30 Gen 2024

Gang: dall’autoproduzione al pacifismo, quando la musica si fa impegno sociale

Scritto da: Laura Tussi

Dal punk inglese degli anni settanta alla tragedia di Gaza, dalla nonviolenza alle sonorità folk, dalle guerre imperialiste a Gandhi e Bob Dylan. La chiacchierata con Marino Severini – cofondatore e voce dei Gang, storica band folk rock italiana – ci ha portato lungo molti sentieri, tutti raccolti sotto un minimo comune denominatore: la musica come impegno sociale e politico.

Ancona, Marche - Un curioso mix fra la quieta provincia marchigiana e la Londra della seconda metà degli anni settanta che esplodeva al ritmo della rivolta sociale e musicale del movimento punk, in particolare dei Clash di Joe Strummer. Sotto questa lente caleidoscopica nascono i Gang, storico gruppo musicale folk rock – anzi, “combat rock” per citare uno dei più celebri album proprio dei Clash –indipendente tra i più celebri d’Europa.

«Sulla “celebrità” e l’unicità avrei da ridire», osserva con modestia Marino Severini, cofondatore dei Gang insieme al fratello Sandro. «Ci sono centinaia di band in Europa e non solo che adottano lo stile del “fai da te”. Noi siamo una delle tante. Abbiamo cominciato quarant’ anni fa autoproducendo i nostri album e ora siamo tornati all’autoproduzione. Ma con una differenza sostanziale. Oggi non siamo da soli, ma adottando lo strumento del crowdfunding, che chiamo “la cassa Comune”, a farsi carico delle nostre ultime produzioni discografiche sono più di 1500 persone, cosiddette co-produttori».

gang
Marino Severini, voce e cofondatore di Gang
Lo strumento del crowdfunding funziona davvero!

Infatti abbiamo cominciato da soli, ma oggi siamo una Comunità! Un rapporto e una relazione che si base essenzialmente sulla fiducia reciproca. Una relazione che è cresciuta “sulla strada”, concerto dopo concerto, ma anche disco dopo disco, canzone dopo canzone, quelle degli sfruttati, dei partigiani di ieri e di oggi, delle vittime del profitto, dei movimenti di Liberazione.

Quindi una relazione diretta con il pubblico in una grande Comunità.

Direi che questa relazione rivela la nostra “organicità”, per dirla alla Gramsci. E risponde chiaramente alle fatidiche tre domande che ognuno di noi dovrebbe porsi rispetto al proprio lavoro e impegno: “cosa?”, “come?” e “per chi?”. Per tornare all’autoproduzione e all’indipendenza aggiungo che oggi possiamo constatare che, se da un lato l’industria discografica in mano alle major e alle multinazionali va a scatafascio, dall’altro versante questo è un momento molto positivo per chi vuol fare e vivere di musica, quindi del proprio lavoro.

Il creare con la musica è dunque sempre più fantasioso e ricco di spunti e di esperienze varie e interessanti e coinvolgenti.

Sì, proprio perché non c’é più un pensiero unico circa il modo di produrre la musica, ma ci sono moltissimi laboratori, esperienze molto diverse l’una dall’altra, rispetto alle quali chi produce e crea musica – e non solo – può valutare, può confrontare il proprio modo di lavorare con altri, può crescere nel rispetto profondo della propria autonomia e unicità artistica. Si può fare!

gang1
Foto di Fabio Carissimi
La musica è creazione di molteplici sinergie.

Noi lo stiamo dimostrando da anni. Anzi, se prima si faceva da soli oggi si potrebbe fare con cooperative, consorzi, comunità, fra energie creative, non solo musicali. Stiamo andando verso tempi inesplorati. Non esiste un modello che possa funzionare per tutti. Ma si trova posto per ciascuno di noi. Il solito “posto al sole” che va inventato, creato, costruito a propria immagine e somiglianza. Come un giardino. Sembra incredibile ma, a terzo millennio ampiamente avviato, oltre alla guerra tra Russia e Ucraina e Nato/Stati Uniti/Europa e al genocidio in atto a Gaza, nel mondo si susseguono tantissime guerre. Inoltre siamo immersi in una polveriera schiacciata sui poli con la miccia nucleare lunga fino a Mariupol.

Parlami dell’impegno pacifista dei Gang.

Il cosiddetto “impegno” pacifista – ma direi meglio l’impegno per la Pace – dei Gang, sta tutto nelle nostre canzoni. Soprattutto in quelle che sono di fatto delle Storie cantate. Sì, l’impegno sta tutto nel cantare Le Storie. Per fare in modo che la guerra diventi un tabù, come diceva Moravia, occorre secondo me combattere per prima cosa il fanatismo. Nel Mein kampf, l’aggettivo più amato da Hitler non a caso é “fanatico”. È sul fanatismo che si costruiscono i totalitarismi, la verità unica e il pensiero unico e le guerre.

gang2
Foto di Stefano Ferri
Quali sono le storie di pace che più vi hanno ispirato?

A questo proposito vorrei ricordare un capitolo del libro Conflitti scritto da Roberto Escobar. L’autore trae da quel grande contenitore di storie che è Le Mille e una Notte una novella che racconta di Shahrazad la quale aveva letto mille libri di storia. Questa donna si trova di fronte a una storia, una sola, sempre quella, raccontata da Shahriyar, il potente, il quale dice che tutte le donne tradiscono. Siccome tutte le donne tradiscono, Shahriyar tutte le sere se ne fa portare una, fa l’amore con lei e la uccide. Nessuno si oppone. A un certo punto le donne sono finite: allora Shahriyar dice al visir di consegnargli sua figlia Shahrazad.

Disperato il visir torna a casa. Immolatosi simbolicamente al sultano il visir è disposto a consegnare fisicamente anche la vita della figlia. Per fortuna la ragazza rassicura il padre dicendogli che non vuol morire e che ha in serbo uno stratagemma: dopo che il sultano l’avrà presa, la sorella dovrà entrare nella stanza chiedendole di raccontare una storia. Shahriyar, il potente omicida, sarà talmente preso dalla storia che rimanderà l’assassinio. E questo va avanti per mille e una notte.

L’intrecciarsi delle narrazioni di molte storie – anche e soprattutto con la musica e il canto – rappresenta la via d’uscita dall’orrore, dal fanatismo, dal totalitarismo, dal razzismo e dalla guerra.

Ecco perché l’intrecciarsi di molte storie é l’unica via d’uscita dall’orrore, dal fanatismo, dal totalitarismo, dal razzismo e dalla guerra. Perché ognuno di noi non è una storia ma contiene e ha in sé mille e una storia. Ognuno di noi contiene moltitudini come recita Whitman e canta Dylan.

L’intrecciarsi di molte storie é l’unica via d’uscita dall’orrore, dal fanatismo, dal totalitarismo, dal razzismo e dalla guerra

Rischiamo una terza guerra mondiale “a frammenti”. Come uscirne?

Detto questo se passiamo dalle favole alla realtà, credo che chi lotta per la Pace – una Sola Pace – abbia il dovere morale ed etico, ancor prima che politico, di denunciare e fermare la “guerra totale” che da anni perseguono i Governi occidentali e non solo. Il nostro Paese deve rompere i legami con la Nato. Se questo non avviene l’Italia – e chi la governa – non é credibile né autorevole quando parla di Pace, nei confronti di miliardi di esseri umani che subiscono le strategie di morte degli Usa e della Nato.

Pensiamo solo a quanti colpi di stato queste due “entità” hanno organizzato creando caos, distruzione, morte e lasciando dietro di loro soltanto rovine, distruzione e odio. I fatti: gli avvenimenti storici degli ultimi settant’anni mostrano chiaramente che molte volte i paesi della Nato ne hanno aggrediti altri, violando il divieto dell’uso della forza sancito dallo statuto delle Nazioni Unite.
La Nato non è un organizzazione al servizio della stabilità e della pace nel mondo, ma al contrario rappresenta un elemento destabilizzante.

Un pensiero per Gaza…

Basta riassumere tutto ciò nel genocidio in atto a Gaza da parte del governo sionista israeliano col sostegno diretto e indiretto di gran parte dei paesi della Nato. Non basta tenere a mente che abbiamo bisogno di un mondo più giusto, un mondo sostenibile con più energie rinnovabili e mezzi di comunicazione onesti e con meno violenza: serve agire di conseguenza in modo di tradurre in pratica questa consapevolezza. Gandhi ci ha insegnato: “Sii te stesso il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.

Voi come artisti indipendenti potete con tutta libertà parlare di antifascismo e sostenere molte denunce. Che ne pensate del nostro nuovo spot sull’assassinio per mano fascista dei sette fratelli Cervi che tra Instagram e TikTok ha raggiunto decine di migliaia di visualizzazioni con il sottofondo della vostra bellissima canzone, accompagnati da Daniele Biacchessi?

Dico semplicemente che Le Vie dei Canti, come quelle del “Signore” sono infinite. E allora come recita la compieta: “Andiamo che l’ora è tarda e sopra di Noi la notte scende”.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali
Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali

Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi
Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi

Ad Agrigento il Centro Pier Paolo Pasolini tra cultura, innovazione e inclusività
Ad Agrigento il Centro Pier Paolo Pasolini tra cultura, innovazione e inclusività

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Elezioni regionali 2024: andiamo a votare! – INMR #19

|

Siccità in Sicilia, la regione in zona rossa per carenza d’acqua

|

Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute

|

Officina Naturae: acquistare detergenti e cosmetici etici ed ecologici è possibile – Io Faccio Così #399

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

string(9) "nazionale"