23 Dic 2022

Da motociclista a fotografo per passione: la storia di Fabio e dei suoi scatti inediti dell’Appennino

Scritto da: Valentina D'Amora

Le sue montagne sorgono su cinque regioni, tra Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana. È l’Appennino ligure e sono proprio i suoi panorami a finire nell’obiettivo di Fabio Rotondale, un farmacista che nel tempo libero si diletta a scattare foto inedite e originali che prendono forma anche all'interno di esposizioni e calendari. Ci siamo fatti raccontare la sua esperienza.

Alessandria - Fabio Rotondale è un fotografo per passione. Di professione farmacista, nel weekend, per ritagliarsi un momento di silenzio e di pace e recuperare le energie mentali e fisiche consumate durante la settimana, lascia la Valpolcevera dove abita per svalicare in valle Scrivia, val Borbera, val Vobbia o val Curone, che esplora a piedi o in bicicletta.

Le foto che scatta sono frutto dei suoi trekking in natura: «Amo camminare e riprendere gli scenari che mi fermo a contemplare. Il mio intento è cercare, nel mio piccolo, di creare foto inedite dell’Appennino», ci dice. Sui suoi profili social pubblica le sue immagini che talvolta diventano anche esposizioni o si trasformano in calendari, come Obiettivo 4 Province, a cui ha lavorato in questo periodo insieme ad altri tre colleghi, incentrato proprio sul territorio delle Quattro Province. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare come si è evoluta questa passione.

valle scrivia
Valle Scrivia: Savignone e il suo castello visti dal monte Pianetto
Fabio, raccontaci: che emozioni ti suscita il panorama dall’alto dell’Appennino?

Innanzitutto la soddisfazione di poterlo ammirare, scrutare ogni visuale per riconoscere vette e paesi. Poi la pace, i pochissimi rumori in lontananza, il silenzio. Personalmente mi basta questo.

Com’è nata la tua passione per le foto di natura e come si è evoluta negli anni?

Direi che è nata quando ho cominciato a girare in moto diversi anni fa, intorno al 2009. Prima scattavo foto di viaggio, sulle prime con il cellulare poi con la Reflex. Ed è stato con questa che ho cominciato a cercare nuovi paesi e paesaggi. Inoltre a quei tempi c’era Panoramio, l’attuale Google Maps, su cui migliaia di ragazzi geolocalizzavano le proprie foto e ammiravo i loro scatti incredibili, frutto di una buona tecnica ma anche di una profonda conoscenza del territorio e della sua storia. Queste cose, pian piano, ho cercato di impararle e assimilarle per crearmi un mio “timbro” personale.

E adesso?

È finita che ora la moto per girare praticamente non la uso in più, anche perché lo zaino con l’attrezzatura fotografica non è proprio maneggevole, e durante la settimana sfrutto ogni momento libero per pensare a dove andare a scattare nel weekend.

Per me la cosa più importante è scattare la foto come la immagino nella mia mente: se ci riesco, sono già felice così

Nel frattempo ho imparato a conoscere l’ambiente, la morfologia della montagna e in base a questo decido se immortalare quel paesaggio durante un’alba, un tramonto o sotto un cielo stellato: ti prepari il momento, studi la luce, la posizione. Certo, ci vuole anche molta fortuna per riuscire a far combinare tra loro diversi fattori, uno tra tutti il meteo. Anche se in realtà il brutto tempo è relativo, perché regala giochi di luce interessanti, filtrata dalle nuvole.

Quindi hai scambiato la moto con la bici?

Raggiungere le valli dell’alessandrino in bicicletta mi piace molto e anche se ora fa più freddo non si rischia l’osso del collo come in riviera [sorride, ndr]. Il bello delle due ruote è che mi permette di studiare bene il paesaggio, concentrandomi su dettagli e particolari che in macchina non si notano. Un’immagine che mi ha colpito moltissimo l’ho scattata su valico di San Fermo, circondato da brina ghiacciata: sembrava di camminare sulla polvere di ghiaccio.

Oltre all’Appennino, quali sono le zone più battute dalla tua macchina fotografica?

Faccio una premessa: visto che, come dicevo, per me la prima caratteristica fondamentale di una foto è l’originalità, sono sempre alla ricerca di nuovi scorci, di posti insoliti. Per fortuna abito a Genova e ho l’imbarazzo della scelta: sia a ponente che a levante che anche nell’entroterra cose da fotografare si trovano sempre.

val borbera
Val Borbera: la landa pietrosa del torrente Borbera tra Castel de Ratti e Borghetto Borbera

Purtroppo però per il traffico e le arterie stradali disastrose, oltre che per mancanza di tempo, ci sono zone del parco del Beigua o dell’Aveto che mi piacerebbe visitare ed esplorare più approfonditamente, ma non sono ancora riuscito a farlo. Pare che l’orologio non sia d’accordo.

I tuoi scatti sono molto apprezzati online: cosa provi quando vedi le reazioni del pubblico durante mostre ed esposizioni dal vivo?

Per me è un divertimento e se la foto viene bene e viene apprezzata fa piacere. I miei scatti, in realtà, si discostano dai canoni che i social impongono e a me va bene così. Sarò vanesio, ma quando guardo la mia galleria su Instagram o sulla mia pagina mi fa piacere constatare che le mie foto non sono fotocopie di altre, amo riconoscerne l’originalità.

Poi non saranno perfette e ne sono conscio, ma questo è motivo per cercare di migliorarsi. Per me la cosa più importante è scattare la foto come la immagino nella mia mente: se ci riesco, sono già felice così. Tutto il resto, a mio parere, è fumo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi
Nicolas De Jesus, l’artista che con le sue opere racconta le lotte e le sofferenze dei popoli nativi

Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura
Theresa Van Cherry, l’artista lituana che illustra la vita attraverso gli occhi della Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa e Germania inviano i carri armati: cosa succede? – #660

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume