gli asini ci insegnano la calma e a vivere la vita ai ritmi della natura”

|

VocAMOlario: impariamo a parlare di amore e sessualità – Amore Che Cambia #2

|

Proxima: una sartoria sociale dove ricucire tessuti e vite

|

Tribal Italia: portiamo etica e sostenibilità nel mondo degli integratori

|

Curare di più l’ambiente e lo stile di vita per aumentare la longevità sana

|

Dall’ufficio di una multinazionale al frutteto: la storia di Elisabetta e Corrado

|

Mentorship, il progetto che aiuta gli studenti che stanno ai margini