10 Mag 2021

L’antica tradizione del Cantamaggio rivive a Varese Ligure

Scritto da: Valentina D'Amora

A Varese Ligure ogni 1° maggio un gruppo spontaneo di abitanti si trasforma in “maggianti”: per le strade del paese anziani, adulti, bambini e ragazzi in abiti tradizionali cantano strofe benauguranti che esprimono tutta la gioia per la fine dell’inverno a coloro a cui fanno visita. In cambio ricevono un bicchiere di vino o qualche assaggio di cibi della tradizione ligure. Cantamaggio è un rito antichissimo che vive ancora oggi e ci riavvicina alla natura e ai suoi ritmi.

Maggio è il mese dedicato a Maia, dea della terra e dell’abbondanza, ed è quello in cui la sua forza si manifesta pienamente. In alcuni territori esiste una tradizione che esprime la gioia per la fine della stagione fredda e per il risveglio della natura, in tutti i suoi colori e profumi. Si tratta di una festa molto diffusa nell’entroterra del levante ligure, ma il rito appartiene anche ad altre regioni come la Lombardia, il Piemonte, la Toscana e l’Emilia-Romagna.

Celti, etruschi e liguri brindavano all’inizio della primavera con un rito propiziatorio che risale a popoli la cui cultura era molto legata ai ritmi della natura.

Ancora oggi, giovani e meno giovani si incontrano per cantare in allegria “l’arrivo del maggio” e, proprio come allora, i contadini aprono le cantine e offrono a tutti loro le primizie dell’orto e un bicchiere di vino. Filastrocche, canti popolari e stornelli accompagnano l’intera giornata del Cantamaggio. Ogni paese ha una musica e un testo diversi, anche se sono molto simili tra loro. Ho incontrato Marco, giovane maggiante di Varese Ligure, per farmi raccontare la storia del suo gruppo che fa rivivere questa tradizione così antica.

cantamaggio cop
Il gruppo Cantamaggio nel 2019

Come e quando è nata l’idea di ridare vita al Cantamaggio?

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

L’idea di rievocare la tradizione del “Cantamaggio” è nata negli anni ’70. Alcuni varesini hanno fatto un lavoro di ricerca recuperando il testo tradizionale del maggio di Varese Ligure e hanno ridato vita a una tradizione andata perduta qualche decennio prima. Da lì non ci siamo mai fermati, nemmeno in questi ultimi due anni. Ci siamo invece adattati ai tempi: l’anno scorso ci siamo spostati sui social, realizzando un video con la nostra tradizionale canzone, mentre quest’anno abbiamo pensato di organizzare un “flash-mob” in piazza Castello dove, distanziati, abbiamo finalmente cantato il brano tutti insieme.

Chi fa parte del vostro gruppo spontaneo?

Il nostro è un gruppo aperto a tutti coloro che hanno a cuore questa tradizione. Ed è proprio questa apertura che ci rende molto eterogenei: ne fanno parte i più anziani, gli adulti, i ragazzi ma anche i bambini. Non c’è alcun limite d’età. Questo è sicuramente un aspetto positivo, perché si creano un confronto e uno scambio intergenerazionale unici. Cantamaggio è una festa che unisce tutto il paese.

Piccoli Maggianti
Un gruppo di piccoli “maggianti”

Siete riusciti a fare rete con gli altri cantamaggio delle zone limitrofe?

Sì, facciamo rete con gli altri gruppi. Solitamente la seconda o la terza domenica di maggio (esclusi questi ultimi due anni, per motivi legati alla pandemia) ci si incontra con altri “maggianti” provenienti dalla Liguria (sia dalla provincia di Genova che da quella di La Spezia), dall’Emilia, dalla Toscana e dalla Lombardia. Parliamo di quella porzione di Appennino che viene definita delle “quattro province”: Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza. Ogni anno si sceglie una località diversa dove riunirsi e ogni gruppo canta la propria canzone tradizionale. Il bello dell’evento, qui, è proprio lo scambio: ad un certo punto non esiste più il gruppo di un paese o di un altro, si creano formazioni eterogenee e, insieme, si intonano i canti della tradizione. Oltre a uno scambio intergenerazionale, a ogni incontro prende vita un vero e proprio mix culturale tra le diverse realtà.

Articoli simili
Fare comunità: torna l’Officina dei Beni Comuni di Labsus
Fare comunità: torna l’Officina dei Beni Comuni di Labsus

Arriva il libro sospeso, nuova iniziativa della rete della solidarietà
Arriva il libro sospeso, nuova iniziativa della rete della solidarietà

La rivoluzione non si ferma: il Concertino dal Balconcino si può fare!
La rivoluzione non si ferma: il Concertino dal Balconcino si può fare!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici