30 Mag 2022

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Scritto da: Valentina D'Amora

A Genova ha appena aperto la terza sede di un'associazione di volontariato lombarda che si dedica al recupero e alla successiva adozione di animali provenienti da laboratori di sperimentazione. Si chiama La Collina dei Conigli: siamo andati a conoscere le persone che lo gestiscono per farci raccontare come stanno andando questi primi mesi.

Salva nei preferiti

Genova - Roditori, conigli, maiali, scimmie, rane: questi sono gli animali su cui più frequentemente l’industria farmaceutica conduce le proprie ricerche. Il tema della sperimentazione animale è ancora caldissimo e attuale: sono migliaia gli animali che ogni giorno vengono utilizzati – il verbo stesso cozza tremendamente con il concetto di vita: possiamo davvero pensare di avere il diritto di “utilizzare” qualcuno per i nostri scopi? – nei laboratori scientifici di tutto il mondo.

Cosa accade a tutti quegli animali che riescono a superare – indenni o quasi – la fase di ricerca, ossia ciò per cui sono stati fatti nascere e crescere in gabbie microscopiche? Sino a qualche anno fa sarebbero stati soppressi. Oggi, grazie alla direttiva europea 2010/63 è possibile far uscire gli animali dagli stabulari e consentire a tutti loro di assaporare la vita, quella vera. Per questo nel 2005 è stato fondato a Monza La Collina dei Conigli, un centro di recupero per animali da laboratorio che nel 2016 ha aperto una seconda sede a Torino e da fine febbraio ha attivato un centro anche a Genova.

lucrezia
LA COLLINA DEI CONIGLI

L’associazione si dedica al recupero e alla successiva ricollocazione in ambienti famigliari di animali provenienti da laboratori di sperimentazione di tutta Italia. Oltre ai conigli, che danno il nome all’organizzazione, vengono recuperati porcellini d’India, ratti, topi e altri piccoli roditori, quelli cioè che vengono ignorati, perché culturalmente associati a immagini negative oppure perché abbinati alle patate al forno. Restituire una nuova vita a tutti coloro che a fine sperimentazione avrebbero avuto come unico destino l’eutanasia è l’obiettivo principale dei fondatori e di tutti i volontari della Collina dei conigli.

Nei tre diversi centri d’Italia gli animali accolti in poco tempo imparano a fidarsi e ad apprezzare la vicinanza dell’essere umano, fonte di calore e affetto, non più di dolore e sofferenza, e hanno modo di godere della compagnia di altri simili. Lo scopo finale è quello di trovare a conigli e roditori una sistemazione in famiglie adottive che li possano accompagnare nella loro nuova vita.

IL NUOVO CENTRO DI RECUPERO DI GENOVA

La sede genovese dell’associazione si trova poco distante dal centro cittadino, nel quartiere di Marassi, in via Bobbio 11A . Suono il campanello e vengo accolta dalla volontaria Elisa. Al piano di sopra mi aspetta Lucrezia, deus ex machina del centro, che mi presenta tutti gli animali della casa. Nonostante il centro si trovi in una via molto trafficata, basta chiudere la porta per godere di un silenzio speciale e della musica rilassante che tanto amano i conigli Litolfo, Marsilietto e Niccolò.

Questi animali vogliono godersi ogni attimo della vita, non vogliono sprecare nemmeno un momento

Nella prima stanza ci sono tre batuffoli bianchi che si muovono goffamente da una parte all’altra e strapperebbero un sorriso anche ai mangiatori più incalliti di coniglio alla ligure: quando mi avvicino e li osservo meglio, noto subito il tatuaggio che hanno all’orecchio sinistro. Una lunga serie di numeri: è il loro codice identificativo in laboratorio, un marchio a vita.

«Quello che viene fatto qui è innanzitutto è una riabilitazione degli animali, soprattutto sul piano fisico per i conigli, che si abituano finalmente alla bellezza della libertà, ma anche psicologica, affinché capiscano che l’essere umano può dare loro anche tante cose belle», sottolinea Lucrezia. Oltre ai tre conigli ci sono anche 35 ratte e 12 porcellini d’India. «Negli altri centri ci sono molti più animali, ma a breve anche qui accoglieremo nuovi ospiti».

Nonostante tutto, entrambe mi raccontano che questi animali impiegano relativamente poco tempo per ritrovare la serenità: «A me colpisce vederli tutti così tranquilli. Le ratte dormono abbracciate e non si spaventano più quando ci avviciniamo, perché sanno che arriverà una carezza o un premietto». «E poi lo vedi – e ci commuoviamo entrambe – loro vogliono godersi ogni attimo della vita, non vogliono sprecare nemmeno un momento».

Le attività del centro sono tantissime, dalla preparazione dei pasti, alla pulizia delle lettiere, passando per un aspetto essenziale della riabilitazione che è l’interazione con le persone: «Abbiamo per ora una ventina di volontari attivi, ma tra poco ci sarà bisogno di ulteriori forze, in vista dell’arrivo di nuovi animali». Come si diventa volontari? All’inizio si viene affiancati da un socio più esperto che mostra tutte le operazioni riguardanti la pulizia e l’alimentazione degli animali. Chi ha voglia di mettersi in gioco qualche ora con questi piccoli animali?

coniglio
La Collina dei Conigli

Ad aprire la filiale genovese è stata Lucrezia che in questi anni ha sviluppato un rapporto di fiducia con i volontari della sede di Monza: «Da sola non avrei potuto fare niente. Ho avuto la fortuna di trovare in poco tempo diverse persone con la mia stessa passione e voglia di fare. Anche se ho iniziato dicendo “Proviamo!” in questi primi mesi di apertura sta andando molto bene».

La Collina dei Conigli, oltre ad accogliere scolaresche – naturalmente divise in piccoli gruppi – per permettere ai più piccoli di far visita agli animali, una volta a settimana apre le sue porte a dei volontari speciali: sono ragazzi disabili psichici che, insieme agli educatori, vengono a dare una mano e a farsi contagiare dalla serenità degli animali presenti.

Con un passato terribile alle spalle, tutti gli ospiti del centro dimostrano una capacità straordinaria di apprezzare ogni attimo della vita e della compagnia di chi li accudisce. Impariamo da loro.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Perché parlare di relazione essere umano-animale è biologicamente sbagliato? Ce lo spiega l’etologo
Perché parlare di relazione essere umano-animale è biologicamente sbagliato? Ce lo spiega l’etologo

La guida al vero benessere animale, per una relazione consapevole con gli (altri) animali
La guida al vero benessere animale, per una relazione consapevole con gli (altri) animali

Perché Federica Romeo ha scelto il metodo gentile per educare cani felici
Perché Federica Romeo ha scelto il metodo gentile per educare cani felici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Presidente dell’Iran Raisi è morto in un incidente in elicottero, cosa sappiamo e cosa succede adesso – #934

|

Le erbacce di Napoli, un gruppo di giovani che prova a costruire nuove relazioni tra specie differenti

|

La vita ai piedi dell’anemometro: storie di resistenza in difesa del territorio

|

Rifugiati a casa propria, la storia di Muhammed e mezzo milione di afgani

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

string(7) "liguria"