28 Mar 2023

Synergo, la rete che unisce competenze per rigenerare i territori vulnerabili

Scritto da: Simone Foscarini

Sta nascendo un nuovo soggetto che vuole unire in maniera trasversale risorse e competenze con un unico obiettivo: rigenerare e restituire valore alle tante aree marginali e fragili del nostro paese minacciate da abbandono delle istituzioni, spopolamento, mancanza di servizi. Il progetto si chiama Synergo e si basa su quattro pilastri: ricerca-azione, formazione laboratoriale, economia sociale e tecnologia open source.

Salva nei preferiti

Treviso, Veneto - Synergo. Questo è il nome evocativo di una costituenda impresa sociale, che ha un obiettivo chiaro in testa: trasformare i territori vulnerabili nei luoghi del futuro, capaci di nuova attrattività. Soprattutto dopo l’avvento della pandemia che ci ha costretti a guardare oltre i luoghi “densi”, il nostro sguardo si è rivolto alle aree marginali, interne, ai territori fragili o, come ama definirli Synergo, vulnerabili.

Questo concetto – vulnerabilità – racconta di mancanza di servizi, bassa natalità, invecchiamento della popolazione, diminuzione dei servizi essenziali, degrado del patrimonio naturale e culturale, mancanza di una visione territoriale e una spirale spesso discendente verso condizioni di abbandono e spopolamento. Ed è proprio dall’intreccio di questi elementi che è nata la domanda: come intervenire in queste aree per invertire la rotta? Come osservare e rispondere alla complessità di questi territori?

synergo
COM’È NATA LA RETE

Ma andiamo con ordine. «Prima di costituirci come impresa sociale no-profit – ci raccontano Andrea Reginato e Simona Polli, due dei quattro fondatori di Synergo – ciò che ha stimolato l’attenzione su queste tematiche sono state diverse conversazioni fatte con esperti ed esperte che hanno condiviso con noi le loro competenze trasversali: dalla nostra esperienza sui temi del digitale e del turismo responsabile, la ricerca si è così ampliata alla valutazione di impatto, all’economia sociale, alle comunità energetiche e al fundraising. Siamo approdati al tema della rigenerazione per via trasversale, ma questo è proprio l’elemento che ci differenzia: uno sguardo sistemico e integrato sui territori».

Da quelle conversazioni Synergo ha dunque iniziato a costruire la rete di professionisti e professioniste che oggi conta circa venticinque organizzazioni tra associazioni, ETS, liberi professionisti, aziende, università e amministrazioni pubbliche. Una rete con un obiettivo: entrare in relazione con i territori vulnerabili e accompagnarli nei loro processi di rigenerazione.

Siamo approdati al tema della rigenerazione per via trasversale, ma questo è proprio l’elemento che ci differenzia: uno sguardo sistemico e integrato sui territori

GLI STRUMENTI DI SYNERGO

Synergo ha elaborato una metodologia, che si fonda su quattro pilastri fondamentali:

  • Ricerca-azione: analisi dei casi di studio facilitando l’emersione di ciò che ha funzionato per elaborare modelli e interventi scalabili in altri contesti per chiunque voglia abilitare percorsi di trasformazione del proprio territorio.
  • Formazione laboratoriale: momenti di formazione immersiva nei quali trasferire competenze ai territori perché assimilino un metodo di intervento che nel medio-lungo periodo li renda autonomi nel definire le proprie traiettorie di sviluppo.
  • Economia sociale: creare comunità autosufficienti e autonome, in grado di auto-sostenersi economicamente con il valore generato al loro interno e la cui salute economica non dipenda esclusivamente da bandi e finanziamenti.
  • Tecnologia open source: sviluppo di software open source per supportare i territori nel processo di rigenerazione. L’obiettivo è costruire una piattaforma tecnologica che sia punto di incontro tra comunità interna, nuovi cittadini, nuove risorse e finanziatori.

Questo è il ricco bagaglio di strumenti che possiede la rete di Synergo, che trova nella costituenda impresa sociale il ruolo di facilitatore della rete stessa in grado di attivare l’una e l’altra organizzazione nei percorsi di rigenerazione.

I PRIMI PASSI DELLA RETE SYNERGO

La rete Synergo si sta adoperando per co-creare in modo partecipato strategie di rigenerazione integrate e percorsi di formazione immersivi e laboratoriali. Un primo assaggio delle tematiche trattate è stato convogliato in una ricca rassegna di webinar dove esperti del settore si sono confrontati sui temi di rigenerazione, sostenibilità, imprenditoria sociale e valutazione d’impatto.

Per chi fosse interessato a questi argomenti consigliamo assolutamente la visione del canale YouTube, dove sono raccolti questi webinar che hanno visto partecipe anche Italia che Cambia, insieme ad altri 15 professionisti e professioniste della rigenerazione. I prossimi passi saranno l’attivazione di un progetto di ricerca-azione che vedrà il team Synergo viaggiare sul territorio nazionale per incontrare e mappare alcuni casi studio di territori che hanno già avviato processi di rigenerazione per studiare e raccontare le loro storie di cambiamento.

Grazie a questa fase di analisi sarà possibile elaborare un modello esportabile e scalabile su altri territori che desiderano intraprendere questo cammino di trasformazione con un approccio sistemico e olistico. Se siete quindi imprenditori, abitanti o attori attivi di uno di questi territori non esitate a contattare il team di Synergo per far conoscere la vostra realtà e diventare protagonisti del cambiamento.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Nuovi modelli di turismo sostenibile: la Val Pennavaire si mette in rete
Nuovi modelli di turismo sostenibile: la Val Pennavaire si mette in rete

La Cooperativa Madreselva e il sogno di un appennino che sta rinascendo
La Cooperativa Madreselva e il sogno di un appennino che sta rinascendo

Al via il trekking alla scoperta dei parchi naturali italiani
Al via il trekking alla scoperta dei parchi naturali italiani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sole, mare e G7. In Puglia si parla di armi all’Ucraina, asset russi congelati e polemiche sull’aborto – #949

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

|

Archingreen: bioedilizia e materiali naturali per case a misura di persona e di Pianeta – Dove eravamo rimasti #32

string(9) "nazionale"