23 Giu 2022

Persone: la mostra fotografica che racconta Finalborgo attraverso chi ci vive

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Quando dovete raccontare un luogo che amate, quali sono gli elementi che scegliete di narrare? Il fotografo Corrado Murlo nel presentare Finalborgo ha scelto di raccontare trenta storie di persone che vivono e lavorano nel luogo, per restituire un'immagine che sia vera, autentica ed eterogenea. Ma la mostra ha preso una strada più ampia, diventando anche una web serie.

Savona - Come si racconta un territorio? Quali sono gli elementi che possono descriverlo a chi vi arriva per la prima volta? I turisti occasionali e molto distratti, giunti a destinazione, potranno rimanere stupiti davanti a edifici storici, religiosi, alberi secolari e una splendida vista sul mare, ma ciò basterà a raccontare cos’è quel luogo e cosa rappresenta per chi ci vive?

Corrado Murlo, fotografo specializzato in ritratti e fotografia documentaristica e creativa, ha deciso di provare a raccontare Finalborgo, borgo caratteristico di Finale Ligure (SV), attraverso le persone protagoniste del posto: si tratta di una trentina di ritratti che raffigurano alcuni abitanti, ognuno intento nella propria attività e passione, impegnati ogni giorno nella valorizzazione del patrimonio culturale, del paesaggio e dell’ambiente finalese.

288667796 5309047502448805 7075506201871417366 n

Il risultato? Una mostra fotografica dal titolo Persone che, all’interno dei Chiostri di Santa Caterina, cerca di tradurre in un linguaggio visivo immediato, una narrazione ampia e articolata: lungo i cinque filoni tematici di natura, cultura, mare, gusto e outdoor racconta il territorio, utilizzando i volti e le storie di chi rappresenta più di altri quel luogo.

Ugo Frascherelli, sindaco di Finale Ligure, durante l’evento di inaugurazione della mostra ha dichiarato: «È la comunità che fa il territorio: i cittadini residenti, ma anche i cittadini temporanei, escursionisti e turisti che accogliamo tutto l’anno. Per la nostra città non ci sono ambasciatori migliori di coloro che qui sono nati, vivono e lavorano, dimostrando quotidianamente il loro amore per questi luoghi».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Parole non scontate in un mondo in cui spesso il territorio viene sfruttato e ai fini turistici e chi lo vive diviene un elemento a disposizione per l’aumento dei profitti locali. Quando è stato chiesto a Claudio Casanova, attuale Assessore al Turismo di Finale Ligure, il significato della mostra, risponde così: «L’esperienza turistica di un territorio passa non solo attraverso il prodotto offerto ma anche, soprattutto, dal fattore umano, dalla relazione tra le persone e tra le persone e il paesaggi. Attraverso le loro storie, Finale si racconta e testimonia in modo autentico e concreto la qualità della sua accoglienza e della sua offerta turistica».

Immagine 2022 06 20 182722

Tra le persone fotografate e raccontate dagli scatti esposti fino al 17 luglio ci sono persone con sogni e vite molto diverse tra loro: da casalinghe ad albergatori, da climber a velisti, da imprenditori a chef. Persone che vivono il territorio e con la loro passione, arte, semplicità cambiano il luogo cambiando passo dopo passo anche loro stessi. Alcune di queste storie ve le abbiamo raccontate e le trovate qui.

Federico Alberto, il direttore creativo di Studiowiki, che ha curato la mostra le ha descritte così: «Singoli volti che si fondono insieme e diventano paesaggio, voci che alimentano un racconto corale della destinazione che non si esaurisce qui, ma continua e si sviluppa nel tempo con altri strumenti».

Attraverso le loro storie, Finale si racconta e testimonia in modo autentico e concreto la qualità della sua accoglienza

Le storie raccontate attraverso la mostra fotografiche sono state poi approfondite e pubblicate sulla testata online My Perfect Place e con la web serie The Perfect Place, realizzata da Artescienza per la regia di Samuele Wurtz: cinque video storie dedicate rispettivamente ai cinque temi della mostra, ovvero outdoor, natura, cultura, mare e gusto.

Il progetto fotografico rientra all’interno di una più ampia campagna di comunicazione e promozione turistica 2022 della destinazione di Finale Ligure, realizzata da Studiowiki – agenzia di comunicazione savonese associata a UNA – Aziende della Comunicazione Unite – nell’ambito del Piano Strategico del Turismo del Finalese progettato dalla Destination Management Company (DMC) DE.DE – Destination Design.

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne