5 Mag 2021

Futuro Sospeso: riattivare le vecchie ferrovie per rilanciare le aree interne

Scritto da: Lorena Di Maria

Futuro Sospeso è una campagna che ha l'obiettivo di informare e sensibilizzare sul problema delle linee ferroviarie sospese in Piemonte. A lanciarla è Legambiente, insieme ad altre associazioni ambientaliste locali, che denunciano lo scarso interesse delle amministrazioni verso una mobilità integrata che può contribuire a rilanciare le aree interne, nuove economie e a contrastare l'inquinamento.

«La mobilità sostenibile gioca un ruolo centrale nella lotta ai cambiamenti climatici e la nostra regione ha l’opportunità di compiere un grande passo in questa direzione attraverso la riattivazione delle numerose vecchie ferrovie sospese». È partita un mese fa la campagna sui social network di #futurosospeso, lanciata da una trentina di associazioni e comitati che in Piemonte chiedono la riattivazione delle tratte ferroviarie sospese della regione. In una lettera trasmessa nei giorni scorsi al Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, le organizzazioni piemontesi mettono in luce la situazione esistente, che ha visto in questi anni la sospensione di molte linee, corrispondenti a circa un terzo dell’intera rete ferroviaria regionale.

Futuro Sospeso3
Foto di G. Bernardi tratta da Alpi Marittine Mercantour

Come riporta Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, «le linee ferroviarie sono essenziali per la mobilità pendolare di lavoratori e studenti in chiave turistica e utili a contenere il traffico veicolare e le relative emissioni, che causano i gravi problemi di inquinamento atmosferico che affliggono questa parte della pianura padana e le sue città, provocando il conseguente rischio sanitario per la popolazione e l’aggravamento della crisi climatica. Una mobilità integrata potrebbe portare ripopolamento e sviluppo delle aree interne, migliorando contemporaneamente la qualità della vita dei grandi centri urbani».

La campagna Futuro Sospeso è stata realizzata da organizzazioni quali Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, Fridaysforfuture Piemonte, Comis, Amici in bici, Italia Nostra, Pro Natura Piemonte, Lipu, Associazione Ferrovie Piemonte, Tratto X Tratto, Treno Vivo Comitato Val Pellice, Salviamo il Paesaggio.

Ma quali sono le linee sospese in Piemonte? Da inizio aprile, fino al 10 di maggio, Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta ha diffuso, tramite i social, alcune esperienze che prendono in esame le linee sospese piemontesi, ripercorrendone la storia e le motivazioni per cui la loro riattivazione è necessaria per il nostro futuro.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Futuro Sospeso4
Foto di G. Bernardi tratta da Alpi Marittine Mercantour

Ecco alcuni casi emblematici: la linea elettrificata Pinerolo-Torre Pellice che è stata sospesa nel 2012 e la cui riattivazione, prevista per il 2019, non ha mai avuto seguito. Oppure la Cuneo-Ventimiglia/Nizza, la famosa “Ferrovia delle Meraviglie”, che in passato è stata premiata come “Luogo del cuore” dal FAI per la sua particolare bellezza e che ha saputo dimostrare di essere un collegamento internazionale che meriterebbe un servizio adeguato, anziché, come affermano le associazioni ambientaliste, essere vittima del «disinteresse dell’amministrazione regionale». O ancora, la tratta Casale Monferrato-Mortara, la cui riattivazione del traffico ferroviario, prevista per il 2019, non è mai avvenuta; il percorso è invece considerato strategico in quanto attraversa centri piccoli ma densamente abitati e potrebbe contribuire a riconvertire l’economia locale verso un’offerta di tipo naturalistico.

La campagna si concentra in particolare sulle incongruenze decisionali rispetto agli orientamenti strategici proposti dall’Unione Europea, che assegnano un ruolo centrale a tutte quelle tematiche connesse alla sostenibilità ambientale e dei trasporti, anche in un’ottica di rilancio territoriale. La riattivazione di queste linee è dunque fondamentale, poiché «ci proietterebbe verso un futuro sostenibile, mentre la loro dismissione verso un futuro molto più incerto».

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso