30 Gen 2023

Due Zaini e Un Camallo: ecco come andare alla scoperta della Liguria in modo lento

Scritto da: Davide Artusi

Con Due Zaini e Un Camallo vogliamo portare un po' di Liguria nel cuore della gente. È questo il motto di Luca e Valentina, amici da una vita, che con la loro associazione e la loro rivista si sono posti come obiettivo la promozione del territorio ligure. La loro iniziativa ha trovato subito un ottimo riscontro a sta crescendo tanto, così come il turismo lento e responsabile in regione.

Salva nei preferiti

«La Liguria è conosciuta per il suo mare, ma meno per quel turismo più lento e incentrato sulle passeggiate in mezzo alla natura che noi proponiamo». Sono queste le parole di Luca e Valentina, amici da una vita e dal 2020 compagni di “trekkinate”, alla costante scoperta di nuovi posti della Liguria da vedere e consigliare. Da una parte abbiamo un ex pantofolaio con la passione per la fotografia, mentre dall’altra una camminatrice cronica con alle spalle numerosi e lunghi cammini.

Luca e Valentina sono due gestori di attività ricettive in Liguria che durante la pandemia hanno voluto creare uno spazio comune dove poter condividere l’amore e la passione per la loro regione, al di fuori del solito turismo di mare. «Esplorando la nostra terra e i nostri dintorni – ci racconta Luca –, abbiamo pensato che ci sono veramente tante cose che si possono raccontare e deciso così di raccogliere all’interno di un diario tutte le nostre avventure, le nostre passeggiate e ciò che man mano andavamo scoprendo. Inizialmente dunque è nato un progetto personale rivolto solo a noi».

Luca e Valentina decidono in seguito di inserire le loro testimonianze all’interno di un blog aperto a tutti. Questa idea però piano piano inizia a evolversi fino a dar vita al progetto Due Zaini e Un Camallo, vera e propria associazione culturale con lo scopo di far conoscere il territorio ligure a un vasto pubblico.

due zaini e un camallo

Due Zaini e Un Camallo ha portato alla realizzazione di una serie di riviste, sia cartacee sia digitali, che vanno a proporre molti itinerari accessibili a tutte quelle persone che, anche senza preparazione atletica, vogliono scoprire l’entroterra della Liguria. Essendo un progetto nato nel Savonese, le esperienze che più vengono raccontate ai lettori sono quelle da vivere nel comprensorio più familiare ai due camminatori.

Nel maggio del 2021 è uscito il primo numero di questa rivista, intitolata Liguria, tra terra e mare, dove sono stati proposti 25 itinerari dislocati nelle quattro province. Un’idea che ha preso vita quasi per gioco, ma che ha incontrato l’interesse della comunità tanto da portare alla realizzazione di più ristampe, per arrivare a oggi a un totale di quasi 1500 copie di questo numero.

La voglia di condividere e far conoscere la Liguria è aumentata di molto dopo questo primo volume. Due Zaini e Un Camallo ha così presentato il secondo capitolo di queste camminate, sotto il nome di Preponentemente Liguria. Anche in questa edizione sono stati raccolti 25 percorsi su tutto il territorio, con il focus principale rivolto alle camminate per bambini.

due zaini e un camallo 2

«L’abbiamo sempre chiamata rivista – riprende Luca – perché il formato è un A4 e il modo di raccontare è leggero e spensierato, quindi non poteva essere né un vero e proprio libro né una guida più tecnica. Cerchiamo di offrire un prodotto che possa invogliare il pubblico a vedere posti nuovi, fornendo informazioni che lungo il percorso non si riescono a trovare. Abbiamo notato inoltre che molte persone che vanno ad acquistare le nostre riviste sono del posto, ma non conoscono il territorio. Grazie a loro e agli albergatori che hanno iniziato a spargere la voce di questo nuovo progetto, siamo riusciti a crescere».

La rivista edita da Due Zaini e Un Camallo è arrivata all’ottava edizione e l’interesse si è poi fatto travolgere dalla partecipazione di molte amministrazioni locali che hanno visto nell’associazione un modo genuino per far conoscere territori e aree poco visitate. Sono così nati i patrocini comunali che ad oggi sono 51, accompagnati da quelli delle province di Savona, Imperia, Genova e Spezia, vari parchi liguri e diverse collaborazioni con associazioni, come ad esempio Slow Food, con cui è nata una rubrica dedicata ai prodotti tipici liguri e alle realtà locali più caratteristiche.

Ogni numero di questa rivista viene accompagnato da una presentazione dal vivo; la maggior parte di esse si svolge durante le rassegne del patto per la cultura e la lettura del Comune di Loano. Nelle ultime edizioni si è cercato di coinvolgere anche personaggi più o meno illustri, come Antonio Ricci, o chef stellati e famosi. Il 17 febbraio Luca e Valentina si incontreranno con l’attore genovese Maurizio Lastrico, per chiedere di realizzare la prefazione del nuovo capitolo che uscirà a dicembre.

Abbiamo deciso di raccogliere all’interno di un diario tutte le nostre avventure, le nostre passeggiate e ciò che man mano andavamo scoprendo

«Abbiamo anche partecipato a una piccola intervista per il TG3 regionale – riporta Luca – e supportato l’ASD Equus lab per introdurre la pet therapy negli ospedali e nelle case di riposo. Con loro il 9 marzo 2022 è stata organizzata una camminata urbana a Loano con tre pony e una pecora per sensibilizzare l’argomento, visitando i nonnini di una RSA e facendoci accompagnare da alcuni ragazzi bisognosi di sostegno dell’istituto Falcone di Loano. Evento patrocinato dal comune e che ha avuto più di 200 partecipanti».

«In totale abbiamo 22 punti vendita – conclude Luca – distribuiti in Liguria, dove poter acquistare la rivista cartacea. Noi non siamo un editore, anche se ci autoproduciamo, e non siamo nemmeno un periodico, sebbene in un anno e mezzo siamo riusciti a far uscire sette riviste con un totale di 130 itinerari. La nostra idea è quella di non fermarci qui ma di cercare di offrire sempre qualcosa di nuovo, mentre l’obiettivo di Due Zaini e Un Camallo è di promuovere il territorio ligure non solo sotto l’aspetto turistico ma anche sotto quello sociale, culturale e ambientale».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing
La mobilità sostenibile a Napoli: dalla smart mobility al car sharing

A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile
A Caltanissetta la ciclofficina sociale che promuove mobilità lenta e cicloturismo responsabile

Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine
Ponte sullo Stretto, dubbi e anomalie di un progetto senza fine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(7) "liguria"