16 Mar 2022

Latronico, il sogno di vivere a ritmo lento nel Sud Italia

Scritto da: Benedetta Torsello

Attivo dal 2013, La tua casa a Latronico è il portale dove poter scegliere e acquistare – a un prezzo molto contenuto – un’abitazione nel centro storico di questo borgo del Parco Nazionale del Pollino. Aria pulita, quiete e buon cibo sono solo alcuni dei motivi che hanno spinto molti americani a prendere casa qui: nessuno di loro tornerebbe indietro.

Salva nei preferiti

Potenza, Basilicata - Trasferirsi in Italia acquistando una casa per poche migliaia di euro non è più un affare per soli esperti di fai-da-te. A rilanciare l’iniziativa di alcuni piccoli Comuni italiani, di mettere in vendita a basso prezzo abitazioni da tempo abbandonate è direttamente la CNN. Da quando lo scorso aprile Latronico, in provincia di Potenza, è finito sulla stampa internazionale, il Comune ha ricevuto decine e decine di richieste di acquirenti d’oltreoceano. Il motivo: vivere il sogno della dolce vita a buon mercato.

COMBATTERE LO SPOPOLAMENTO E VALORIZZARE IL TERRITORIO

«Sono cresciuto a Latronico e purtroppo anno dopo anno ho visto svuotarsi il paese», racconta Vincenzo Castellano, giovane vicesindaco del Comune lucano. Con poco più di quattro mila anime, Latronico condivide lo stesso destino della maggior parte delle aree interne italiane. Migrazioni e conseguente spopolamento lasciano dietro di sé cicatrici profonde sul territorio e sui pochi abitanti rimasti.

latronico

«Soprattutto nel centro storico – prosegue il vicesindaco – vi sono moltissime abitazioni vuote. Così nel 2013 abbiamo deciso di avviare i lavori di censimento di tutto il patrimonio immobiliare in disuso nel Comune». In questi anni sono stati catalogati circa 150 immobili, che è possibile scegliere e acquistare sul portale La tua casa a Latronico, nato per far incontrare la domanda e l’offerta.

Con giardino, indipendenti, nel centro storico o in periferia: a Latronico c’è una casa per tutti i gusti e a prezzi molto contenuti. La maggior parte di queste inoltre non richiede grossi lavori di ristrutturazione ed è già pronta per essere abitata. In questo modo, non solo il borgo torna a ripopolarsi, ma si verifica anche un’incoraggiante spinta all’economia locale: «La vendita delle case ha una ricaduta economica importante sul territorio e interessa botteghe, piccole attività commerciali e soprattutto le imprese locali coinvolte nei lavori di manutenzione e ristrutturazione», spiega Vincenzo Castellano.

ACQUISTARE CASA A LATRONICO DA OLTREOCEANO

Curioso a credersi che siano proprio gli americani i maggiori acquirenti di una casa a Latronico. Dall’anno scorso infatti c’è stato un boom di acquisti: oltre venti abitazioni vendute, delle quali circa il 90% a stranieri. Ma cosa li spinge a scegliere Latronico? Comune del Parco nazionale del Pollino e della Comunità montana Lagonegrese, Latronico è un autentico scrigno di bellezze naturalistiche.

Il centro storico arroccato racchiude palazzi nobiliari ed eleganti cortili. Non solo testimonianze del passato, ma anche incursioni di arte contemporanea, come “Earth Cinema”, lo squarcio nella terra scavato da Anish Kapoor per ammirare il paesaggio in un’esperienza immersiva. Senza dimenticare il centro termale di acque sulfuree, che è valso a Latronico il soprannome di “Paese del benessere”.

Guardare i luoghi familiari con lo sguardo degli altri può riservare spesso piacevoli sorprese: forse è proprio questo il segreto di Latronico

E poi le specialità gastronomiche, il mare a soli quaranta minuti di auto e lo scenario della valle del Sinni, da contemplare a 900 metri di quota. Non che occorrano altri buoni motivi per scegliere di andare a vivere nel Comune lucano, eppure i più increduli di tutti restano gli stessi abitanti del borgo, che continuano a chiedersi cosa siano venuti a fare gli americani proprio lì, a Latronico.

«Quando arrivano a prendere le chiavi di casa – spiega Vincenzo Castellano – li accompagno a vederla: molti di loro l’hanno acquistata solo sfogliando la galleria di foto sul portale. Chiedo sempre a tutti perché abbiano scelto proprio Latronico e le loro risposte mi confermano che ciò che per noi è normale, ordinario, per loro è qualcosa di straordinario. Ricordo ancora la reazione di un ragazzo di Londra, rimasto folgorato alla vista delle montagne e dei boschi: paesaggi a cui noi non facciamo quasi più caso».

latronico 4

Alcuni dei nuovi arrivati abitano a Latronico per pochi mesi all’anno, altri potendo lavorare da remoto riescono a trascorrervi molto più tempo. Insomma, non un rifugio dove fuggire durante gli anni della pensione, ma un posto tranquillo dove poter continuare a lavorare, circondati dalla quiete e dalla natura. Uno dei principali obiettivi del progetto La tua casa a Latronico è sicuramente quello di riabitare il borgo oltre le sole logiche turistiche e «far crescere una comunità internazionale, ricca del confronto e della contaminazione tra culture, che valorizzi il territorio stesso», conclude il vicesindaco.

«In the middle of nowhere, middle of everywhere»: è lì che si trova Latronico, lontano da tutto e allo stesso tempo vicino a ogni comodità. Guardare i luoghi familiari con lo sguardo degli altri può riservare spesso piacevoli sorprese: forse è proprio questo il segreto di Latronico e della sua inaspettata popolarità oltreoceano. Davvero singolare per un paese, che come svela l’etimologia del suo nome, continua a essere un “luogo nascosto”.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il borgo di Castel del Monte rinasce grazie alla cooperativa di comunità
Il borgo di Castel del Monte rinasce grazie alla cooperativa di comunità

Bussana Vecchia: il “villaggio degli artisti” rischia lo sfratto
Bussana Vecchia: il “villaggio degli artisti” rischia lo sfratto

Guarda che luna: la storia di Giovanni e del suo ritorno al Sud
Guarda che luna: la storia di Giovanni e del suo ritorno al Sud

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La Grecia vieterà la pesca a strascico, primo paese in Europa – #920

|

L’assalto eolico è ingiustizia climatica: le conseguenze sul patrimonio culturale sardo

|

Franco D’Eusanio e i vini di Chiusa Grande: “È un equilibrio naturale, noi non interveniamo”

|

L’arte collettiva del sognare: il social dreaming arriva in Liguria

|

Quanto inquinano gli aerei? Ecco cosa dicono i dati e le leggi

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

string(9) "nazionale"