18 Gen 2024

Voice shaming, la campagna di Vivavoce per aiutare chi ha disturbi del linguaggio

È partita da qualche mese una campagna sociale ideata a Messina ma proposta su scala nazionale dall'associazione nazionale Vivavoce contro il voice shaming e a supporto di chi soffre di balbuzie e disturbi del linguaggio. Fra le varie iniziative, è stato attivato un help center tramite WhatsApp e un osservatorio per documentare l'estensione e le caratteristiche del problema.

Messina - La città di Messina è in prima linea nella campagna sociale avviata su scala nazionale dall’Associazione Vivavoce, impegnata nel supportare chi soffre di disturbi legati al linguaggio. L’associazione, basata a Milano ma fondata dal messinese Giovanni Muscarà, mette infatti in campo varie attività contro il fenomeno del voice shaming, ovvero discriminazioni e atti di bullismo verso chi soffre di disturbi del linguaggio, della voce o della comunicazione, sollevando un tema sensibile a molte persone e spesso sottovalutato.

Con il termine voice shaming si indicano infatti [come sottolineato anche sul sito dell’associazione] “giudizi, atteggiamenti e comportamenti negativi e discriminatori nei confronti di una persona a causa del suo modo di parlare, che impattano in modo determinante sulla vita sociale e professionale dell’individuo e sul suo benessere psico-emotivo”. Il voice shaming è già documentato dalla letteratura scientifica, anche se non sistematicamente e solo a livello internazionale. In diversi contesti sociali, le persone che soffrono di balbuzie, disturbi della voce e disturbi del linguaggio subiscono più frequentemente la discriminazione e l’esclusione sociale.

Voice Shaming
La dottoressa Martina Casale, responsabile Viva Voce Messina
A MESSINA VIVAVOCE HA ATTIVATO IL VOICE HELP CONTRO IL VOICE SHAMING

Per sensibilizzare sul tema l’Associazione ha attivato a Messina un numero WhatsApp Voice Help Sicilia – il numero è 3891560942 –, che permette a chi soffre di problemi legati alla voce o a chi subisce episodi di voice shaming o ne è testimone di segnalare il disagio, ricevendo un supporto psicologico gratuito da un’equipe medica specializzata. La scelta di proporre un servizio di primo intervento in forma scritta aiuta ad abbattere la barriera vocale che spesso blocca le persone con tali disturbi.

A Messina, qualche mese fa, il progetto è stato presentato da Martina Casale, psicologa, ex balbuziente e oggi responsabile della sede di Messina del Centro medico Vivavoce e coordinatrice del servizio Voice Help Sicilia. «La balbuzie mi ha tolto tanto, ma oggi nel fare questo lavoro ho l’opportunità tutti i giorni di supportare chi sta vivendo la mia stessa situazione. Affrontare questo disturbo e i disagi che mi ha causato mi ha formata dal punto di vista caratteriale ed essere riuscita a risolverlo mi ha restituito tutto moltiplicato per dieci».

Con il termine voice shaming si indicano giudizi, atteggiamenti e comportamenti negativi e discriminatori nei confronti di una persona a causa del suo modo di parlare

«Significa tantissimo per me – continua – poter trasmettere il messaggio che non è il modo in cui parli a dimostrare chi sei e supportare chi, come successo a me, sta vivendo un momento di forte disagio a causa del disturbo e delle discriminazioni ancora troppo frequenti. Comunicarlo con la mia faccia, con le mie parole, è importante. È come riprendermi tutto quello che mi ha tolto».

LO STRUMENTO VOICE HELP PERMETTE DI GESTIRE L’OSSERVATORIO NAZIONALE

Lo strumento della chat Voice Help permette anche all’Associazione di raccogliere testimonianze e di gestire un vero e proprio osservatorio nazionale e regionale sul tema, mettendo insieme per la prima volta un dossier di casistiche ed episodi di discriminazione da portare all’attenzione dei media e dell’opinione pubblica, con l’obiettivo di sensibilizzare la società sul fenomeno del voice shaming, già documentato da numerosi studi internazionali. E con la volontà di lanciare progetti per le scuole in modo da fornire a insegnanti e studenti un metodo per affrontare le problematiche legate al voice shaming.

Voice Shaming
Il Centro Vivavoce è nato a Milano ma ha sedi anche a Udine, Bologna, Caserta, Messina e Roma

I dati testimoniano infatti la necessità di intervenire per promuovere un cambio culturale legato alla “problematica voce”. Le persone affette da disturbi della voce e del linguaggio sono tre volte più soggette al rischio di discriminazioni e bullismo rispetto alle altre. Il 70% delle persone con balbuzie dichiara di aver perso almeno un’occasione di impegno o di promozione a causa del disturbo legato alla propria voce. Il 20% afferma di aver rinunciato a un lavoro o promozione a causa delle difficoltà riscontrate nel linguaggio. Numerosi bandi di concorso legati alle forze armate inoltre riportano alcuni disturbi della parola come caratteristica discriminante e causa di inidoneità.

Tuttavia non c’è ancora una consapevolezza piena da parte della collettività di come questo fenomeno influisca in maniera determinate sulla vita delle persone. L’Osservatorio Voice Shaming, fondato nel 2023 dall’Associazione Vivavoce, è il primo progetto in Italia dedicato all’indagine e alla lotta contro la discriminazione della voce. Nasce con l’intento di indagare il fenomeno del voice shaming e mira a divenire un punto di osservazione autorevole su tutto l’universo della voce e delle problematiche o discriminazioni ad essa connesse, per prevenire discriminazioni e bullismo e promuovere una cultura più inclusiva.

Voice shaming
“Il discorso del re” con Colin Firth ruota attorno ai problemi di balbuzie del re Giorgio VI
L’OSSERVATORIO VOICE SHAMING SI OCCUPA DI DOSSIER REPORT E PUBBLICAZIONI

Per questa ragione l’Osservatorio Voice Shaming si impegna nel condurre analisi e ricerche su larga scala sul fenomeno del voice shaming in vari contesti sociali: dalla scuola all’ambiente lavorativo e fino a situazioni di aggregazione sociale. Le analisi si basano su indicatori scientifici rigorosi e comprendono, fra le altre cose, anche la valutazione dell’impatto economico e sociale delle azioni intraprese. L’Osservatorio si occupa anche della comunicazione e divulgazione attraverso dossier, report e pubblicazioni per sensibilizzare istituzioni, professionisti, associazioni di pazienti e il pubblico in generale.

Fra i documenti chiave dell’Osservatorio c’è il Report Annuale di ricerca, che evidenzia i risultati delle indagini e suggerisce possibili interventi. Inoltre, l’Osservatorio organizza periodicamente incontri istituzionali e convegni per presentare e discutere i rapporti di ricerca, portare avanti progetti di sensibilizzazione e divulgazione, coinvolgendo anche istituzioni e amministrazioni locali.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute
Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute

Cancro infantile: fondamentale combattere le disuguaglianze nelle cure
Cancro infantile: fondamentale combattere le disuguaglianze nelle cure

Salute mentale in Calabria: il Progetto Gedeone rompe gli schemi di chi non ha schemi
Salute mentale in Calabria: il Progetto Gedeone rompe gli schemi di chi non ha schemi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Elezioni regionali 2024: andiamo a votare! – INMR #19

|

Siccità in Sicilia, la regione in zona rossa per carenza d’acqua

|

Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute

|

Officina Naturae: acquistare detergenti e cosmetici etici ed ecologici è possibile – Io Faccio Così #399

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

string(7) "sicilia"