13 Apr 2022

Non solo Ucraina: ecco quante e quali sono le guerre nel mondo

La narrazione che riguarda i conflitti armati è spesso superficiale ed emotiva: a un eccesso di informazione su alcune guerre fa da contraltare il silenzio assoluto su tante altre. Proviamo dunque a saperne di più su cosa sta succedendo nel mondo, quali e quanti tipi di conflitti esistono, quali le cause e, soprattutto, quali le possibili soluzioni.

Le guerre nel mondo in corso in questo momento sono ben 59 e l’invasione russa dell’Ucraina è solo l’ultimo di un lungo elenco di conflitti. Dall’Afghanistan, alla Libia, al Myanmar, alla Palestina, alla Nigeria, sono molte le popolazioni del mondo per cui il conflitto è la tragica normalità. In questo articolo faremo un excursus sulle guerre nel mondo, analizzando l’andamento, le cause e le classificazioni dei conflitti. Per capire se è possibile un mondo senza guerre.

Qui puoi scoprire:

Quante e quali sono le guerre nel mondo
Come vengono classificati i conflitti
Come mai facciamo la guerra

QUANTE E QUALI SONO LE GUERRE NEL MONDO?

Secondo quanto riportato da Armed conflict location & event data project (Acled), una organizzazione non convenzionale che si occupa di raccogliere dati non aggregati per monitorare i conflitti, al momento ci sono 59 guerre nel mondo.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Alcune di queste guerre vanno avanti da decenni e trovano le loro cause in lotte per il possesso di risorse strategiche, come molti dei conflitti che vessano il continente africano, altre nei giochi geopolitici delle potenze globali, come quelle in Afghanistan e Libia, altre ancora nei commerci di sostanze illegali, come la guerra dei Narcos in Messico. 

Secondo una classificazione piuttosto utilizzata (anche se poco indicativa) che suddivide le guerre in base al numero di persone che perdono la vita ogni anno a causa di essi, esistono tre categorie di conflitti: le guerre maggiori, le guerre, i conflitti minori. 

Conflitti principali

I conflitti principali o guerre maggiori, sono quelle guerre nel mondo in cui perdono la vita oltre diecimila persone ogni anno. Riporta Wikipedia che esistono al momento cinque guerre di questo tipo in corso nel mondo:

  • Conflitto in Afghanistan
  • Guerra civile in Myanmar
  • Crisi dello Yemen
  • Guerra russo-ucraina
  • Conflitto del Tigray, in Etiopia
guerre nel mondo 2

Il conflitto in Afghanistan si è riacutizzato con l’abbandono del paese da parte delle truppe Nato e la riconquista del potere da parte dei talebani. Attualmente la guerra è combattuta fra un fronte conosciuto come Repubblica islamica dell’Afghanistan, che è espressione del vecchio governo assieme ad altre forze anti-taliban, e lo stato governato dai taliban. 

Oltre al numero elevato di morti – nel 2021 sono stati 40mila – il problema è la fame. Per un effetto combinato di guerra, cambiamento climatico, instabilità economica, pandemia e – soprattutto – le durissime sanzioni statunitensi, che più che colpire il governo dei Taliban hanno colpito la popolazione già stremata, si è generata una durissima carestia che sta mettendo in ginocchio il paese e lasciando milioni di persone senza cibo, in inverno. Più della metà della popolazione dell’Afghanistan vive al di sotto della soglia di povertà e deve affrontare una grave insicurezza alimentare.

Altrettanto grave e ancor meno considerato è il conflitto in Etiopia. Il paese arriva da tra decenni di lotte con la vicina Eritrea e al momento è sconquassata da lotte di potere interne e quasi due anni di devastante guerra civile che infuria nella regione del Tigré (o Tigray), la più settentrionale del paese. Il suo primo ministro, Abiy Ahmed aveva ricevuto il Nobel per la Pace nel 2019 per aver messo fine al conflitto con l’Eritrea, ma adesso è in prima linea nella guerra contro i l fronte di liberazione del Tigré, che vuole l’indipendenza della regione. Anche qui, tutto ciò va a braccetto con la siccità, raccolti falliti e inondazioni improvvise, dovute alla crisi climatica, con la fame estrema che sta aumentando nel nord e i combattimenti stanno bloccando la produzione alimentare.

Un’altra guerra di cui non sappiamo quasi niente, ma che va avanti dal 2015 a suon di migliaia e migliaia di morti all’anno, è quella in Yemen. Anche prima che i combattimenti scoppiassero all’inizio del 2015, lo Yemen era uno dei paesi più poveri del mondo arabo. Ora, quasi un decennio di guerra ha lasciato migliaia di morti e più di 4 milioni di persone sfollate. I combattimenti tra le forze della coalizione governativa e i ribelli Houthi nel paese continuano a danneggiare e sfollare le famiglie yemenite.

L’impatto del conflitto sulle infrastrutture del paese è stato devastante, con importanti rotte terrestri e aeroporti gravemente danneggiati. Un blocco sulla costa dello Yemen ha limitato la quantità di aiuti umanitari che entrano nel porto. 16,2 milioni di yemeniti sono in condizioni di insicurezza alimentare e i tassi di malnutrizione tra donne e bambini rimangono tra i più alti del mondo.

Infine c’è il conflitto in Myanmar. Tutto ha avuto inizio, perlomeno con riferimento alla storia recente, con il colpo di stato militare del 1 febbraio 2021, in cui Min Aung Hlaing, il comandante in capo delle forze armate del paese, ha ribaltato il governo democratico birmano e preso il potere. Le proteste che ne sono seguite, conosciute localmente come Rivoluzione di Primavera, hanno causato almeno 1500 morti fra i manifestanti e quasi 10mila persone detenute. 

Da queste proteste è scaturita una vera e propria guerriglia armata, portata avanti da una coalizione chiamata Forza di difesa del popolo che sarebbe la frangia armata del Governo di unità nazionale, ovvero una sorta di governo non riconosciuto, in esilio, che è ciò che rimane del vecchio sistema democratico. 

Le altre guerre

Oltre a questi cinque conflitti principali, ci sono tante altre guerre nel mondo altrettanto drammatiche, più locali, sparpagliate, con meno morti, o magari di cui si conoscono meno i dati. Degli altri 18 conflitti significativi sparsi per il mondo, ben 14 sono in Africa (alcuni dei quali coinvolgono più stati, come quello del Maghreb che ne coinvolge dieci), 2 sono in Asia (Iraq e Siria), uno è in Sud America (le FARC in Colombia), l’altro in Nord America (la guerra della droga in Messico). E degli ulteriori 19 conflitti considerati minori, 11 sono in Asia e 8 in Africa.

L’Africa è – o meglio, le Afriche sono – il continente più martoriato, in cui a volte è anche difficile definire i confini dei vari conflitti e isolarli gli uni dagli altri. Il 2021, poi, riporta Nigrizia, è stato un anno particolarmente tumultuoso: pochi i conflitti che si sono conclusi, molti si sono intensificati, altri rischiano di scoppiare. Ci sono almeno una ventina di principali “aree di crisi” nelle Afriche. Sempre secondo Acled sono 12 i paesi che dal 1° gennaio 2021 all’8 aprile marzo 2022 hanno superato la soglia dei mille morti per le violenze armate: Nigeria (10.584), Etiopia (8.786), Rd Congo (5.725), Somalia (3.523), Burkina Faso (2.943), Mali (2.344), Sud Sudan (2.160), Repubblica Centrafricana (1.801), Sudan (1.342), Niger (1.324), Mozambico (1.276), Camerun (1.141).

Complessivamente, nel continente ci sono state oltre 46 mila le vittime di conflitti di varia natura e decine di milioni i profughi. Inoltre un rapporto dell’Istituto per l’economia e la pace afferma che il Medioriente e il Nordafrica hanno rappresentato il 39% delle morti legate al terrorismo in tutto il mondo tra il 2007 e il 2021. E il Sahel sta diventando il nuovo epicentro del terrorismo.

COME VENGONO CLASSIFICATE LE GUERRE NEL MONDO

Abbiamo detto che usare il parametro dei morti per classificare i conflitti è molto riduttivo perché non tiene conto delle dinamiche alla base del conflitto e non ci aiuta a capirne l’evoluzione. Ad esempio alcuni conflitti possono restare “a bassa intensità” per anni e poi esplodere in maniera violente, come accaduto proprio in Ucraina. 

Secondo Wikipedia, esistono vari modi per classificare le guerre nel mondo. Innanzitutto esiste un criterio legato all’estensione, per cui le guerre possono essere classificate in:

  • Conflitto mondiale, esteso a più teatri di guerra in contemporanea, anche in continenti diversi.
  • Conflitto regionale, che si svolge essenzialmente in un solo teatro operativo e coinvolge almeno una media potenza regionale, più altre potenze minori della stessa regione.
  • Conflitto locale: conflitto fra un limitatissimo numero di potenze, spesso solo due, e che coinvolge un limitato territorio.

Un altro criterio è legato al tipo dei soggetti che la combattono. In questa ottica si parla di:

  • Conflitto simmetrico, che avviene tendenzialmente fra due stati, con eserciti regolari che si scontrano.
  • Conflitto asimmetrico, che avviene invece in genere fra uno stato, dotato di un esercito, e gruppi meno organizzati, o milizie locali.

Un’altra classificazione è quella fatta sulla base dei mezzi impiegati. In questo senso si distingue in:

  • Guerra non convenzionale, che avviene fra due o più potenze che dispongono di armi di distruzione di massa e sono disposte a impiegarle fin dall’inizio del conflitto. È un tipo di conflitto fortunatamente ipotetico, visto che non ne esistono esempi nella storia.
  • Conflitto convenzionale, nel quale le parti non dispongono di armi di distruzione di massa, o rinunciano a priori al loro impiego.

COME MAI FACCIAMO LE GUERRE NEL MONDO?

I motivi alla base dei conflitti possono essere i più svariati, ma sono perlopiù riconducibili ad alcuni fattori chiave:

  • possesso delle risorse e dell’energia
  • economia fiorente
  • pressione demografica
  • aspetti culturali
  • cambiamenti nel contesto e crisi climatica
Possesso di risorse ed energia

Il dominio da parte di un determinato gruppo o Paese sulle risorse e le fonti di energia è forse il principale motivo che ha spinto gli esseri umani a fare le guerre nel mondo fin dalla preistoria. Secondo alcuni studiosi, la necessità di dover competere con altre specie – spesso meglio attrezzate di homo sapiens dal punto di vista delle armi naturali – per accaparrarsi il cibo e sopravvivere, condizione tipica della savana africana dove la nostra specie si è evoluta, ha fatto sì che sviluppassimo una propensione rapace e predatoria verso le risorse del pianeta e una naturale tendenza all’accaparramento.

Sebbene oggigiorno lo sviluppo tecnologico abbia emancipato buona parte della popolazione mondiale dalla pura lotta della sopravvivenza, queste vestige primordiali sono sopravvissute intatte come pennacchi evolutivi e continuano a caratterizzare i nostri atteggiamenti. Ancora oggi continuiamo a lottare per le risorse, che –- quelle sì – sono differenti: non sono più frutta zuccherina o carcasse di animali da cui recuperare pellicce ma petrolio, gas, acqua, terre fertili.

E così come una scarsità di risorse interne può portare un paese a fare la guerra al paese vicino, un aumento del costo delle risorse di base può portare una popolazione a insorgere contro il proprio governo o a fare una rivoluzione. È noto come la Primavera araba veda fra le sue principali cause l’aumento del prezzo del grano e dei generi alimentari di base. Così come molte altre rivolte recenti sono legate, ahinoi, all’aumento del costo dei carburanti.

guerre nel mondo 1
Economia fiorente

Sembrerebbe una contraddizione rispetto a quanto detto prima, ma non è così. Riporta l’enciclopedia Treccani che secondo molti studi un’economia fiorente è la condizione per mantenere i conflitti oltre un certo periodo. Per tali motivi, molte guerre nel mondo fra gruppi tribali sono contenuti per intensità e per durata e molte comunità di interesse etnologico (per lo più numericamente esigue e gravitanti su vasti territori scarsamente popolati) si sono rivelate poco bellicose, al punto che alcune ignoravano persino il concetto di guerra. 

Tradotto in altre parole, la guerra è un’attività molto costosa. Serve molto surplus per poter fare una guerra, perché significa impiegare le migliori risorse (macchinari, industrie, persone) per combattere invece che per produrre cibo. È stato il petrolio a basso costo che ha permesso al genere umano di fare delle guerre mondiali, concetto impensabile fino a pochi decenni prima.

Pressione demografica

Anche l’aumento della popolazione è un fattore spesso determinante nelle guerre. Più persone significano più risorse necessarie, che non sempre riescono ad essere reperite all’interno del proprio contesto. Sempre restando sull’esempio della Primavera araba, è stato notato che “tra il 1950 e il 1980 in tutta l’area del Medio Oriente e Nord Africa (MENA) è calata la mortalità infantile ma è rimasta alto il tasso di natalità, ciò ha condotto ad alti tassi di crescita delle popolazioni che si traduce adesso in una generazione di giovani istruiti che non possono essere assorbiti dal mercato del lavoro. I tassi di disoccupazione giovanile dell’area MENA sono tra i più alti al mondo”.

Un mondo troppo densamente popolato da esseri umani è un’ottima base di partenza per veder scoppiare guerre frequenti.

Cambiamenti nel contesto e cambiamento climatico

A volte sono cambiamenti nel contesto circostante a determinare l’esplosione di un conflitto. Una stagione particolarmente arida, un disastro naturale che costringe una popolazione a emigrare in massa nei territori limitrofi, l’esaurimento di una o più risorse.

Oggi abbiamo un fenomeno che su scala globale è concausa di tutto questo genere di eventi: il cambiamento climatico e più in generale la crisi ecologica, modificando profondamente gli equilibri naturali all’interno dei quali la nostra specie si è evoluta, causeranno fenomeni di massa come migrazioni e nuovi conflitti per le risorse e il diritto ad abitare i territori rimasti fertili.

Fattori culturali

La guerra ha molto a che fare con il tipo di cultura che caratterizza determinate società. Come illustra Jared Diamond nel saggio best seller Acciaio, guerre e malattie la storia di come la civiltà occidentale si è espansa attraverso le guerre nel mondo non ha a che fare con una superiorità genetica e culturale, ma soprattutto con una sorta di aggressività intrinseca nella nostra cultura (assieme, ovviamente, a tanti altri fattori).

Nella storia del genere umano sono esistite molte culture profondamente pacifiche, che nemmeno avevano un termine per il concetto di guerra. Il “problema” è che tali culture non costruiscono armi, non si preoccupino di difendersi e di conseguenza sono facilmente conquistabili e assimilabili da società più aggressive e bellicose. Uno dei principali problemi del genere umano, in una prospettiva storica, è che le culture guerrafondaie e aggressive hanno sempre assoggettato quelle pacifiche.

Condannati alla guerra?

Quindi siamo condannati a fare le guerre nel mondo? Il mix di pressioni demografiche, culturali, contestuali ci spingeranno ad autodistruggersi per il dominio delle risorse? Non è detto.

Innanzitutto una società globale impone – o perlomeno dovrebbe farlo – logiche diverse rispetto alla “legge del più forte”. Oggi sempre più potenze possiedono armi in grado di cancellare buona parte del genere umano dal pianeta perciò, razionalmente, l’interesse di tutti dovrebbe essere la pace. 

Le guerre nel mondo in corso in questo momento sono ben 59 e l’invasione russa dell’Ucraina è solo l’ultimo di un lungo elenco

Come recita il Sedicesimo Obiettivo degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, è necessario “Promuovere società pacifiche e solidali per lo sviluppo sostenibile, garantire l’accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficaci, responsabili e solidali a tutti i livelli”.

Sebbene gli avvenimenti recenti sembrino mostrare una nuova tendenza alla guerra da parte delle cosiddette superpotenze, esiste ancora la possibilità di creare un finale diverso. Nessuna guerra avviene per caso, ma al tempo stesso nessuna guerra è inevitabile. Certo, è più facile a dirsi che a farsi: una pace duratura è impossibile senza una cultura della pace. 

E allora forse è il caso di prendere spunto dalle società pacifiche che gli esseri umani hanno costruito nella storia. C’è un interessante studio redatto dall’antropologo Robert B. Textor diversi anni fa, chiamato Caratteristiche delle società primitive riguardo alla guerra, in cui si confrontano le caratteristiche delle società tribali pacifiche con quelle guerrafondaie. Le nove società pacifiche analizzate avevano le seguenti caratteristiche: erano sostanzialmente nomadi, niente agricoltura né allevamenti, niente metallurgia, niente città, dimensioni comunitarie sotto i 50 membri, niente classi. 

Inoltre, rispetto alle corrispettive società belligeranti, avevano più attività culturali, niente schiavitù, niente pene corporali, meno tabù sul sesso, meno bisogno di realizzazione, nessuna attenzione alla gloria militare o alla bellicosità, niente giochi di fortuna ma solo d’abilità, bassi livelli di narcisismo.

Ulteriori analisi, come quella condotta da Johan Galtung in “Belligerence among the Primitives” (Bellicosità fra i primitivi), hanno mostrato che le società pacifiche sono più scarse nello sviluppo economico e più forti in cultura di pace. È possibile costruire un mondo pacifico restando all’interno della cornice dello sviluppo economico? E in caso non lo fosse, cosa sceglieremmo? Domande a cui dobbiamo dare una risposta urgente e collettiva.

Articoli simili
Noi parliamo di Jacopo Fo e delle rivolte di Rosarno. Intanto Panorama e Feedbooks parlano di noi…

Scontri in Nicaragua: ecco come aiutare gli studenti in protesta

Brexit: tutto quello che non vi hanno detto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare