12 Mag 2021

Prospettive urbane per promuovere rigenerazione e sviluppo di comunità

Valorizzare, curare e riqualificare il tessuto urbano: La Fondazione Compagnia di San Paolo ha lanciato un bando con l’obiettivo di sostenere gli enti pubblici territoriali di Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta nella realizzazione di studi di fattibilità per dar vita a programmi di rigenerazione urbana che contribuiscano a migliorare la qualità dell’abitare e del vivere quotidiano, promuovendo azioni di prossimità e welfare di comunità.

Messo a dura prova anche dalla lunga fase di emergenza che ha inciso sui modi di vita dei cittadini, l’abitare sociale concorre a rigenerare il vivere urbano e proprio per questo è necessario che i programmi di riqualificazione coinvolgano sempre più le risorse materiali e immateriali di cui sono costituite le città. Parliamo del patrimonio immobiliare, delle infrastrutture e dei servizi, della viabilità, ma anche e soprattutto del benessere e della qualità della vita delle persone.

Molte criticità che toccano questi ambiti erano presenti già prima della pandemia e per questo è essenziale ripensare alle difficoltà che l’ultimo anno ha fatto emergere. Sono pertanto necessari programmi di ampio respiro per attivare interventi di riqualificazione di immobili, quartieri e porzioni di città. Prospettive urbane. Studi di fattibilità per la rigenerazione urbana è il Bando di Compagnia di San Paolo che intende sostenere gli enti pubblici territoriali nella realizzazione di studi di fattibilità per la realizzazione di programmi di rigenerazione urbana per favorire attraverso azioni di accompagnamento sociale lo sviluppo di comunità, i processi di inclusione sociale, il welfare e la partecipazione civica, quali elementi cruciali di successo dei piani di rigenerazione.

Bando San Paolo
Foto di ddzphoto tratta da Pixabay

Come verrà raccontato durante il webinar di presentazione che avrà luogo venerdì 14 maggio alle ore 11.00, il bando sarà rivolto ai territori di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e intende migliorare la capacità dei territori attraverso azioni che dovranno essere integrate con processi di accompagnamento e promozione sociale. Il fine è quello di ridurre sempre di più le distanze fisiche e non, creando contesti in cui sperimentare la partecipazione civica e azioni di cura del quartiere, della città e dei suoi spazi.

OBIETTIVI

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Il bando prevede di riorganizzare, riqualificare ed eventualmente incrementare il patrimonio destinato alla realizzazione di offerta abitativa sociale (Edilizia Residenziale Sociale ed Edilizia Residenziale Pubblica), di servizi sociali e culturali; riqualificare il contesto urbano attraverso la valorizzazione delle connessioni tra spazi abitativi, spazi pubblici e servizi per migliorarne l’accessibilità e la sicurezza; evitare ulteriore consumo di suolo favorendo la riqualificazione di aree urbanizzate, dismesse e degradate; favorire il recupero, la riqualificazione e l’efficientamento energetico di singoli edifici o complessi edilizi, anche dismessi, per implementare i servizi della città; infine, promuovere la sostenibilità ambientale (infrastrutture verdi e blu, mobilità sostenibile, utilizzo di materiali e tecnologie green).

Bando San Paolo2
Foto di Vitolda Klein tratta da Unsplash

SOGGETTI AMMISSIBILI

Il bando è rivolto agli enti pubblici territoriali – con esclusivo riferimento a Comuni e Unioni di Comuni – appartenenti alle regioni Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, il cui numero di abitanti sia maggiore o uguale a 20.000. È auspicabile e si ritiene particolarmente meritevole che la proposta venga strutturata in partnership con altri soggetti del territorio (enti pubblici, enti del terzo settore, soggetti profit, stakeholder locali, etc.), anche integrando funzioni e servizi in capo eventualmente ad altri soggetti istituzionali.

INIZIATIVE AMMISSIBILI

Le iniziative ammissibili oggetto dello studio di fattibilità per cui si richiede il contributo devono:

  • essere ricomprese nel tessuto urbano (centro-semicentro-periferia);
  • interessare aree che comprendano almeno un quartiere o una porzione di città;
  • prevedere la realizzazione, riqualificazione o rifunzionalizzazione di una o più strutture volte all’offerta abitativa sociale e a servizi cittadini quali ad esempio spazi comuni e ludici, scuole, centri culturali, sportivi, museali, etc.;
  • comprendere, ove possibile, riqualificazione ambientale e paesaggistica, valorizzazione e/o implementazione di infrastrutture verdi, blu, stradali e digitali, mobilità sostenibile, azioni di efficientamento energetico e utilizzo di energie rinnovabili;
  • includere azioni di rigenerazione del tessuto sociale in termini di sviluppo di comunità, lavoro, salute, sicurezza, etc.

CONTRIBUTI

Il contributo massimo erogabile per ciascuno studio di fattibilità è pari a € 50.000 (importo modulato sulla base dell’entità dell’intervento proposto).

Il bando sarà presentato venerdì 14 maggio 2021 alle ore 11.00 e interverranno Alberto Anfossi – Segretario Generale Fondazione Compagnia di San Paolo, Marzia Sica – Responsabile Obiettivo Persone, Fondazione Compagnia di San Paolo, Elisa Saggiorato – Responsabile Missione Abitare tra casa e territorio, Obiettivo Persone, Fondazione Compagnia di San Paolo, Luisa Ingaramo – Responsabile Area Operazioni Immobiliari e Social Housing, Compagnia di San Paolo Sistema Torino s.c.r.l. Per partecipare al webinar è necessaria la registrazione qui: prospettiveurbane.csp-webinar.

Articoli simili
Risma11, la multifactory che rigenera la città e la comunità
Risma11, la multifactory che rigenera la città e la comunità

Una vecchia serra rinasce per ospitare un orto coltivato da persone con disabilità
Una vecchia serra rinasce per ospitare un orto coltivato da persone con disabilità

Lungomare Canepa, dove il cemento ha tolto il mare alla gente
Lungomare Canepa, dove il cemento ha tolto il mare alla gente

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri