19 Mag 2021

Una cooperativa di comunità nata dal basso per dare nuova vita alla montagna

Ci troviamo in Lunigiana: qui un percorso formativo a cui hanno partecipato alcuni cittadini è stato la scintilla che ha consentito la nascita di una cooperativa di comunità e del relativo progetto per rivitalizzare l'area, risollevare l'economia attraverso il sostegno alle attività tradizionali e combattere lo spopolamento.

Siamo in Lunigiana, nel Comune di Comano. Un’area cosiddetta “interna”, montana, storicamente ricca di tradizioni, di natura e di prodotti genuini, ma ad oggi in via di spopolamento. Qui a ottobre 2020, su iniziativa della Polisportiva San Giorgio e grazie al co-finanziamento ricevuto dalla Regione Toscana, è stato avviato “Passato Presente e Futuro”, un percorso volto a formare la cittadinanza interessata alle nuove forme di imprenditorialità capaci di valorizzare il territorio e in particolare alla modalità imprenditoriale della Cooperativa di Comunità.

cooperativa di comunita lunigiana 1

Oltre alla Polisportiva, molti sono i partner che hanno reso possibile questo percorso: il Comune di Comano, il Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, la Società della Salute della Lunigiana, la Croce Azzurra, le Pro-loco Castello di Comano, Pro-loco Comano G. Mori e Pro-loco Malaspina di Licciana Nardi, San Geminiano Onlus di Pontremoli e Lunigiana World. A formazione conclusa, un gruppo di cittadini, residenti o comunque persone legate al territorio, ha deciso di dare vita a una Cooperativa di Comunità con l’intenzione di valorizzare quest’area, i suoi prodotti e i suoi abitanti, creando così nuove opportunità lavorative ed economiche e contrastando lo spopolamento.

Molte sono state le idee emerse al fine di ravvivare e rivitalizzare il territorio. Il punto di partenza sul quale il gruppo ha deciso di impegnarsi è apparentemente semplice, ma ricco di potenzialità. Pulizia dei castagneti – volta a facilitare la raccolta, ma soprattutto a mantenere viva la produzione –, raccolta dei frutti, essiccazione e produzione di farina di castagne, ottenimento di una certificazione DOP o bio, allestimento delle modalità di vendita, sia dal vivo che online. A questo poi, si aggiungerà la cura dei sentieri e della segnaletica, così da rendere più agevole il passaggio fra le vie principali e i percorsi naturalistici, non lontani dalla riserva Biosfera MAB Unesco dell’Appennino Tosco-Emiliano.

cooperativa di comunita lunigiana 2

Per sostenere i costi di costituzione della Cooperativa, di gestione dei terreni, di acquisto e manutenzione degli attrezzi agricoli e della distribuzione del prodotto finale, il 10 maggio il gruppo ha dato il via a un crowdfunding, “Naturalmente Lunigiana”, che mira a raccogliere un totale di 6.300 euro. «Abbiamo bisogno del supporto di quante più persone possibili», hanno dichiarato i protagonisti. «Questo vale per il crowdfunding, ma non solo. Siamo infatti interessati alla creazione di accordi e collaborazioni con chi già opera sul territorio e con chi è sensibile alla nostra missione e anche la partecipazione o la scelta di dedicare del tempo al progetto saranno molto apprezzate».

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il gruppo, fin da subito, ha trovato sostegno da parte delle realtà che hanno reso possibile l’iniziativa di formazione. Il desiderio di tutti è che a queste si aggiungano presto altre associazioni, aziende e persone. «Oggi c’è sempre più consapevolezza rispetto al valore e alla ricchezza dei saperi tradizionali e degli stili di vita che si stanno perdendo o sono già andati perduti. Retaggi di un mondo ormai superato, ma che ci suggeriscono che si può vivere il presente anche in altri modi», ci hanno raccontato. «Tutto questo dà speranza a noi e apre a un futuro per questo territorio. La strada è in salita, certo, ma siamo determinati a percorrerla».

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Al via la nuova stagione della Rete Museale Biellese
Al via la nuova stagione della Rete Museale Biellese

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri