13 Apr 2021

La salute pubblica deve diventare un bene comune!

Scritto da: Redazione

Pochi giorni fa un collettivo di professionisti del mondo della comunicazione e della grafica, di cui fa parte anche Smarketing, ha lanciato una campagna nella zona di Bergamo – una delle province che hanno subito le conseguenze più pesanti della pandemia – con l'obiettivo di cambiare la percezione della salute pubblica nell'immaginario collettivo delle persone.

Estate 2020, fine del primo Lockdown; Bergamo, Alzano… l’epicentro. Noi c’eravamo, noi abbiamo visto. Avevamo scoperto sulla nostra pelle una cosa che avrebbe dovuto essere ovvia e non lo era: che la salute riguarda il modo di essere cittadini. È una questione di diritti, responsabilità, coscienza, voce in capitolo. Anche dell’adultità di chi dovrebbe rappresentarci. Volevamo dirlo, dovevamo dirlo.

Sono queste le premesse che hanno dato vita alla campagna ART32 – Salute Pubblica Bene Comune, che prevede la realizzazione, assieme ad una quarantina di designer, di una mostra itinerante e replicabile (innanzitutto di affissioni murali) per comunicare un’idea di salute pubblica, territoriale, preventiva e civile. Per parlare di salute oggi, occorre rivolgersi in modo sincero ed empatico a una popolazione in allarme che (in percentuale) è sempre meno alfabetizzata, sempre più affrettata nei giudizi, sempre meno abituata a seguire ragionamenti articolati e complessi. Per questo scopo grafica, infografica e fotografia sono molto importanti: purtroppo le parole da sole spesso non bastano, neanche le migliori. Per questo noi sentiamo l’esigenza di fare la nostra parte, con i nostri mezzi.

salute pubblica 1

ART32: UNA CAMPAGNA DI AFFISSIONE PUBBLICA

La Salute Pubblica è importante; per questo abbiamo scelto di chiedere ad alcune e alcuni graphic designer sensibili alla questione, che lavorano con diverse tecniche e provengono da diverse esperienze socioculturali, di realizzare dei manifesti ispirati all’articolo 32 della Costituzione italiana.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Nello specifico è stato previsto di realizzare:

  • Dal 6 aprile al 2 maggio 2021 una campagna di affissioni per le vie di Bergamo dei manifesti prodotti (numero di postazioni: 200, designer coinvolte/i: 40)
  • Da maggio 2021 la campagna sarà ospitata ad Alzano (BG) negli spazi di Risma e a Bergamo negli spazi di Daste. Durante questo periodo sono previsti azioni sul territorio che coinvolgeranno bambine/i, ragazze/i e adult
  • A Luglio 2021 è prevista la produzione di una pubblicazione che raccoglie i manifesti, alcuni interventi/riflessioni, infografiche e altri materiali divulgativi.

OBIETTIVI

Vogliamo concentrare l’attenzione della cittadinanza sulla salute pubblica e la medicina territoriale. Vogliamo allentare le percezioni distopiche e migliorare in ciascuno la responsabilità, la coscienza e le abitudini in un’ottica di prevenzione primaria. Vogliamo che si curi la salute prima che la malattia. Vogliamo ritrovare un’idea della salute non centrata sugli ospedali. Insomma, vogliamo che l’art. 32 della Costituzione viva nel corpo sociale e nel corpo biologico di ciascuno di noi. Possiamo farlo attraverso le visioni che nei prossimi mesi saranno espresse nelle sue molteplici sfaccettature dalla comunicazione visiva. Attraverso i diversi e peculiari codici espressivi grafici, la campagna di affissioni potrà attirare lo sguardo del passante per generare ( o risvegliare) una serie di azioni, atteggiamenti e riflessioni di pensiero critico e di prospettiva lunga.

salute pubblica 2

CHI SONO I PROTAGONISTI?

Siamo grafiche e grafici, a noi viene meglio coi segni. Abbiamo deciso di lanciare quest’idea ed abbiamo cominciato a telefonare e chiedere un’opera a chi esplora il nostro mestiere in Italia: a volte già personalità, a volte giovani. Hanno risposto ringraziandoci: non era un bisogno solo nostro. Hanno risposto all’appello ed esporranno: Andrea Amato; Ginette Caron – Antonio De Luca; Elisabetta Barbaglia; Guido Bertola; Chiara Birattari; Barbara Boiocchi; Laura Bortoloni; Cristiano Bottino; Laura Buddensieg; Gianluca Camillini; Ilaria Carcano; Dario Carta; Francesco Dondina; Fabrizio Falcone; Maddalena Fragnito; Annalisa Gatto; Jacopo Giannitrapani; David Gil; Lorenzo Grazzani; Lodovico Gualzetti; Orith Kolodny; Lucia Lamacchia; Gianni Latino; Elena Lollli; Claudio Madella; Armando Milani; Gabriel Milani; Marco Molteni; Lucio Passerini; Michele Patané; Marco Pea; Stefano Reboli; Michele Salmi; Mariangela Savoia; Gianluca Seta; Silvia Sfligiotti; Stefano Tonti; Marco Tortoioli; Arianna Vairo; Federico De Martini – Valentina Cantù.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5