13 Giu 2022

Liguria Genuina, dove contadini e famiglie si incontrano

Scritto da: Valentina D'Amora

Un negozio diverso, che propone ortaggi appena raccolti, sani, naturalmente di stagione, senza intermediari e a un prezzo giusto sia per chi li coltiva che per chi li consuma. Si chiama Liguria Genuina ed è una vetrina per tante piccole aziende agricole della regione. Siamo andati a dare un'occhiata per scoprire cosa c'è "dietro le quinte".

Genova - Quando sono andata a conoscere questa realtà genovese, pensavo che mi sarei trovata davanti un “classico” punto vendita ortofrutticolo, con una proposta di frutta e verdure appena colte e a km0 come elemento innovativo. Cento punti in più rispetto al besagnino sotto casa. Quello che non mi aspettavo entrando da Liguria Genuina era di trovare una professoressa universitaria in pensione fare la volontaria in un progetto ampio e ancora più sfaccettato di quel che sembra.

LA STORIA

«L’idea di creare Liguria Genuina è nata per mettere insieme imprese agricole piccole e piccolissime, tutte del territorio, per valorizzare il lavoro dei nostri contadini e allo stesso tempo offrire qualcosa di diverso», spiega Enrico Roveda, titolare del progetto. Così è stata riaperta un’antica attività. A gestire e coordinare il punto vendita Silvia, la moglie di Enrico, insieme ad altri volontari. «Non ci si può permettere una persona fissa retribuita per tenere aperto il negozio – sottolinea Silvia – per questo sono qua: perché mi sembra una cosa giusta».

liguria genuina marmo
Liguria Genuina

La saracinesca di Liguria Genuina si alza per la prima volta nel dicembre 2020, con alle spalle una rete di quindici aziende agricole liguri, e da allora continua ad accorciare la distanza tra i campi e la nostra tavola. Oltre alla tracciabilità di tutti i prodotti, le colonne portanti del progetto sono la stagionalità e la freschezza della frutta e degli ortaggi che, proprio per questo, sono disponibili solo su ordinazione.

Tra le pareti di marmo dell’antica macelleria genovese dove lavorava il bisnonno di Enrico, oltre ai freschi oggi ci sono tanti barattoli in vetro, uno accanto all’altro, con tutti i più buoni prodotti locali, dal pesto genovese alla crema spalmabile di nocciole, passando per marmellate, composte e il dissetantissimo sciroppo di rose della valle Scrivia.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Oltre a rivolgersi ai privati, Liguria Genuina lavora prevalentemente con i ristoranti della città: «Abbiamo dato vita a un’alleanza tra agricoltura e ristorazione, facendo da anello di collegamento tra due mondi spesso non del tutto compatibili, perché ci siamo resi conto che questo porta a un vantaggio reciproco. E insisteremo su questa strada».

consegna liguria genuina
Matteo di Liguria Genuina pronto per consegnare la spesa a uno dei ristoranti del centro
LA COOPERATIVA AGRICOLA DELLE VALLI GENOVESI

La miccia del progetto s’è accesa all’interno della cooperativa agricola delle valli genovesi. Questa realtà con un’anima profondamente sociale nasce dall’esperienza maturata a sua volta da un’altra rete, Genova torna in villa, attiva nell’entroterra – alta val Polcevera e alta Valle Scrivia – per proporre stili di vita sani e sostenibili. «In quel momento è emersa la necessità di dotarsi di uno strumento operativo capace di muoversi autonomamente, sia nel mondo agricolo che in quello economico», racconta Enrico.

Ed ecco che è stata fondata la cooperativa agricola, il cui obiettivo principale è quello di coltivare – in proprio o per conto terzi – piante, frutta e ortaggi, ma anche di portare avanti attività di tipo educativo e divulgativo legate all’agricoltura e all’ambiente. Il tutto coinvolgendo anche ragazzi fragili o in situazioni di criticità, dando un risvolto sociale al progetto. Nel tempo la cooperativa ha spostato il proprio focus sul recupero di frutteti e boschi abbandonati, in particolare meli e castagni, e sulla trasformazione di questi prodotti – confetture, farine, essiccati – nonché di legumi e ortaggi locali.

Abbiamo dato vita a un’alleanza tra agricoltura e ristorazione, due mondi spesso non del tutto compatibili

Fare la spesa così, senza intermediari, non fa solo bene alla propria salute, perché si mettono in tavola prodotti sani e appena raccolti, ma rafforza l’economia locale e permette di sviluppare relazioni trasparenti con i produttori stessi, oltre ad aiutare a valorizzare la biodiversità del proprio territorio. Avanti tutta, Liguria Genuina!

Le aziende agricole che fanno parte della rete sono: Cooperativa Alta Valle Sturla (Genova Quinto); Consorzio Mercato del Carmine (Genova Centro); Az. Agricola La Valletta del Re di Emilio Parodi (Genova Granarolo); Parodi Nutra Srl (Campomorone); Az. Agricola Giassetto di Michele e Pietro Parodi (Masone); Az. Agricola Le Fontane di Diego Panetta (Serra Riccò); Cooperativa Sole di Maggio (Zignago); Az. Agricola La Volpara di Sonja Parigger (Rocchetta Vara); Az. Agricola Agrisr di Romina Siboldi; Cascina Salvega di Rita Ottonello (Casella); Coop. Agricola delle Valli Genovesi (Mignanego); Coop. sociale Goccia (Imperia); Az. Agricola l’Ape Regia di Ivan Aicardi; Az. Agricola Valleombrosa di Lucio Parrini; Az. Agricola I Tesori di Levante di Mattia Di Tullio; Az. Agricola Emanuele Genta (Genova Prà); Az. Agricola Gli Orti di Cortino (Casella); JB Rose Farm di Jezabel Boni (Ronco Scrivia); Az. Rossi 1947 di Roberto Panizza (Genova val Bisagno).

Articoli simili
Problema siccità: come risparmiare acqua in poche mosse
Problema siccità: come risparmiare acqua in poche mosse

Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità

Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi
Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra