14 Set 2021

Arriva il Cuneo Bike Festival, per una città sempre più a misura di bicicletta

Una settimana di eventi a tema bici, mobilità sostenibile, inclusione sociale e cicloturismo, in occasione della Settimana Europea della Mobilità: parliamo del Cuneo Bike Festival, che si terrà dal 16 al 22 settembre in una città dove la mobilità diventa slow e sempre più a misura di due ruote.

Salva nei preferiti

Cuneo - “Muoviti sostenibile e in salute”: è questo il motto del Cuneo Bike Festival, un evento e una grande festa della bicicletta che per sette giorni vedrà susseguirsi eventi, escursioni, laboratori e farà incontrare esponenti di rilievo nazionale del mondo dello sport, del cicloturismo, della mobilità sostenibile e tanto altro ancora.

Sulla promozione della mobilità a due ruote l’amministrazione cuneese sta lavorando da tempo e ha investito molto con l’obiettivo di rendere la città sempre più a misura di persona, mettendo al centro delle scelte di pianificazione la mobilità attiva, a piedi e in bici, e costruendo infrastrutture per permettere a sempre più persone di scegliere la bici come mezzo di trasporto in totale sicurezza e di vivere la città e il suo territorio con un turismo lento e rispettoso dell’ambiente.

Alcuni esempi sono le zone 30, che stanno modificando la viabilità dei quartieri per dare sicurezza e priorità a chi si muove a piedi e in bici, riducendo la velocità dei veicoli a motori a 30km/h, oltre che le piste ciclabili cittadine e quelle che collegano le frazioni e i paesi limitrofi, o l’incentivo economico per il “Bike to work”, dato a oltre 400 cittadine e cittadini che hanno scelto la bicicletta per raggiungere il proprio luogo di lavoro.

Cuneo Festival
Foto di Markus Spiske tratta da Unsplash

Come ha commentato il Sindaco Federico Borgna, «l’evento vuole valorizzare gli importanti benefici che la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto può avere sulle singole persone così come sulla collettività, in termini di salute, qualità dell’aria e ambientale e di ritorno economico».

Il Cuneo Bike Festival, che si terrà dal 16 al 22 settembre, è organizzato dal Comune di Cuneo, a cura di Itur, nell’ambito del progetto Periferie al centro e, come ha sottolineato l’Assessore alla Mobilità Davide Dalmasso, «è frutto di un lavoro dell’Ufficio biciclette in sinergia con le tante anime del territorio con le quali da anni si collabora per lavorare a un’idea di mobilità cittadina sempre più a misura di persona, a partire da FIAB Bicingiro a LaBoa e non ultimo tutti i volontari del Parco fluviale e del Gruppo Comunale di Protezione Civile sempre disponibili a supportare questo tipo di iniziative».

Cuneo Festival1

Durante l’evento, dal mondo sportivo, ci sarà Giovanni Visconti (domenica 19 settembre), ciclista professionista che condividerà la sua esperienza e accompagnerà in un’escursione in bicicletta adatta a tutti chiamata “Cuneo Pedala” lungo l’itinerario cittadino proposto nell’e-book “Cuneo – Cicloturismo a misura di famiglie e pedalatori slow” e la guida sugli itinerari per pedalare nel cuneese verrà poi presentata con la presenza di Mario Calabresi (lunedì 20 settembre).

Importante esponente del mondo dell’adventure è l’ultracyclist romano Omar Di Felice, che racconterà (martedì 21 settembre) il suo amore per la fatica e per il pedalare in ogni angolo del mondo. Ci sarà uno spazio dedicato al cicloturismo e all’emancipazione femminile con Silvia Gottardi e Linda Ronzoni, le Cicliste per caso (giovedì 16 settembre), autrici dell’omonimo libro e documentario che le ha viste pedalare in giro per l’Italia sulle tracce di Alfonsina Strada.

Si parlerà poi di ciclismo paralimpico con Diego Colombari (venerdì 17 settembre), campione di Handbike della Polisportiva P.a.s.s.o. di Cuneo, di ritorno dalle Olimpiadi di Tokyo, e di ciclismo femminile con Erica Magnaldi, Francesca Fenocchio e Claudia Cretti (mercoledì 22 settembre). Filippo Cauz, del collettivo Bidon, ripercorrà sogni e strade di ​ciclisti in fuga (giovedì 16 settembre) e Mattia De Marchi parlerà di gravel bike (venerdì 17 settembre). Una serata sarà dedicata anche al teatro con il monologo a impatto ambientale 0 “Mi abbatto e sono felice” con Daniele Ronco di “Mulino ad Arte” (sabato 18 settembre) mentre con Martin Angioni “Le 101 ragioni per cui vado in bicicletta” (martedì 21 settembre).

Sabato 18 e mercoledì 22 settembre si terranno due laboratori di ciclomeccanica rivolti a ragazzi e ragazze dai 6 anni in su e alle loro famiglie, ​​a cura del Parco fluviale Gesso e Stura in collaborazione con  FIAB Bicingiro Cuneo e BiciOfficina La Boa. Con la ripresa delle scuole e il ritorno in ufficio, il Comune di Cuneo invita gli studenti a prendere la bicicletta con due appuntamenti, il “Bike to school”, in collaborazione con FIAB Cuneo Bicingiro, e il “Bike to work”, una mattinata per promuovere il tragitto casa lavoro in bicicletta.

Cuneo Festival2

Bicicletta è anche sinonimo di inclusività grazie ad Aspassobike, che venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 settembre, allestirà punti di incontro e test gratuiti delle biciclette pensate per permettere anche persone con diverse abilità di pedalare e dove saranno coinvolti, grazie alla collaborazione con il Consorzio Socio-assistenziale del Cuneese, utenti dei centri diurni e residenziali. Domenica 19 settembre, inoltre, avranno luogo le manifestazioni “CuneoViveLoSport” e “Sport city day” presso piazza Foro Boario e nelle giornate di giovedì, venerdì, sabato, lunedì sarà possibile partecipare agli open days delle squadre di ciclismo presso la Pista di ciclismo protetta all’interno del Parco fluviale Gesso e Stura.

A questo link è possibile consultare il programma dettagliato dell’evento, oltre che sui social Facebook e Instagram del Comune di Cuneo. Tutti gli eventi sono gratuiti ed è necessario effettuare l’iscrizione sulla piattaforma dedicata. Per ulteriori informazioni consultare l’Ufficio biciclette Comune di Cuneo al numero 0171444523 o tramite l’e-mail ufficio.biciclette@comune.cuneo.it.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing

A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile
A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile

Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine
Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(8) "piemonte"