29 Set 2021

Parking Day: Greenpeace trasforma un parcheggio in uno spazio per la socialità

Scritto da: Lorena Di Maria

In occasione della Settimana Europea della Mobilità appena conclusa, le volontarie e i volontari di Greenpeace hanno portato anche a Torino la protesta creativa del “Parking Day”, trasformando temporaneamente un’area di parcheggio in uno spazio “verde” destinato all’arte e alla socialità, con l’obiettivo di sottrarlo alle auto e restituirlo simbolicamente ai cittadini.

Torino - «Come sarebbe la nostra città se al posto di auto e asfalto avessimo più aree verdi e pedonali, spazi pubblici per la socialità, l’arte e le persone?». Se lo sono chiesto i ragazzi e le ragazze di Greenpeace Torino, che hanno aderito all’iniziativa del Parking Day. Per chi non la conoscesse, si tratta di un’azione collettiva che coinvolge ogni anno cittadini provenienti dalle diverse città del mondo per convertire temporaneamente lo stallo di un parcheggio in uno spazio pubblico per la socialità, come soluzione creativa alla mancanza di spazi urbani e di convivialità.

Parking Day1

Greenpeace da sempre utilizza azioni dirette e creative per denunciare problemi ambientali: così, nello spazio temporaneamente liberato, l’associazione ha allestito un’area lettura con tappeti, cuscini e libri a disposizione dei passanti, una zona ludica con biliardino, giochi da tavolo e carte, oltre che gessetti, colori e fogli per i più piccoli. Durante la giornata i cittadini hanno anche potuto assistere a un concerto dal vivo, con performance musicali di artisti e musicisti.

Le volontarie e i volontari di Greenpeace hanno realizzato l’iniziativa contemporaneamente in diverse città italiane da nord a sud, in molte delle quali si terranno il prossimo 3 e 4 ottobre le elezioni amministrative. Come riportato in una nota stampa, l’obiettivo è quello di attirare l’attenzione dei candidati alle elezioni comunali sui problemi legati all’onnipresenza delle auto in città. Ciò che Greenpeace chiede alle amministrazioni delle città italiane è garantire spazi urbani più sani e vivibili, oltre che un sistema di mobilità equo e sostenibile, pensato per le persone e non per le auto: a Torino, ad esempio, il gruppo locale ha più volte denunciato il problema del trasporto pubblico insufficiente e richiesto tramvie più capillari.

Parking Day

«Per troppo tempo l’automobile ha plasmato il volto delle nostre città, il paesaggio e anche la vita delle persone», ha spiegato Federico Spadini, della campagna trasporti di Greenpeace Italia. «I cittadini sono stati resi dipendenti dal trasporto motorizzato privato attraverso una cattiva pianificazione urbana, la mancanza di accesso ad alternative pubbliche e la massiccia promozione da parte dell’industria automobilistica. I tempi sono ora maturi per un ripensamento dello spazio in città e le amministrazioni hanno l’opportunità, e anche il dovere, di trasformare i sistemi di mobilità urbana a favore del benessere delle persone e del Pianeta».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Con più di 65 auto ogni 100 abitanti, il nostro Paese ha uno dei tassi di motorizzazione più alti in Europa, con il settore dei trasporti responsabile di un quarto delle emissioni di gas serra a livello nazionale. Oltre all’impatto sul clima, sull’inquinamento atmosferico e sulla nostra salute, l’onnipresenza delle auto in città genera congestione, traffico, incidenti e riduce lo spazio che potrebbe essere destinato ad altri utilizzi, come parchi e aree verdi, che hanno invece benefici tangibili sul benessere e la salute delle persone.

Parking Day3

Per questo, Greenpeace chiede alle amministrazioni delle città italiane di investire da subito in aree pedonali e infrastrutture ciclistiche, trasporto pubblico capillare, servizi pubblici di mobilità condivisa ed elettrica e aree verdi e senz’auto. E l’iniziativa del Parking Day, che sottrae momentaneamente lo spazio alle auto per restituirlo alle persone, è una delle tante soluzioni creative e partecipate per lottare contro smog, traffico, incidenti, cambiamento climatico e diseguaglianze, ripensando la mobilità urbana per rendere le nostre città più sane, sostenibili e a misura di persone.

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto
Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto

Sorellanza in bicicletta: il viaggio di Valentina Battistoni lungo la via Francigena
Sorellanza in bicicletta: il viaggio di Valentina Battistoni lungo la via Francigena

BicibuSauro, il biketoschool genovese che porta i bambini a scoprire la lentezza
BicibuSauro, il biketoschool genovese che porta i bambini a scoprire la lentezza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra