21 Giu 2021

Discovering Reventino: «Facciamo conoscere le nostre montagne per difenderle e creare comunità»

Scritto da: Elisa Elia

Un progetto di riscoperta di un'area tanto affascinante quanto dimenticata, uno scrigno custodito dai monti dell'entroterra calabrese. Si chiama Discovering Reventino e punta a valorizzare l'omonimo territorio in modo lento, condiviso e responsabile.

Catanzaro, Calabria - «Tutto nasce dall’amore per la montagna»: con questa frase Angelo Gigliotti inizia a raccontarmi la storia di Discovering Reventino, associazione di promozione sociale di cui è presidente, mentre siamo proprio ai piedi di quelle montagne.

Il Reventino infatti è un’area montuosa nel centro della Calabria che va dalla piana di Sant’Eufemia fino alle propaggini sud-occidentali della Sila Piccola. È in questi territori, fra le cime dei monti Mancuso, Reventino, Tiriolo e Gimigliano e i suoi numerosi paesini, che nel 2015 è nato il progetto Discovering Reventino: «Spesso sono gli stessi abitanti di queste terre a non conoscere il territorio e, di conseguenza, a non valorizzarlo», ci spiega Angelo, che è l’ideatore del progetto. «Per questo volevamo prima di tutto mapparlo e costruire insieme una narrazione che lo facesse conoscere nella sua ricchezza e diversità».

discovering reventino 2
Angelo Gigliotti

Tutto questo comincia con il progetto Reventino Trekking Lab, un laboratorio di mappatura e progettazione partecipata del Reventino. Questo nei fatti ha significato coinvolgere la comunità nella costruzione del percorso e raccontare il territorio proprio a partire da chi lo abita e da chi lo conosce nelle varie sfaccettature. Così la narrazione viene arricchita con diverse caratteristiche: ai percorsi in natura si mescolano elementi di storia, geografia e cultura rurale, persino leggende. Insomma, tutto ciò che contribuisce a creare l’identità di un territorio.

La questione dell’identità infatti è un nodo centrale: «È solo conoscendo il nostro territorio che possiamo difenderlo e far sì che non venga deturpato per il profitto di alcuni, perché conoscendone la bellezza la comunità sarà pronta a mobilitarsi al momento giusto: per questo la nostra è un’azione politica».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Fino ad oggi, Discovering Reventino ha mappato 160 chilometri di sentieri costruendo 18 percorsi tematici e un’applicazione per conoscerne una parte, Reventino Trails Maps. Nel frattempo il progetto è cresciuto, diventando associazione nel 2017, e al momento conta più di 200 soci. In questi anni è andato anche nelle scuole grazie al progetto PON “La scuola per un turismo responsabile e sostenibile”, coinvolgendo anche i giovani dell’ IIS L. Costando di Decollatura in laboratori di progettazione e narrazione partecipata del territorio.

discovering reventino ant

E, nonostante lo stallo della pandemia, non si ferma: “Borghi in Cammino” è uno degli ultimi progetti, che mira a raccontare i comuni dell’area montana del Reventino e a mettere in rete i loro abitanti. Adesso c’è in campo anche una nuova mappatura: «Vogliamo andare alla scoperta delle specie in via di estinzione, del patrimonio architettonico rurale e degli alberi secolari», aggiunge Angelo, «Una volta mappati questi elementi, possiamo anche rivolgerci alle amministrazioni comunali, chiedendo che vengano valorizzati e tutelati».

Ma c’è di più: accanto alla conoscenza e alla narrazione del territorio, Discovering Reventino vuole anche creare economia. La sfida è far sì che il progetto possa evolversi senza snaturarsi: «Vogliamo che questo possa diventare un modo per creare economia, per noi e per le comunità del territorio – spiega Angelo – creando dei percorsi per turisti, associando le passeggiate a elementi più esperienziali e affidandoci ad altre realtà del territorio che riteniamo valide, come l’Orto Corto». Questo permetterebbe di creare un turismo responsabile, più sano e più lento, a sostegno del territorio (e non il contrario): «La nostra rimane comunque un’azione politica, fatta da persone del territorio per il territorio».

Immaginare quei luoghi, abitati e difesi da chi li vive ogni giorno, è un sogno che associazioni dal basso come Discovering Reventino stanno realizzando lentamente. È questa la Calabria che cambia che stiamo esplorando, conoscendo e raccontando: la terra di chi decide di restare e lottare per far sì che lo stare bene sia un’ideale comune e non solo una scelta individuale, in una terra spesso frammentata e divisa.

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Grazie agli abitanti del borgo nasce un parco naturale per ripopolare la montagna

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”
“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

Un manifesto per la rinascita della montagna
Un manifesto per la rinascita della montagna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna